12°

Spettacoli

Bertolucci: "La mia seconda vita col 3D"

Bertolucci: "La mia seconda vita col 3D"
0

 Filiberto Molossi

Rivedendo dopo 25 anni "L'ultimo imperatore" mi sono sentito molto vicino al protagonista, al dramma di questo bambino così solo: che è l’imperatore, ma è anche prigioniero nella sua reggia. Mi ha commosso: forse anche perché ora, in 3D, questo mio film sembra ancora più magico». Chissà come si sente, adesso, l’ex ragazzo di Baccanelli, se più imperatore o più prigioniero: adesso che, rigenerato da «Io e te» dopo 10 lunghi anni di assenza dai set, insegue l’idea di un altro film e assiste alla resurrezione cinematografica di uno dei suoi capolavori, la pellicola dei 9 Oscar, riportata in vita per trasmettere, a chi l’ha amata e a chi non l’ha mai visto, emozioni tridimensionali in salsa mandarina. A Cannes per l’ennesima volta («quanti ricordi, quante ansie: ma la cosa più difficile di tutte è stata quando ho dovuto imparare a memoria due frasi in giapponese da dire a Kurosawa...»), Bernardo Bertolucci cita Sant'Agostino (e la sua concezione del tempo) e ribadisce il suo amore per il cinema («tutti i miei piaceri sono legati al cinema: è il mio "camerasutra"»...), pronto a vivere un’altra notte da re indiscusso della settima arte: salutato dall’affetto della Croisette dove è tornato per presentare la nuova versione di uno dei suoi film più amati e famosi. 
Perché trasformare «L'ultimo imperatore» in un film in 3D?
«E perché no? Io vorrei vedere tutti i miei film in 3D: con questo formato le immagini che ho girato nella città proibita risultano ancora più spettacolari, anche se questa è una parola che non mi piace. Rivedendolo in 3D ho riscoperto un film che non ricordavo più: quello, e la meravigliosa fatica che ho fatto per girarlo. E’ una madeleine enorme, immensa: sognavo di fare un film che ricordasse a Hollywood il suo grande passato di film epici. Forse è per quello che in America lo hanno così amato. Un produttore importante mi disse: "Questo film mi ha ricordato perché ho deciso di fare cinema"».
Dopo questa presentazione a Cannes il film tornerà anche nelle sale?
«L'idea è proprio questa: spero esca in tutto il mondo, Cina compresa. E’ stato un lavoro lungo, complesso, costato circa 2 milioni di dollari: sono serviti 9-10 mesi per trasformarlo in 3D. Occorre agire su ogni fotogramma: per buona parte è stato fatto in India. Non avendo mai pensato mentre lo giravo che il film avrebbe avuto una seconda vita in 3D non c'è nessuna di quelle tentazioni che a volte rendono una pellicola tridimensionale un prodotto da circo: è invece un 3D molto discreto, ma altrettanto efficace».
In un primo tempo aveva pensato di girare «Io e te» in 3D: perché poi ha rinunciato? 
«Ho fatto un tentativo ma non mi ha convinto: l’esperimento è fallito per ragioni tecniche. Ogni volta che devi cambiare un obiettivo passano 3 ore: è un processo troppo lungo il 3D. E io invece amo girare rapidamente».
Sta già pensando a un nuovo film?
«Sì: ho un’idea che mi ritorna in testa spesso e che mi convince. Ma non ho ancora trovato la forma giusta, adatta. Posso solo dire che questa volta non sarà tratto da un libro, ma per ora preferisco non parlarne».
Dopo Cannes, Venezia: da presidente di giuria...
«Non potevo non accettare, Barbera è stato molto convincente: mi ha scritto una lettera in cui spiegava come fosse fondamentale che ci fossi. E sono contento di andarci, di nutrirmi di film. Avrò solo una priorità: la bellezza».
 Tra l’altro, quello del presidente è un ruolo che ha già rivestito
«Sì, l’avevo già fatto 30 anni fa, quando premiai Godard: lui era un mito per noi, una leggenda, l’uomo che ha cambiato il cinema. Non aveva mai vinto un premio. Avevo subito pensato, in effetti in maniera un po' impulsiva, di dargli il Leone. Anzi, ubriachissimi dopo una cena di giuria, avevamo deciso di dare tutti i premi a lui. Poi, passata la sbornia, mi sono reso conto che era meglio rivedere un po' la decisione. Ho convinto anche gli altri membri, tranne Oshima che mi disse: "Io quando decido una cosa non cambio più idea". Ma dopo quasi una rissa arrivammo a un accordo...».
Come si immagina il cinema del futuro?
«Non credo ci saranno più le sale, ma sono sicuro che ci saranno ancora i film: anche se forse non li chiameremo più così e li vedremo sul cellulare o magari proiettati sul viso di un’amica». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Soragna

Da sempre senza patente, maxi-multa a una 50enne

9commenti

Animali

Nasce la mutua per curare cani e gatti

Si chiama «Dottor Bau & Dottor Miao» e costerà 120 euro all'anno la nuova previdenza sanitaria privata degli amici a quattro zampe

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery