16°

Spettacoli

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna

SempreVerdi - Il Nabucco a Vienna
0

VIENNA

Elena Formica
Chissà come si chiamava. Era un suonatore d’organetto. Un giorno, lungo il tragitto fra l’Hotel Munsch e la Hofoper, Verdi incontrò questo pover’ uomo che faceva ascoltare, per le strade di Vienna, “La donna è mobile” da Rigoletto. Il Maestro gli gettò qualche moneta nel cappello, com’era suo costume. Però gli disse che quella “donna” era troppo mobile, che non andava suonata così in fretta. Kein Problem! L’indomani,  il suonatore non solo aveva obbedito e rallentato il tempo, ma si era appeso al collo un cartello con la scritta: “Allievo di Giuseppe Verdi".
Svelto come un napoletano questo austriaco o boemo o ungherese, la cui vita s’è incrociata per un attimo con quella del grande Maestro che a Vienna, nel 1875, dirigeva Aida. Trentadue anni  prima, giovane compositore pressoché sconosciuto al di là delle Alpi, Verdi aveva debuttato a Vienna con Nabucco. Non è dunque un caso che il Bicentenario Verdiano alla Wiener Staatsoper sia stato inaugurato, ora, con questo titolo.
La “prima”? Un successo, tanti applausi. Regia di Günter Krämer: da una parte gli Ebrei di una città dell’est Europa attorno al 1940, dall’altra un despota in abiti civili (per essere nazisti o antisemiti non occorrono uniformi). Due, per chi scrive, gli elementi di spicco: la direzione di Jesús López Cobos – tesa, nitida, scintillante - e l’interpretazione di Michele Pertusi nel ruolo di Zaccaria. Va detto subito, infatti, che il baritono Andrzej Dobber non s’è dimostrato un Nabucco all’altezza della situazione. Sia chiaro: la voce è potente, lo strumento è per certi aspetti raro; anche la prestanza fisica è ragguardevole, benché poco abbia a che vedere, nella fattispecie, con una vera, intensa “presenza” scenica. Si sono ravvisate, semmai, parecchie “assenze” in termini di gestione vocale e di senso del linguaggio, del personaggio, del dramma. Un “Nabuccone” robotico e legnoso: peccato. Il soprano Elisabete Matos (Abigaille) cantava per la prima volta alla Staatsoper. Ruolo arduo, il suo, affrontato con passione, seppur  giocando troppo spesso la carta dell’acuto formidabile (etimologicamente: “da paura”) forse per depistare dalla vacuità dei centri e da una certa fatica nei gravi. 
Il basso parmigiano Michele Pertusi è stato, anche per la cronaca, il trionfatore della serata. Su di lui, a scena aperta, una pioggia di “bravo!”. Un artista carismatico. Voce nobile, duttile, così naturale e nel contempo magica per la capacità di effettuare voli radenti sul suono (qui superlativo!) dell’orchestra , lanciandosi così senza forzature oltre se stessa, dentro alla musica, dentro all’avventura di questo giovane Verdi che non è “sangue e arena”, ma è già nervo, mente, parola. Quanto al resto, bene il coro; interessante la Fenena di Monika Bohinec; bravo assai il tenore Dimitrios Flemotomos (Ismaele).
 (foto: Wiener Staatsoper / Michael Pöhn)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salso

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Piazzale Dalla Chiesa assediato dal degrado

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

5commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Corniglio

Lupo morto avvelenato

2commenti

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Calcio

Parma, che bel poker

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

23commenti

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

SORBOLO

Verde pubblico, gestione a costo zero

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

1commento

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Qualcuno ha visto Kira?

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017