-2°

Spettacoli

Verdi e Cajkovskij legati dal filo della solidarietà

Verdi e Cajkovskij legati dal filo della solidarietà
1

Elena Formica

Non andava pazzo per Verdi. Ma questo italiano era troppo grande per essere ignorato. Bisognava ascoltarlo sempre, ovunque, comunque. E alla fine non c’era di lui – della sua musica – qualcosa che non potesse essere anche (e sinceramente) amato. Così Cajkovskij, che a lato dell’attività di compositore svolgeva quella di critico per la «Russkie Vedemosti», assistette a molte opere di Verdi e le recensì. Al Bolshoi di Mosca spadroneggiava all’epoca un astuto impresario di nome Eugenio Merelli (non è detto che fosse figlio del più famoso Bartolomeo), abile mercante di spettacoli «all inclusive», per lo più Trovatori e Traviate che mandavano in visibilio il pubblico moscovita ma non Cajkovskij. Eppure, benché avesse definito Il Trovatore un’opera «banale», il compositore russo riusciva ad emozionarsi alla morte di Violetta o nel duetto Aida-Amneris.
Che dire: una «liaison dangereuse», seducente e inquieta, quella musicale tra Verdi e Cajkovskij. Un filo elettrico scoperto, vibrante, lo stesso che ha attraversato incandescente un concerto romano per almeno due motivi straordinario: l’essere stato eseguito da un complesso di 100 elementi in cui erano fuse l’Orchestra del Conservatorio «Arrigo Boito» di Parma e la Sinfonica di Roma; l’aver destinato l’incasso al restauro dell’Auditorium del Carmine, sede concertistica del Conservatorio di Parma, lesionato dal sisma del maggio scorso. In programma il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 op. 23 di Cajkovskij (al pianoforte Roberto Cappello) e un degno omaggio a Verdi nel bicentenario della nascita: Preludi e Sinfonie da Traviata (atto I), Giovanna d’Arco, Un ballo in maschera e Vespri Siciliani, oltre alla Marcia trionfale con ballabile da Aida. Sul podio Francesco La Vecchia, direttore artistico e musicale dell’Orchestra Sinfonica di Roma, grazie al quale l’Orchestra del «Boito» ha potuto esibirsi in una delle più prestigiose sale da concerto romane: l’Auditorium Conciliazione. Pubblico numeroso, entusiasta; circa un migliaio di persone hanno applaudito quest’ esperienza ardita e singolare, non poco rischiosa, accolta con generosità e coraggio da La Vecchia su proposta di Cappello. Una sfida affrontata e vinta con quel talento speciale che appartiene a tanti giovani (assai più di quanti immaginiamo) e ai loro maestri: la passione. Ascoltando questi ragazzi, affiancati in orchestra da alcuni dei loro insegnanti e dai professori della Sinfonica di Roma, la gioia per ciò che hanno saputo fare, per ciò che hanno saputo essere al cospetto del pubblico e di La Vecchia, s’è all’improvviso mescolata alla rabbia: quanto è infame lo spreco di gioventù che si è perpetrato (e non cessa) nel nostro Paese! Non solo nella musica, sia chiaro. Ma la musica ce la suona, ce la canta, la verità. E verità è stato anche il formidabile pianismo di Roberto Cappello, quell’energia sanguigna e morale insieme che lo ha fatto volare sulla tastiera cavandone, con materico portento, accordi a piene mani, folli trasferimenti di registro, incredibili passi d’ottava e trilli, combinazioni di doppie note, avventurosi incroci. Tutto l’ «ineseguibile» di questo Cajkovskij domato con potente umanità, con tecnica infallibile come il cuore di un atleta e con qualcosa in più che è raro, in altri, ascoltare: un eroico, estremo istinto al dialogo con l’orchestra in quel campo di battaglia fra titani che è il concerto cajkovskijano. Con Cappello, sopra tutto una trascinante volontà di bellezza. E continui sguardi orgogliosi, fiduciosi, sui «suoi» ragazzi tra le file. A gran richiesta, il Maestro ha concesso come bis l’Ave Maria di Schubert-Liszt. Il brano è stato dedicato a Papa Francesco, una speranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • paola

    27 Marzo @ 08.22

    Brava Elena, la tua penna è sempre felicissima|!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017