Spettacoli

Pubblicità occulta, la Rai licenzia Alessandro Di Pietro

Pubblicità occulta, la Rai licenzia Alessandro Di Pietro
0

Niente più vademecum da tenere a mente tra i banchi del supermercato, consigli per 'acquisti saggì, viaggi a caccia del prodotto dop. Alessandro Di Pietro, conduttore di Occhio alla spesa, è stato licenziato dalla Rai, 'reò – a giudizio dell’azienda – di aver fatto pubblicità occulta a una pasta per diabetici in tre puntate del 2012 finite nel mirino dell’Antitrust e costate alla tv pubblica una multa da 25 mila euro. Di Pietro, che prima ancora che si diffondesse la notizia del provvedimento ha fatto sapere di essere stato ricoverato per un malore, farà ricorso e chiederà i danni.

Colpito «nella prima mattina di oggi», da «un malore di natura cardiaca», Di Pietro è ricoverato in clinica e dovrà osservare «assoluto riposo», annuncia l’ufficio stampa del conduttore, spiegando così la mancata messa in onda di Occhio alla spesa. Bocche cucite a Viale Mazzini, ma presto trapela che già ieri la Rai avrebbe notificato a Di Pietro la lettera di rescissione del contratto, dopo aver preso visione del provvedimento dell’Antitrust del 31 gennaio e aver avuto accesso a tutti gli atti. I legali del presentatore, Carlo e Adriano Izzo, annunciano immediato ricorso, definendo il licenziamento «del tutto illegittimo ed arbitrario, oltre che basato su pretesi indizi del tutto inconsistenti se non addirittura falsi», nonchè la richiesta di «un forte risarcimento danni sia patrimoniale che non patrimoniale».
«L'Antitrust – spiega l’avvocato Carlo Izzo – ha contestato al produttore della pasta al germe di soia e ad altre società collegate la pubblicità ingannevole, alla Rai la pubblicità occulta, per le puntate del 9 gennaio, del 24 aprile e del 28
maggio 2012. Innanzi tutto quello dell’Autorità è un provvedimento non definitivo, perchè non sono trascorsi i 60
giorni dalla notifica ed è ancora impugnabile: licenziare Di Pietro, che peraltro non è stato mai ascoltato, è come condannare un imputato prima della sentenza definitiva. Le contestazioni, poi, sono risibili: si parla di 'tono enfaticò del conduttore, che per noi non vuol dire nulla. E poi non è mai stato pronunciato il nome del produttore, nè sono mai stati indicati o illustrati il prodotto, il marchio, la confezione». I legali negano con forza anche che «Di Pietro abbia acquisito compensi per fare pubblicità a questo prodotto: abbiamo già querelato quanti, in particolare testate online, hanno diffuso questa informazione e siamo pronti a farlo ancora».
Si apre così un doppio contenzioso legale, davanti al giudice del lavoro e al giudice civile. Intanto per questa stagione Occhio alla spesa non andrà più in onda: lo spazio resterà a disposizione degli altri temi affrontati da Unomattina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Sanzionata una signora 78enne che non poteva portare fuori la spazzatura e si è affidata a un vicino

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

7commenti

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Ds Vagnati, lo "accoglie" D'Aversa:"Felice di averlo al mio fianco"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

MILANO

Cadavere di donna avvolto in cellophane in cava dismessa

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

SOCIETA'

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)