20°

36°

Spettacoli

Sorrentino aggiorna "La dolce vita"

Sorrentino aggiorna "La dolce vita"
Ricevi gratis le news
0

 NOSTRO INVIATO

Filiberto Molossi
Viaggio al termine della notte: là dove anche la morte è una recita e il mare è sul soffitto. E nulla resta, tra squarci di bellezza e uno squallore infinito: se non il ricordo di una ragazza che aveva l'odore dei fiori. E poche altre briciole di vita: rimaste sepolte sotto un continuo chiacchiericcio,  nell'eterno bla bla di questi tempi vacui, inutili, annoiati, inermi, vuoti. Comincia con un colpo di cannone e ha la stessa, impressionante, potenza - e la medesima urgenza di farsi ascoltare -, il magnifico film che Paolo Sorrentino ha portato a Cannes, una splendida e amarissima liturgia laica sul niente che siamo, un bellissimo film, in cui tutto è immaginario eppure è tutto vero, sull'Italia contemporanea (e sulle contraddizioni, feroci e devastanti, di una Roma che sopravvive, inconsapevole, a se stessa), ma soprattutto sul senso, sempre sfuggente, di un'eternità che è sempre un passo indietro, chiusa nel cassetto dove è rimasto il libro che non abbiamo mai scritto, in quell'altrove che non è in nessun luogo.
Party che sembrano quelli di Fiorito, discutibili performance teatrali, ricche signore che si scattano foto «per conoscersi meglio», altre che ascoltano solo jazz etiope, artiste bambine, pettinature pirandelliane, esorcisti che parlano solo di cucina, maghi che fanno sparire anche le giraffe, perché se non lo sai è solo e tutto un trucco: girato benissimo, con una forza visionaria e una capacità di astrazione che non ha uguali, «La grande bellezza» (già da oggi nelle sale) è un film definitivo sulla morte di un'epoca, una pellicola surreale e antinarrativa che si muove tra le canzoni della Carrà e il Dies irae, molteplici e coltissime fonti letterarie (Céline, Flaubert ma anche Moravia e Sodati) e ispiratissimi omaggi cinematografici (il Fellini de «La dolce vita», prima di tutto, ma anche quello di «Roma» e «8 1/2», ma anche «La terrazza» di Scola), sprazzi di sublime cattiveria e momenti di infinita malinconia. Itinerario immaginario ma realistico di un osservatore geniale del presente, il film del regista de «Il divo» lascia che il giornalista Jep Gambardella (Toni Servillo, bravissimo), moderno Virgilio di celeste misantropia, scrittore autore di un unico libro («L'apparato umano»), accompagni gli spettatori, con il cinismo di chi è stanco di sè, alla scoperta della sua vita e della sua Roma, tra incontri, feste, amori svaniti, talenti sprecati. Mentre la macchina da presa sembra non potersi dare pace e in costante movimento si volge in qualsiasi direzione trasformando lo sguardo curioso di un grande autore in una consapevolezza comune, in uno stato d'animo collettivo e condiviso quanto l'esperienza cinematografica.
E poco prima che «La grande bellezza» venisse proiettato per la stampa, Sorrentino - atteso oggi alla conferenza stampa - si è unito ieri pomeriggio anche al lungo, lunghissimo, e commosso applauso che ha salutato la prima mondiale del film di un'altra italiana di talento, Valeria Bruni Tedeschi, nuovo capitolo del personalissimo e autobiografico viaggio dell'attrice e regista adottata dalla Francia all'interno delle relazioni familiari, dei suoi vincoli, dei suoi segreti, delle sue abitudini, delle sue incomprensioni, delle sue piccole e grandi manie. Una pellicola, «Un chateau en Italie» (Un castello in Italia), in cui la Bruni Tedeschi mette con coraggio a nudo la commedia drammatica della sua vita, rivisitando per il grande schermo con grande naturalezza e altrettanta sincerità svolte e rovesci del suo vissuto (dalla relazione con Louis Garrel, interpretato da... Louis Garrel, alla morte per Aids dell'amato fratello Virginio, che qui si chiama Ludovico), mettendosi in gioco con ironia e senza reticenze. 
Un esperimento «dal vero» che ha contraddistinto anche i precedenti film dell'attrice italiana e che qui si risolve in un racconto attraverso le stagioni carico di umorismo, tristezza, momenti sbagliati, decadenza, affetto. Un (auto)ritratto empatico di una donna innamorata (e scombinata, un po' nevrotica, a volte vigliacca), tra Buscaglione e la pappa al pomodoro della Pavone (è sua l'esibizione in bianco e nero su cui corrono i titoli di coda), desiderio insopprimibile di maternità e frecciate divertenti a certe manifestazioni bigotte o semplicemente religiose. Mentre un albero cade e un altro prende il suo posto: e qualcosa, l'azienda dove tutto e' ricordo, finisce per sempre e qualcos'altro forse può ricominciare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Furto al Famila

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo/noceto

Guasto a una condotta: Bianconese e Ponte Taro senz'acqua

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Violinista

Borissova, una bulgara «parmigiana»

Calcio

Serie A al via: i pronostici di Perrone

1commento

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

politica

"Fare! con Tosi": "Referendum per l’autonomia anche per l'Emilia Romagna"

1commento

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

barcellona

Furgone sulla folla: almeno 13 morti e 80 feriti. C'è un terzo arresto

3commenti

SPORT

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti