-3°

Spettacoli

A Cannes sbarca l'amore al femminile

A Cannes sbarca l'amore al femminile
Ricevi gratis le news
0

Filiberto Molossi
Nei grandi e anonimi spazi di una «provincia» infinita, dove la principale occupazione è guardare passare la vita con una birra in mano, a volte sono solo le illusioni che tengono insieme tutti i pezzi: là, tra le steak house col karaoke, i pub tutti uguali, le camicie a quadrettoni e i parenti serpenti, dove anche un viaggio inutile non lo è affatto, e una promessa fasulla il fantasma di un affetto a cui aggrapparsi. Ha un titolo springsteeniano e un’aria da ballata a tratti malinconica eppure tenerissima, «Nebraska», il film in cui Alexander Payne fonde alcuni temi fondamentali del suo cinema - l’on the road esistenziale (come in «Sideways»), il rapporto padri/figli (trattato assai bene nel recente «Paradiso amaro»), il tempo dei bilanci («A proposito di Schmidt») -, per raccontare, sul filo della riconciliazione (e di un’umanissima comprensione), le crepe sanabili e le distanze ricucibili dell’universo famiglia, in una scoperta dell’altro che è soprattutto accoglienza e accettazione, oltre che tacito rinnovo di un patto mai veramente rispettato.
Girato con coraggio ma coerenza in un bianco e nero che assomiglia a certe fotografie d’autore, fermi immagine dell’America minima che sbadiglia ai margini del sogno, «Nebraska», salutato a Cannes da un lungo applauso, dà corpo all’errata convinzione di Woody (Bruce Dern, in corsa per la Palma per il migliore attore), anziano male in arnese sicuro di avere vinto un milione alla lotteria: testardo ma anche ingenuo, con un passato da alcolizzato («anche tu berresti se fossi sposato con tua madre...»), l’uomo vuole andare a ritirare i «suoi» soldi. Per limitare i danni e metterlo davanti alla verità, allora, il figlio David decide di accompagnarlo... Scritto molto bene, con dialoghi brillanti e un umorismo un po' alla Coen, il film di Payne (che a tratti ricorda «Una storia vera» di Lynch) riscatta un intreccio non particolarmente originale grazie a personaggi ben caratterizzati e dalle facce giuste, dosando con attenzione, cinismo e sentimento, ironia e pietas, difendendo la dignità e il diritto alla rivincita (e alle illusioni) di una terza età altrimenti oltraggiata.
Ma che era un buon giorno per il concorso al Festival si era capito anche guardando «La vie d’Adele», il film in cui Abdellatif Kechiche (è il grande regista de «La schivata» e di «Cous cous») ci conquista nuovamente con il naturalismo spinto e il realismo partecipe di un cinema che, tra dialoghi serrati e quotidiani, primissimi piani e macchina a majno, ti porta sempre dentro a quello che racconta, accanto ai protagonisti, riducendo drasticamente (una particolarità comune a tutte o quasi le pellicole dell’autore franco tunisino) la distanza tra schermo e spettatore. Ellittico, lungo (dura tre ore) ma appassionante, il film di Kechiche, nel racconto dell’amore travolgente tra due ragazze dipinge il volto del desiderio, andando al di là delle sue stesse logiche, per consumarsi nell’attesa di un bacio oppure nel rimpianto di qualcosa che è per sempre anche se è già finito.
Adele ha 15 anni e frequenta il liceo: ha un moroso che fa la sua stessa scuola, ma un giorno resta folgorata da una ragazza coi capelli blu... Marivaux e l’amore a prima vista, le relazioni pericolose, la rivoluzione intellettuale di Sartre, ma anche Klimt, Schiele e l’arte moderna: passata al setaccio di fonti letterarie e iconografice «alte» la graphic novel «Le blue est une couleur chaude» da cui la pellicola è tratta, Kechiche ha girato, con impressionante energia, un bellissimo film di testa ma soprattutto di pancia - fisico, carnale (c'è da scommettere che le ultra esplicite e prolungate sequenze degli amplessi faranno discutere quelli che ben pensano...), vitale e dolente - , sviscerando con un funzionale linguaggio dei corpi su cui disegnare le curve del destino una passione assoluta, in cui, inevitabilmente, un giorno irrompe la vita. Jeans stretti sul sedere, le sigarette fuori dalla scuola, la scoperta della propria sessualità: narratore sincero ed entusiasta dell’adolescenza, Kechiche, che sogna di trasformare la sua Adele in una nuova Antoine Doinel (il personaggio feticcio di Truffaut) per ritrovarla (questi sono solo i primi due capitoli del suo viaggio) in altri film, è non poco aiutato nella riuscita della pellicola da due interpreti fantastiche come Adele Exarchopoulos, scelta tra centinaia di candidate, e la meno inedita Lea Seydoux (vista anche in «Midnight in Paris»): non sarà facile immaginare un palmares senza di loro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento