14°

31°

Spettacoli

Il Boss tra pioggia e "'O sole mio"

Il Boss tra pioggia e "'O sole mio"
Ricevi gratis le news
0

 Paride Sannelli
Quando dice che forse solo a 75 anni saprà esattamente cosa fare della sua vita, Bruce Springsteen si regala un altro decennio di scorribande come quella che ieri sera l'ha portato sotto il cielo bigio di Napoli, in Piazza Plebiscito, per il primo concerto lontano da arene e stadi di questo suo Wrecking Ball Tour 2013, atteso pure a Padova il 31 maggio, a Milano il 3 giugno e a Roma l'11 luglio. Anche se quello all'ombra di Palazzo Reale era il primo in assoluto della sua carriera in una grande piazza, riempita solo per tre quarti a causa della pioggia, del biglietto da 75 euro, dei soli posti in piedi, e di una crisi che in Campania morde più che altrove.   Diciassettemila biglietti venduti contro una disponibilità di venticinque, anche se un anno fa per Ligabue si arrivò a trentaduemila. Su un palco sormontato dal tricolore e dalla bandiera americana a simboleggiare le due anime di una corsa senza respiro sulla strada del tuono, Bruce ha fatto la sua comparsa in scena attorno alle 20,20 col romantico sottofondo di tre fisarmoniche che distillavano le note di «'O sole mio» per introdurre lo show con l'eccitata emozione di un ritorno a casa (il nonno materno Antonio Zerilli era di Vico Equense, paese cui più tardi dedicherà «My hometown»).
«Questo è il sole della mia famiglia, perché sono un uomo del Sud», ha ricordato il Boss prima di bruciare le corde della sua Stratocaster con «Long walk home» e poi ancora «My love will not let you down»,  «Out in the street». «'O sole mio», ma nella versione elvisiana di «It's now or never», Bruce  l'aveva già cantata al popolo partenopeo sedici anni fa dal un balcone del Teatro Augusteo dopo aver dato voce e sentimento alle canzoni di sabbia e rancore di «The ghost of Tom Joad».  Ma pure in questa coda 2013 del suo Wrecking Ball Tour (già passato per lo Stivale un anno fa) Springsteen non arretra di un centimetro sulle sue prerogative di gladiatore rock; e mai come ora ogni suo concerto è diverso dall'altro per spirito, intenzioni e, naturalmente, scaletta. Il repertorio deciso in camerino e scritto di pugno dal Boss sui grandi fogli bianchi disseminati su tutto il palco finisce fatalmente per costituire solo uno spunto, un'idea di percorso da cui poi svicolare in ogni direzione. Guai a prenderlo per oro colato. Prova ne sia che dopo una manciata di pezzi - tra cui l'imprescindibile «Promised land» - la scaletta affissa ai quattro angoli del palco già deragliava con «Hungry heart» e poi ancora con «Rosalita (come out tonight)» o «Radio nowhere» eseguire da Bruce con la «febbre» e la voglia di essere pericolosamente se stesso, sempre e comunque, anche sotto la pioggia sempre più fitta.  Al suo fianco la E-Street band, senza Patti Scialfa - già volata con i figli in Germania (la prossima tappa del tour è domenica a Monaco di Baviera) dopo due giorni di vacanza «familiare» all'Hotel Villa d'Este di Cernobbio, sul lago di Como - rinforzata dalla sezione fiati in cui spicca il sax tutto animo e polmoni di Jack Clemons, nipote dell'indimenticato «Big Man» Clarence.  Una «The river» impreziosita dalla corista Cyndi Mizelle e una «Prove it all night» riproposta nella versione originale, quella del 1978, con torrenziale coda finale, sono gli altri colpi di testa di uno show preceduto a metà pomeriggio dalla comparsa a sorpresa del Boss sul palco per un paio di brani voce e chitarra come «This hard land» e la «Growin' up» del primissimo album «Greetings from Asbury Park, N.J.» dopo aver ricevuto dal sindaco di Napoli De Magistris una targa con il suo albero genealogico.
 Fra il pubblico c'era l'attore Giuseppe Battiston, che s'è comprato i biglietti per lo show di Napoli e degli altri tre al di qua dalle Alpi venerdì prossimo allo Stadio Euganeo di Padova, il 3 giugno a San Siro e l'11 luglio all'Ippodromo delle Capannelle di Roma. E chissà che in una di queste date Springsteen non decida di fare al pubblico italiano almeno uno dei tre regali fatti ai fan svedesi: eseguire dal vivo un album per intero per ciascuno dei tre concerti a Stoccolma («Born tu run», «Darkness on the edge of town» » e «Born in the Usa» dalla prima all'ultima canzone).
La pioggia, intanto, che ancora scroscia durante «Waitin' on a sunny day» (con l'ormai consueto siparietto del ragazzino fatto salire sul palco per cantare una strofa), si placa con la scaramantica «Who'll stop the rain» dei Creedence - suo cavallo di battaglia. Poi arrivano «The rising», «Born in the Usa», «Born to run», fino al gran finale con «Dancin' in the dark» (e la ragazza chiamata a ballare sul palco), «Tenth Avenue Freeze-out» (con l'omaggio a Clarence Clemons), «Twist and shout» in medley con «La Bamba» e un'intensa «Thunder Road»: tre ore filate e arrivederci a presto. Anzi, come ha detto lui stesso, «Ve' vojo bene assaje». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Daria Bignardi lascia la Rai

tv

Daria Bignardi lascia la Rai

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

tribunale

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

1commento

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

LA PERIZIA

Il massacro di Gabriela e Kelly, Turco e il figlio sani di mente

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

Ateneo

Iscrizioni all'Università, alcuni corsi subito "bruciati". Con polemica

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

1commento

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Prevenzione

«Intervenire sul Baganza»

PARMA

Insigne jr: «Lorenzo è il mio modello»

Comune

Presto al Duc la «Fontana delle religioni»

2commenti

serie b

Parma, c'è passione: chiusa la prima fase degli abbonamenti a quota 4.700

E oggi seconda amichevole contro la Settaurense (ore 17)

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

16commenti

ITALIA/MONDO

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

parigi

Gas al peperoncino contro i migranti di Calais

SPORT

CASSANO

Fantantonio e il contrordine del contrordine

4commenti

legino

Da Savona: "Cassano vieni qui, ti paghiamo in farinata"

SOCIETA'

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

francia

Le fiamme devastano il golfo di Saint-Tropez

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video