12°

Spettacoli

Teatro civile: "Mafie in pentola" arriva a Parma

Teatro civile: "Mafie in pentola" arriva a Parma
0

Mafie in pentola. Libera Terra, il sapore di una sfida arriva a Parma. Lo spettacolo, che coniuga cibo e impegno sociale, farà tappa venerdì 31 maggio al Teatro Europa di via Oradour (ore 21).
Mafie in pentola ha debuttato due anni e mezzo fa: quella di Parma sarà la replica numero 144. Un passo in più verso il traguardo della centocinquantesima.
Giovedì 23 maggio lo spettacolo di «teatro civile-gastronomico sui prodotti di Libera Terra»  torna nel luogo della "prima", il teatro Verdi di Forlimpopoli, dove lo spettacolo debuttò il 9 ottobre 2010 in occasione della consegna del premio Artusi a don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Poi la data di Laveno Mombello, in provincia di Varese, il 24 maggio, e la tappa parmigiana.
«C'è sempre grande attenzione per Mafie in pentola, che tende ad aumentare con il tempo - spiega l'attrice Tiziana Di Masi, contattata da Gazzettadiparma.it» mentre raggiunge Busto Arsizio, dove domani si esibirà al teatro Sociale -. Stiamo anche lanciando il nuovo spettacolo Tutto quello che sto per dirvi è falso, che racconta il legame fra contraffazione e mafie. E' la continuazione di Mafie in pentola. Da luglio cominciamo con il Veneto». A. V.

 Altre informazioni sul sito www.tizianadimasi.it e su www.facebook.com/mafieinpentola
 Il calendario è su http://tizianadimasi.altervista.org/tournee.html
 Archivio Gazzettadiparma.it - Intervista "rosa" a Tiziana Di Masi: "Le donne hanno una marcia in più contro la criminalità"

 

La presentazione "standard" di Mafie in pentola

«Mafie in pentola nasce dal basso - spiega Tiziana Di Masi - come testimonianza di un'esperienza che ci insegna come il cambiamento sia possibile, e continua il proprio viaggio attraverso il passaparola degli spettatori, di persone che lo vogliono portare 'a casa loro', perché lo ritengono giusto e utile. Voglio ringraziare il mio pubblico per aver reso possibile questo piccolo miracolo, che dimostra come in Italia, nonostante tutto, ci sia ancora tanta gente che crede in un futuro migliore».
L'investimento nell'agricoltura biologica, come reazione alle montagne di veleni scaricate dalle mafie nei terreni, costituisce il cuore della sfida lanciata dalle cooperative di Libera Terra in Sicilia, Calabria, Puglia, Campania e infine nel nord Italia, dal Piemonte alla Lombardia, sempre più nelle mani dei clan. Di questo parla “Mafie in pentola”, primo e unico spettacolo dedicato alla storia e ai prodotti delle cooperative sorte nei terreni confiscati alle mafie.
«Le inchieste giudiziarie in corso stanno rivelando ciò che tutti sapevano ma che all'inizio molti, per tornaconto politico, negavano: al nord comandano le mafie. Eppure non mancavano gli elementi per capire che eravamo in piena emergenza, a cominciare da ciò di cui parla il mio spettacolo: la presenza di oltre 1.500 beni confiscati al nord. Nelle prossime date, come di consuetudine, racconterò non solo le storie legate alle cooperative, ma anche un episodio di “mafia a km zero”. Perché il pubblico dev'essere consapevole che questi fatti, purtroppo, riguardano tutti noi, senza distinzioni di città né di quartiere».

Scritto dal giornalista Andrea Guolo (Premio Vergani - Cronista dell’anno 2011), Mafie in pentola - Libera Terra, il sapore di una sfida è il racconto di un viaggio all’interno delle cooperative di Libera Terra dove, sui terreni un tempo in mano alle mafie, è nata una "bella economia" i cui cardini si chiamano agricoltura biologica, qualità, lavoro e rispetto delle leggi. È uno spettacolo che si fonda sulla speranza e sulla rinascita, perché la terra non smette mai di rigenerarsi, basta concederle la possibilità.

Ed ecco che nella Piana di Gioia Tauro, dagli ulivi abbattuti dalla ‘ndrangheta per ricavarne legname e non cederlo alle cooperative, si originano quei polloni che daranno l’olio della speranza; ecco i vigneti bruciati dalla sacra corona unita in Puglia che tornano a fiorire e a regalare un grande vino; ecco in Sicilia l’affermazione di un’agricoltura che rompe il muro delle regole mafiose e versa finalmente i contributi ai lavoratori.

È uno spettacolo sul gusto e su alcune tra le eccellenze del nostro settore agroalimentare. Con un’interpretazione capace di sfumare dal drammatico al brillante e attraverso il coinvolgimento diretto del pubblico, chiamato sul palco ad assaggiare i prodotti, non “chiude” lo stomaco dello spettatore, bensì stimola la sua “fame” di legalità e di cose buone.

Il cibo si fa memoria e occasione di riscatto sociale.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

gossip

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

Angelina Jolie finalmente sorride, in Cambogia

cinema

Angelina Jolie finalmente sorride. In Cambogia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

I presidi

Telefonini a scuola: divieti e sanzioni

3commenti

Traversetolo

Scuola, in bagno solo all'intervallo

2commenti

parma-samb

Fine del primo tempo: Parma-Sambenedettese 2-2 Diretta

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

3commenti

Polizia Municipale

Bocconi sospetti anche al parco di via Micheli

la domenica

Sapore di Carnevale, ciaspole e... Schifitombola: l'agenda

Soragna

Senza patente da sempre, maxi-multa

5commenti

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

1commento

SCUOLA

Troppe richieste per il Marconi: si andrà al sorteggio

Collecchio

«Ozzano è senza medici, ne vogliamo almeno uno»

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

2commenti

il moro

Tir distrutto dalle fiamme nel cortile di una ditta. Danni al "vicino"

FiDENZA

Studente 15enne del Solari in gita, all'ospedale per intossicazione alcolica

13commenti

terremoto

Piccola scossa con epicentro tra Calestano e Terenzo

lega pro

Pordenone ko, il Venezia vola. Parma obbligato a vincere

2commenti

Montecchio

In cassa non trova niente: e il rapinatore se ne va imprecando

Ricerche anche nel Parmense

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

Modena

Le unioni civili valgono anche al cimitero

TECNOLOGIA

Bill Gates: "I robot paghino le tasse"

3commenti

WEEKEND

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

VELLUTO ROSSO

Teatro: orsi, Leonardo e Caino. Tutti insieme appassionatamente

SPORT

dal tardini

Aggressione ai tifosi crociati, lo striscione che risponde ai veneziani Video

Bayern

Dito medio di Ancelotti ai tifosi dell'Hertha: "Mi hanno sputato"

MOTORI

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv

ANTEPRIMA

Nuova Honda Civic, la nostra pagella