17°

Spettacoli

Zeffirelli, 90 anni da record tra cinema e teatro

Zeffirelli, 90 anni da record tra cinema e teatro
1

Giorgio Gosetti

In passato la regina d’Inghilterra ha dato il titolo di Baronetto anche ad artisti popolari come Elton John e Bono degli U2. Ma Franco Zeffirelli, che il 12 febbraio festeggia 90 anni, è sicuramente l’unico regista italiano che può fregiarsi del titolo di cavaliere dell’ordine dell’impero britannico (KBE) da quando l’ambita onorificenza gli fu appuntata nel novembre del 2004. Si fa volentieri chiamare Maestro e certamente, da fiorentino purosangue, ama pensare alla sua vita e alla sua carriera come al rigoglioso frutto di una bottega che ebbe in Luchino Visconti il primo maestro. Era appena diplomato all’Accademia di Belle Arti quando il principe milanese lo volle per allestire le scene teatrali di 'Troilo e Cressidà e poi lo chiamò, come assistente, sul set di 'La terra tremà. Cominciava così un sodalizio vitale, burrascoso e fecondo che coinvolse gli affetti di Zeffirelli, la sua formazione estetica, la sua carriera. Senza Visconti, probabilmente il giovane orfano (il padre non lo aveva riconosciuto, la madre morì quando era bambino) non avrebbe calcato i palcoscenici più famosi, non sarebbe diventato amico e confidente di stelle come Maria Callas o Richard Burton, non avrebbe potuto debuttare dietro la cinepresa già nel '57 (con 'Camping') dopo un tirocinio che lo aveva affiancato a Francesco Rosi nella lavorazione di 'Sensò (1954).
Eppure quella cavalcata folgorante e fortunata fu anche il segno critico che per molti anni non avrebbe abbandonato l'immagine di Zeffirelli, fino a diventare un vanto e una maledizione: lo hanno descritto come un calligrafo, un esteta, uno scenografo vestito da regista. E invece onestà vuole che si ricordi il suo vibrante documentario sull'alluvione di Firenze (1966) con la voce narrante proprio di Burton e poi una coppia di successi spettacolari come 'La bisbetica domatà (che nel '67
riunì Burton e Liz Taylor) e 'Romeo e Giuliettà (1968). Il nume tutelare era la penna di William Shakespeare, sua la lingua che aprì al regista italiano le porte della fama internazionale, tutti italiani il gusto e la cultura che rivitalizzavano le due grandi tragedie elisabettiane. Quattro anni dopo l’operazione si ripete nel nome di San Francesco con 'Fratello sole, sorella lunà (1972). Ormai Zeffirelli è una star, eppure un pregiudizio negativo lo accompagnerà sempre per il suo gusto anticonformista di smarcarsi costantemente dalle correnti del pensiero dominante. Polemico, feroce nei giudizi, scoperto nelle fragilità personali (compresa un’omosessualità vissuta senza clamori, ma senza compromessi), orgogliosamente fazioso, dalla politica allo sport, Zeffirelli si riterrà a lungo uno straniero in Italia. L’altra sua anima è quella cattolica, che trova le radici nel magistero di Giorgio La Pira, carismatica figura della fede in politica che fu suo istitutore al convento di San Marco. Non è certo uno sperimentatore Zeffirelli, eppure proprio nel '74 si cimenta con la tv filmando la cerimonia dell’Anno Santo e poi, due anni dopo, firma per la Rai, il kolossal 'Gesu» con Robert Powell nei panni del Cristo. Ma appena può si rifugia in teatro, dimostrandosi insuperabile come custode dell’allestimento classico per l’opera lirica. La sua 'Aidà verdiana farà storia, ripetutamente verrà chiamato ad aprire la stagione della Scala. È come se questo secondo amore assorbisse tutte le sue energie da quel punto in poi. Non abbandona il cinema, ma sono rari i titoli successivi capaci di fare storia, dal contestato 'Il giovane Toscaninì a un modernissimo 'Amletò che meriterebbe rivisitazione critica. Dagli anni '90 la sua firma si fa più rada. Nel '94 entra in Parlamento, eletto senatore a Catania nelle liste di Forza Italia, confermandosi due anni più tardi. Anche nella cultura liberale il suo anticonformismo disturba più d’uno e le sue proposte per la cultura e per l’ambiente non hanno seguito. I riconoscimenti che scandiscono la sua carriera sono relativamente pochi rispetto al grande successo conquistato: c'è da riflettere sul fatto che nessun grande festival, neppure l'Oscar abbia voluto riconoscere il suo indubbio talento. Da qualche anno si è rinchiuso in un quieto silenzio, circondato dall’affetto di pochi amici e dei suoi cani nella bella casa romana e nella villa sulla costiera amalfitana. Ha sempre sognato uno spettacolo al servizio di grandi interpreti, di grandi spazi, di lussuose confezioni. Ha immaginato una cultura italiana ancora rinascimentale, intrisa di gusto antico e di eleganti riferimenti al passato. Ha voluto un’Italia dell’arte e del bello capace di conquistare ancora il mondo, e più di una volta ci è riuscito, pagando però il prezzo dell’isolamento e di un 'passatismò scambiato spesso per arroganza aristocratica. La sua visione del mondo e di se stesso è affidata alla bella autobiografia del 2008. Giovane bellissimo, poi dandy raffinato ed elegante, infine gentiluomo anziano e solitario, Zeffirelli resta un testimone isolato di una civiltà ormai scomparsa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rataplan

    28 Gennaio @ 18.49

    Grande Maestro, Busseto ti ricorda ai tempi del centenario per l' allestimento di un' inimitabile Aida tra il teatro e gli "Spaghetti" della Saura. AUGURI

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi

Reggio

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi Foto

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto contro un camion: gravissimo un motociclista

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista

lavoro

Occupazione: Bolzano è regina (73%), Parma è quinta (68,7%)

soragna

Scompare un 50enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero Foto

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

tg parma

Presentate le liste di Forza Italia e Fratelli d'Italia Video

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

polizia

"C'è un'auto sospetta": era rubata e carica di arnesi da scasso

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

10commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

1commento

assemblea

Ordine commercialisti: approvato il bilancio (positivo)

Incidente

Bimbo investito da un'auto a Fontanellato

Scontro auto-scooter a Sanguinaro: un ferito

PENSIONI

Ape social, al via le domande

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

ambiente

Lupo ucciso e scuoiato: "taglia" per trovare i responsabili

Piacenza

A processo capo scout: avrebbe toccato il seno a una 16enne

1commento

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

I 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula uno

Gp di Russia: la prima fila è della Ferrari. Vettel in pole

TENNIS

La Sharapova continua a vincere

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento