-4°

Spettacoli

Mè, Pèk e Barba: 10 anni di folk valgono la festa

Mè, Pèk e Barba: 10 anni di folk valgono la festa
0

Marina Fava

Sabato sera, in concomitanza con i festeggiamenti di San Patrizio patrono della verde terra irlandese, la band parmense dei Mé, Pék e Barba, insieme ad ospiti davvero d’eccezione, ha festeggiato sul palco del Fuori Orario i suoi dieci anni di attività «nu folk», tra sonorità celtiche e ripresa di melodie e leggende popolari tipiche della nostra terra.
Ad accompagnare la band della Bassa, in questo viaggio nel tempo, la maestria di Gigi Cavalli Cocchi (storico batterista di Ligabue, C.S.I,..), il virtuoso mandolinista Franco Giordani, collaboratore storico del cantore friulano Luigi Maieron, e la prorompente voce di Michela Ollari, indimenticabile cantante dei Terramare.
 Una serata ricca di sorprese, inaugurata dall’ingresso del mentalista fidentino Francesco Busani. La magia è una pratica antica e l’artista, con un abile gioco d’illusione davvero d’effetto, ha contribuito a creare un’atmosfera magica ed ancestrale. Subito dopo si sonno sprigionate dal palco le inconfondibili melodie folk dei Mé, Pék e Barba che con il «Treno del ‘900» hanno iniziato il viaggio nel tempo e nello spazio dei ricordi, partendo dalla «stazione» del Fuori Orario. Il percorso della band di Sandro Pezzarossa è iniziato dunque dieci anni fa dall’incontro di amici che, musicando le emozioni, le storie e le leggende, hanno dato vita ad un progetto «nu folk» che a tratti si avvicina alle sonorità dei Modena City Ramblers. Con quattro dischi all’attivo, innumerevoli live, premi e partecipazioni a scopo benefico, la band è sempre rimasta fedele a se stessa, alla terra dalla quale proviene e alla quale rende omaggio, brano dopo brano, con ironia ma anche con nostalgia e tenerezza.
Sono le storie raccontate dagli anziani del paese, quelle che si ascoltano migliaia di volte, senza che perdano mai il loro risvolto magico. Sono queste le leggende popolari e i racconti che interessano ai Mé, Pék e Barba. Così sul palco la band, insieme a Michela Ollari, ha riproposto soprattutto i brani tratti dall’ultimo disco «La scatola magica» e con «La madgona dal casal» ha narrato la storia di una delle tante guaritrici della nostra terra. Con «Tacabanda e Orsanti» ha raccontato la storia degli emigranti della Val Taro, costretti a vagare per il mondo in cerca di fortuna diventando girovaghi circensi.
Non sono mancati poi i brani storici della band nata a Roccabianca quali «La rosa e l’urtiga», «La festa di San Luppolo», le inconfondibili ballads irlandesi e l'inevitabile tributo ai Pogues. Il pubblico, davvero entusiasta, ha accompagnato danzando dal-
l’inizio alla fine del concerto e cantando i testi delle canzoni imparati a memoria. Poi, a sorpresa come in un gioco d’illusione, sono «apparsi» sui balconcini della sala concerti i trenta elementi della banda comunale «Giuseppe Verdi» di Busseto, diretti da Alessandra Tamborlani. Stavolta in repertorio non avevano il «Nabucco» o «La Traviata» ma i brani dei Mé, Pék e Barba che hanno accompagnato fino al brindisi finale, celebrando le mille e una storia raccontate da una band «tanta muzicäla da fär tutti un po' cantär».                                                        

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery