13°

30°

Spettacoli

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna
0

VIENNA

Elena Formica
Chissà come si chiamava. Era un suonatore d’organetto. Un giorno, lungo il tragitto fra l’Hotel Munsch e la Hofoper, Verdi incontrò questo pover’ uomo che faceva ascoltare, per le strade di Vienna, “La donna è mobile” da Rigoletto. Il Maestro gli gettò qualche moneta nel cappello, com’era suo costume. Però gli disse che quella “donna” era troppo mobile, che non andava suonata così in fretta. Kein Problem! L’indomani,  il suonatore non solo aveva obbedito e rallentato il tempo, ma si era appeso al collo un cartello con la scritta: “Allievo di Giuseppe Verdi".
Svelto come un napoletano questo austriaco o boemo o ungherese, la cui vita s’è incrociata per un attimo con quella del grande Maestro che a Vienna, nel 1875, dirigeva Aida. Trentadue anni  prima, giovane compositore pressoché sconosciuto al di là delle Alpi, Verdi aveva debuttato a Vienna con Nabucco. Non è dunque un caso che il Bicentenario Verdiano alla Wiener Staatsoper sia stato inaugurato, ora, con questo titolo.
La “prima”? Un successo, tanti applausi. Regia di Günter Krämer: da una parte gli Ebrei di una città dell’est Europa attorno al 1940, dall’altra un despota in abiti civili (per essere nazisti o antisemiti non occorrono uniformi). Due, per chi scrive, gli elementi di spicco: la direzione di Jesús López Cobos – tesa, nitida, scintillante - e l’interpretazione di Michele Pertusi nel ruolo di Zaccaria. Va detto subito, infatti, che il baritono Andrzej Dobber non s’è dimostrato un Nabucco all’altezza della situazione. Sia chiaro: la voce è potente, lo strumento è per certi aspetti raro; anche la prestanza fisica è ragguardevole, benché poco abbia a che vedere, nella fattispecie, con una vera, intensa “presenza” scenica. Si sono ravvisate, semmai, parecchie “assenze” in termini di gestione vocale e di senso del linguaggio, del personaggio, del dramma. Un “Nabuccone” robotico e legnoso: peccato. Il soprano Elisabete Matos (Abigaille) cantava per la prima volta alla Staatsoper. Ruolo arduo, il suo, affrontato con passione, seppur  giocando troppo spesso la carta dell’acuto formidabile (etimologicamente: “da paura”) forse per depistare dalla vacuità dei centri e da una certa fatica nei gravi. 
Il basso parmigiano Michele Pertusi è stato, anche per la cronaca, il trionfatore della serata. Su di lui, a scena aperta, una pioggia di “bravo!”. Un artista carismatico. Voce nobile, duttile, così naturale e nel contempo magica per la capacità di effettuare voli radenti sul suono (qui superlativo!) dell’orchestra , lanciandosi così senza forzature oltre se stessa, dentro alla musica, dentro all’avventura di questo giovane Verdi che non è “sangue e arena”, ma è già nervo, mente, parola. Quanto al resto, bene il coro; interessante la Fenena di Monika Bohinec; bravo assai il tenore Dimitrios Flemotomos (Ismaele).
 (foto: Wiener Staatsoper / Michael Pöhn)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza sulla Pietra di Bismantova: ferito 25enne di Parma

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

SEMBRA IERI

Sembra ieri: via Farini affollata di autobus (1998)

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

salso

Terme, via libera alla liquidazione

Autostrada

Incidente e traffico intenso: code in A1 e in A15 in serata

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover