20°

36°

Spettacoli

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna
Ricevi gratis le news
0

VIENNA

Elena Formica
Chissà come si chiamava. Era un suonatore d’organetto. Un giorno, lungo il tragitto fra l’Hotel Munsch e la Hofoper, Verdi incontrò questo pover’ uomo che faceva ascoltare, per le strade di Vienna, “La donna è mobile” da Rigoletto. Il Maestro gli gettò qualche moneta nel cappello, com’era suo costume. Però gli disse che quella “donna” era troppo mobile, che non andava suonata così in fretta. Kein Problem! L’indomani,  il suonatore non solo aveva obbedito e rallentato il tempo, ma si era appeso al collo un cartello con la scritta: “Allievo di Giuseppe Verdi".
Svelto come un napoletano questo austriaco o boemo o ungherese, la cui vita s’è incrociata per un attimo con quella del grande Maestro che a Vienna, nel 1875, dirigeva Aida. Trentadue anni  prima, giovane compositore pressoché sconosciuto al di là delle Alpi, Verdi aveva debuttato a Vienna con Nabucco. Non è dunque un caso che il Bicentenario Verdiano alla Wiener Staatsoper sia stato inaugurato, ora, con questo titolo.
La “prima”? Un successo, tanti applausi. Regia di Günter Krämer: da una parte gli Ebrei di una città dell’est Europa attorno al 1940, dall’altra un despota in abiti civili (per essere nazisti o antisemiti non occorrono uniformi). Due, per chi scrive, gli elementi di spicco: la direzione di Jesús López Cobos – tesa, nitida, scintillante - e l’interpretazione di Michele Pertusi nel ruolo di Zaccaria. Va detto subito, infatti, che il baritono Andrzej Dobber non s’è dimostrato un Nabucco all’altezza della situazione. Sia chiaro: la voce è potente, lo strumento è per certi aspetti raro; anche la prestanza fisica è ragguardevole, benché poco abbia a che vedere, nella fattispecie, con una vera, intensa “presenza” scenica. Si sono ravvisate, semmai, parecchie “assenze” in termini di gestione vocale e di senso del linguaggio, del personaggio, del dramma. Un “Nabuccone” robotico e legnoso: peccato. Il soprano Elisabete Matos (Abigaille) cantava per la prima volta alla Staatsoper. Ruolo arduo, il suo, affrontato con passione, seppur  giocando troppo spesso la carta dell’acuto formidabile (etimologicamente: “da paura”) forse per depistare dalla vacuità dei centri e da una certa fatica nei gravi. 
Il basso parmigiano Michele Pertusi è stato, anche per la cronaca, il trionfatore della serata. Su di lui, a scena aperta, una pioggia di “bravo!”. Un artista carismatico. Voce nobile, duttile, così naturale e nel contempo magica per la capacità di effettuare voli radenti sul suono (qui superlativo!) dell’orchestra , lanciandosi così senza forzature oltre se stessa, dentro alla musica, dentro all’avventura di questo giovane Verdi che non è “sangue e arena”, ma è già nervo, mente, parola. Quanto al resto, bene il coro; interessante la Fenena di Monika Bohinec; bravo assai il tenore Dimitrios Flemotomos (Ismaele).
 (foto: Wiener Staatsoper / Michael Pöhn)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Musica

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Musica

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park Video

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Coda di 7 chilometri fra Campegine e Parma, uscita consigliata a Reggio per chi arriva da Bologna

Code nella zona Est di Parma

Autostrada

Bisarca perde due auto in A1: traffico in tilt fra Parma e Reggio, code in tangenziale

incidente

Moto contro auto in via Traversetolo: un ferito grave

via picasso

"Sosta" al bar Tato nella notte: il ladri svuotano tre slot machine

L'amarezza del proprietario: il video

1commento

Delitto San Leonardo

Solomon incontra il papà: "Non volevo ucciderle"

7commenti

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

tg parma

Operato alla testa, il sindaco di Varsi resta in Rianimazione Video

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

3commenti

fisco

Ingrosso di elettronica: maxi-frode da 60 milioni. Anche Parma coinvolta

Accoglienza

Ma cosa fanno i profughi? Ecco la loro giornata tipo

4commenti

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

1commento

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

2commenti

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

SOCIETA'

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

tg parma

Analizzata la rabbia on line: Parma in 46esima posizione

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

IL TEST

Kodiaq, il grande Suv Skoda