11°

26°

Spettacoli

Bertolucci: "La mia seconda vita col 3D"

Bertolucci: "La mia seconda vita col 3D"
0

 Filiberto Molossi

Rivedendo dopo 25 anni "L'ultimo imperatore" mi sono sentito molto vicino al protagonista, al dramma di questo bambino così solo: che è l’imperatore, ma è anche prigioniero nella sua reggia. Mi ha commosso: forse anche perché ora, in 3D, questo mio film sembra ancora più magico». Chissà come si sente, adesso, l’ex ragazzo di Baccanelli, se più imperatore o più prigioniero: adesso che, rigenerato da «Io e te» dopo 10 lunghi anni di assenza dai set, insegue l’idea di un altro film e assiste alla resurrezione cinematografica di uno dei suoi capolavori, la pellicola dei 9 Oscar, riportata in vita per trasmettere, a chi l’ha amata e a chi non l’ha mai visto, emozioni tridimensionali in salsa mandarina. A Cannes per l’ennesima volta («quanti ricordi, quante ansie: ma la cosa più difficile di tutte è stata quando ho dovuto imparare a memoria due frasi in giapponese da dire a Kurosawa...»), Bernardo Bertolucci cita Sant'Agostino (e la sua concezione del tempo) e ribadisce il suo amore per il cinema («tutti i miei piaceri sono legati al cinema: è il mio "camerasutra"»...), pronto a vivere un’altra notte da re indiscusso della settima arte: salutato dall’affetto della Croisette dove è tornato per presentare la nuova versione di uno dei suoi film più amati e famosi. 
Perché trasformare «L'ultimo imperatore» in un film in 3D?
«E perché no? Io vorrei vedere tutti i miei film in 3D: con questo formato le immagini che ho girato nella città proibita risultano ancora più spettacolari, anche se questa è una parola che non mi piace. Rivedendolo in 3D ho riscoperto un film che non ricordavo più: quello, e la meravigliosa fatica che ho fatto per girarlo. E’ una madeleine enorme, immensa: sognavo di fare un film che ricordasse a Hollywood il suo grande passato di film epici. Forse è per quello che in America lo hanno così amato. Un produttore importante mi disse: "Questo film mi ha ricordato perché ho deciso di fare cinema"».
Dopo questa presentazione a Cannes il film tornerà anche nelle sale?
«L'idea è proprio questa: spero esca in tutto il mondo, Cina compresa. E’ stato un lavoro lungo, complesso, costato circa 2 milioni di dollari: sono serviti 9-10 mesi per trasformarlo in 3D. Occorre agire su ogni fotogramma: per buona parte è stato fatto in India. Non avendo mai pensato mentre lo giravo che il film avrebbe avuto una seconda vita in 3D non c'è nessuna di quelle tentazioni che a volte rendono una pellicola tridimensionale un prodotto da circo: è invece un 3D molto discreto, ma altrettanto efficace».
In un primo tempo aveva pensato di girare «Io e te» in 3D: perché poi ha rinunciato? 
«Ho fatto un tentativo ma non mi ha convinto: l’esperimento è fallito per ragioni tecniche. Ogni volta che devi cambiare un obiettivo passano 3 ore: è un processo troppo lungo il 3D. E io invece amo girare rapidamente».
Sta già pensando a un nuovo film?
«Sì: ho un’idea che mi ritorna in testa spesso e che mi convince. Ma non ho ancora trovato la forma giusta, adatta. Posso solo dire che questa volta non sarà tratto da un libro, ma per ora preferisco non parlarne».
Dopo Cannes, Venezia: da presidente di giuria...
«Non potevo non accettare, Barbera è stato molto convincente: mi ha scritto una lettera in cui spiegava come fosse fondamentale che ci fossi. E sono contento di andarci, di nutrirmi di film. Avrò solo una priorità: la bellezza».
 Tra l’altro, quello del presidente è un ruolo che ha già rivestito
«Sì, l’avevo già fatto 30 anni fa, quando premiai Godard: lui era un mito per noi, una leggenda, l’uomo che ha cambiato il cinema. Non aveva mai vinto un premio. Avevo subito pensato, in effetti in maniera un po' impulsiva, di dargli il Leone. Anzi, ubriachissimi dopo una cena di giuria, avevamo deciso di dare tutti i premi a lui. Poi, passata la sbornia, mi sono reso conto che era meglio rivedere un po' la decisione. Ho convinto anche gli altri membri, tranne Oshima che mi disse: "Io quando decido una cosa non cambio più idea". Ma dopo quasi una rissa arrivammo a un accordo...».
Come si immagina il cinema del futuro?
«Non credo ci saranno più le sale, ma sono sicuro che ci saranno ancora i film: anche se forse non li chiameremo più così e li vedremo sul cellulare o magari proiettati sul viso di un’amica». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

3commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

1commento

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

2commenti

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

4commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

4commenti

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

3commenti

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Iniziatova

Per il mese di giugno acqua gratis nelle casette Iren

Iniziativa

Acer Parma, bollette listate a lutto per le vittime di Manchester

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a guidare a  generazioni

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

2commenti

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

LONDRA

Voto Gb: dopo Manchester Labour rimonta ancora, -5% da Tory

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

2commenti

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima