20°

36°

Spettacoli

Faggiani: "L'amore per Verdi? Una voce che sento ogni giorno"

Faggiani: "L'amore per Verdi? Una voce che sento ogni giorno"
Ricevi gratis le news
1

 Giulio Alessandro Bocchi

Non è bastata la neve a fermare sabato sera il pubblico di Parma Lirica, affezionato alle presentazioni di Martino Faggiani e del Coro del Teatro Regio. Questa volta (presente anche il direttore artistico del Regio Paolo Arcà) era di scena il «Nabucco» e quindi l’occasione era particolarmente importante. Ormai il Coro ha rappresentato e inciso quasi tutte le opere di Verdi, ma l’amore di Faggiani è nato molto prima di trasferirsi a Parma per dirigere il Coro del Teatro Regio, che in 13 anni di attività è riuscito ad ottenere anche numerosi premi.
 «Il mio amore per Verdi - racconta Faggiani - nacque da una situazione apparentemente poco promettente: ero un ragazzino e mio padre, una domenica di pioggia, mi disse di andare all’opera. Avevo 11 anni e me ne andai da solo a vedere una recita della Bohème. Riguardando oggi il libretto con il cast mi viene da pensare che fosse qualcosa di terribile, ma intanto il colpo di fulmine era scattato. Poche settimane dopo ritornai a teatro per vedere il Trovatore e da allora credo che Verdi sia diventato quasi una voce che sento quotidianamente. Di Verdi negli ultimi anni sono diventato quasi mono-maniaco». «Oggi - prosegue - abbiamo fatto il 'Va, pensiero' forse per la cinquecentesima volta e mi sono venute in mente le parole di Furtwängler quando gli veniva chiesto perché dirigesse sempre le stesse sinfonie: 'Per me non sono mai le stesse'. Devo dire di riconoscermi molto in questa affermazione. Quando la musica è così grande e perfetta, la sublime semplicità di questa pagina, la sincerità e la capacità di parlare in questa maniera così umana non finiscono mai di dire quello che hanno da dire. Il nostro lavoro su questo compositore credo che ormai sia arrivato ad esiti abbastanza definitivi, ma questa musica è talmente grande che non mi stupirei, riprendendola tra dieci anni, di trovare nuove cose. Il Nabucco l’abbiamo affrontato per la prima volta nel 2002 e in questi undici anni il modo di vedere questa partitura è cambiato tantissimo».
Quando gli si chiede se un'opera verdiana in particolare presenti dei problemi per il coro, Faggiani risponde: «ogni opera presente diversi problemi: la Traviata ad esempio per il coro potrebbe sembrare apparentemente semplice ma in realtà è piena di trappole, posso dire che per certi versi mi ha sempre innervosito. Nelle opere dove il coro è protagonista si lavora con più dedizione, ma anche in quelle con un ruolo marginale c’è da lavorare con attenzione. Ogni pagina ha le proprie insidie e in Verdi non va sottovalutato niente». Riguardo al «Va, pensiero» che quest’anno ha aperto il Festival di Sanremo, il maestro del coro non si sbilancia: «non l’ho visto, ma ribadisco che non ha nessun senso proporlo come inno italiano!». La maggior parte degli elementi del Coro del Teatro Regio collabora da tredici anni, mantenendo quasi lo stesso organico e non perde occasione per far sapere che il momento è difficile, ma che ha ancora intenzione di tenere duro. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone

    25 Febbraio @ 21.14

    Bravo maestro! E\' sempre grande, mi commuovo quando la sento spiegare

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Furto al Famila

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo/noceto

Guasto a una condotta: Bianconese e Ponte Taro senz'acqua

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Violinista

Borissova, una bulgara «parmigiana»

Calcio

Serie A al via: i pronostici di Perrone

1commento

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

politica

"Fare! con Tosi": "Referendum per l’autonomia anche per l'Emilia Romagna"

1commento

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

barcellona

Furgone sulla folla: almeno 13 morti e 80 feriti. C'è un terzo arresto

3commenti

SPORT

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti