21°

31°

Spettacoli

Libri: le ultime ore di Mia Martini raccontate da Aldo Nove

Libri: le ultime ore di Mia Martini raccontate da Aldo Nove
Ricevi gratis le news
0

Francesca Pierleoni

ALDO NOVE, MI CHIAMO...(Skira, pp.128, 14 euro) – Mentre in tv domina Sanremo, tra le novità in libreria c'è un volumetto che rende omaggio a una delle più grandi interpreti passate sul palco dell’Ariston, Mia Martini. Aldo Nove, in 'Mi chiamo...' ne ripercorre attraverso versi struggenti e rabbiosi le ultime ore di vita.

Un racconto alternato a un viaggio in vari momenti della storia della cantante e in particolare su quell'oltraggio che ne ha condizionato in modo vergognoso la vita e la carriera, cioè la voce, alimentata spesso anche da colleghi e gente del settore, che portasse sfortuna.

Nove, da sempre fan della Martini, nata a Bagnara Calabra nel '47 e morta a Cardano al campo (Varese), nel 1995 a soli 47 anni, la immagina nelle ultime ore, sola in un letto, sofferente e in lotta, mentre ripensa alla sua vita: «Avete detto che sono una strega. Mi avete messa sul rogo. Mi avete dato fuoco. Ho bruciato nei vostri pensieri». Si torna poi all’infanzia di Domenica (il suo vero nome è Domenica Bertè, Mia Martini è il nome d’arte), a Bagnara, e ai primi amici, ai suoi sogni, come quello da bambina di andare in Amazzonia. Vediamo le figure importanti della sua vita, le tre sorelle, la madre e un padre a cui è legatissima, ma che non capisce nè lei, nè il suo desiderio di diventare cantante. Nove salta poi ai primi successi, la fama di nuova stella e la prima 'cadutà, l’arresto per il possesso nel 1969 di pochi grammi di hashish.

Una prima disavventura che mostra alla cantante come quell'ambiente le si potesse rivoltare contro: «La vita sciupa tutto. Non fa calcoli. È assurdamente generosa. È avara. Ti consuma dentro o ti riempie di se». Un periodo d’oro e pieno di trappole in cui la nuova stella Martini è sulle copertine, al centro dei gossip e delle storie inventate dai giornalisti, come quella di un suo odio per la più tradizionale Orietta Berti. «Ero il bersaglio. Un pupazzo di parole. Da colpire. Nessuno mi aveva avvisato. Nessuno mi aveva spiegato le regole del gioco. E intanto 'funzionavò».
Poi tutto precipita: l’incidente, negli anni '70, in cui muoiono dei due componenti del gruppo che l’accompagnava, dà il via alle voci che lei porti jella. Una bugia che diventa un peso insostenibile: gli ingaggi per i concerti diventano sempre meno;  la sua casa discografica non manda in giro il materiale sui suoi dischi; una sua partecipazione al Festivalbar viene cancellata nella messa in onda televisiva; colleghi fanno battute crudeli (tra i 'simpaticonì si cita Gianni Boncompagni); altri che inventano storie di lampadine saltate, piatti rotti, incidenti, quando si pronuncia il suo nome.
Nove, aiutato nella documentazione dal biografo della cantate Menico Caroli e da Pippo Augliera, sito ufficiale della cantante, Chez Mimi, firma un j'accuse su un ambiente «particolarmente impermeabile a questi obbrobri – spiega nella nota a chiusura del libro -. Mia Martini è stata probabilmente l'artista che maggiormente si è trovata ad incarnare, per una somma di coincidenze ma innanzitutto per la stupidità e la cattiveria dei suoi colleghi, la figura della portatrice di jella, fino a morirne». Tuttavia non mancano nel volume finestre sulla passione della cantante per la sua arte, attraverso momenti che le sono restati dentro, come il duetto con Aznavour e il suo abbandonarsi agli amori che ha avuto: «Tutte le volte che ho amato l’ho fatto con tutta me stessa. Non si può amare un pò. Un pò non è amore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Lutto

Morto Maurizio Carra

Teatro

E' morta l'attrice Tania Rochetta

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti