-1°

Spettacoli

Sorrentino aggiorna "La dolce vita"

Sorrentino aggiorna "La dolce vita"
Ricevi gratis le news
0

 NOSTRO INVIATO

Filiberto Molossi
Viaggio al termine della notte: là dove anche la morte è una recita e il mare è sul soffitto. E nulla resta, tra squarci di bellezza e uno squallore infinito: se non il ricordo di una ragazza che aveva l'odore dei fiori. E poche altre briciole di vita: rimaste sepolte sotto un continuo chiacchiericcio,  nell'eterno bla bla di questi tempi vacui, inutili, annoiati, inermi, vuoti. Comincia con un colpo di cannone e ha la stessa, impressionante, potenza - e la medesima urgenza di farsi ascoltare -, il magnifico film che Paolo Sorrentino ha portato a Cannes, una splendida e amarissima liturgia laica sul niente che siamo, un bellissimo film, in cui tutto è immaginario eppure è tutto vero, sull'Italia contemporanea (e sulle contraddizioni, feroci e devastanti, di una Roma che sopravvive, inconsapevole, a se stessa), ma soprattutto sul senso, sempre sfuggente, di un'eternità che è sempre un passo indietro, chiusa nel cassetto dove è rimasto il libro che non abbiamo mai scritto, in quell'altrove che non è in nessun luogo.
Party che sembrano quelli di Fiorito, discutibili performance teatrali, ricche signore che si scattano foto «per conoscersi meglio», altre che ascoltano solo jazz etiope, artiste bambine, pettinature pirandelliane, esorcisti che parlano solo di cucina, maghi che fanno sparire anche le giraffe, perché se non lo sai è solo e tutto un trucco: girato benissimo, con una forza visionaria e una capacità di astrazione che non ha uguali, «La grande bellezza» (già da oggi nelle sale) è un film definitivo sulla morte di un'epoca, una pellicola surreale e antinarrativa che si muove tra le canzoni della Carrà e il Dies irae, molteplici e coltissime fonti letterarie (Céline, Flaubert ma anche Moravia e Sodati) e ispiratissimi omaggi cinematografici (il Fellini de «La dolce vita», prima di tutto, ma anche quello di «Roma» e «8 1/2», ma anche «La terrazza» di Scola), sprazzi di sublime cattiveria e momenti di infinita malinconia. Itinerario immaginario ma realistico di un osservatore geniale del presente, il film del regista de «Il divo» lascia che il giornalista Jep Gambardella (Toni Servillo, bravissimo), moderno Virgilio di celeste misantropia, scrittore autore di un unico libro («L'apparato umano»), accompagni gli spettatori, con il cinismo di chi è stanco di sè, alla scoperta della sua vita e della sua Roma, tra incontri, feste, amori svaniti, talenti sprecati. Mentre la macchina da presa sembra non potersi dare pace e in costante movimento si volge in qualsiasi direzione trasformando lo sguardo curioso di un grande autore in una consapevolezza comune, in uno stato d'animo collettivo e condiviso quanto l'esperienza cinematografica.
E poco prima che «La grande bellezza» venisse proiettato per la stampa, Sorrentino - atteso oggi alla conferenza stampa - si è unito ieri pomeriggio anche al lungo, lunghissimo, e commosso applauso che ha salutato la prima mondiale del film di un'altra italiana di talento, Valeria Bruni Tedeschi, nuovo capitolo del personalissimo e autobiografico viaggio dell'attrice e regista adottata dalla Francia all'interno delle relazioni familiari, dei suoi vincoli, dei suoi segreti, delle sue abitudini, delle sue incomprensioni, delle sue piccole e grandi manie. Una pellicola, «Un chateau en Italie» (Un castello in Italia), in cui la Bruni Tedeschi mette con coraggio a nudo la commedia drammatica della sua vita, rivisitando per il grande schermo con grande naturalezza e altrettanta sincerità svolte e rovesci del suo vissuto (dalla relazione con Louis Garrel, interpretato da... Louis Garrel, alla morte per Aids dell'amato fratello Virginio, che qui si chiama Ludovico), mettendosi in gioco con ironia e senza reticenze. 
Un esperimento «dal vero» che ha contraddistinto anche i precedenti film dell'attrice italiana e che qui si risolve in un racconto attraverso le stagioni carico di umorismo, tristezza, momenti sbagliati, decadenza, affetto. Un (auto)ritratto empatico di una donna innamorata (e scombinata, un po' nevrotica, a volte vigliacca), tra Buscaglione e la pappa al pomodoro della Pavone (è sua l'esibizione in bianco e nero su cui corrono i titoli di coda), desiderio insopprimibile di maternità e frecciate divertenti a certe manifestazioni bigotte o semplicemente religiose. Mentre un albero cade e un altro prende il suo posto: e qualcosa, l'azienda dove tutto e' ricordo, finisce per sempre e qualcos'altro forse può ricominciare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5