10°

24°

Spettacoli

Film recensioni - La grande bellezza

Film recensioni - La grande bellezza
Ricevi gratis le news
0

Filiberto Molossi

«E' tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore, il silenzio, il sentimento, l’emozione e la paura». Non la pensiamo tutti allo stesso modo e di per sé questo potrebbe essere anche un vantaggio; ma se lo chiedete me, sarò sincero: questo è un film magnifico. Potente, astratto, definitivo. Una splendida e amarissima liturgia laica sul niente che siamo, una riflessione surreale e antinarrativa non solo sull'Italia contemporanea (e sulle contraddizioni, feroci e devastanti, di una Roma che sopravvive, inconsapevole, a se stessa) ma anche sulla condizione umana, e, soprattutto, sul senso, sempre sfuggente, di un’eternità che è sempre un passo indietro, chiusa nel cassetto dove è rimasto il libro che non abbiamo mai scritto, in quell'altrove che non è in nessun luogo in cui riposano per sempre le nostre mille occasioni perdute. Un viaggio al termine della notte - là dove anche la morte è una recita e il mare è sul soffitto - in cui nulla resta, tra squarci di bellezza e uno squallore infinito: se non il ricordo di una ragazza che aveva l’odore dei fiori. E poche altre briciole di vita: sepolte nell’eterno bla bla di questi tempi vacui, inutili, annoiati, inermi, vuoti. Party che sembrano quelli di Fiorito, discutibili performance teatrali, ricche signore che si scattano foto «per conoscersi meglio», altre che ascoltano solo jazz etiope, pettinature pirandelliane, esorcisti che parlano solo di cucina, maghi che fanno sparire anche le giraffe, perché se non lo sai è solo e tutto un trucco: girato benissimo, con una forza visionaria che non ha uguali non solo in Italia, «La grande bellezza» è un film sulla morte di un’epoca, una pellicola che si muove tra le canzoni della Carrà e i canti gregoriani, molteplici e coltissime fonti letterarie (Céline, Flaubert ma anche Moravia e Soldati) e ispirati omaggi cinematografici (il Fellini de «La dolce vita», ma anche quello di «Roma» e «8 1/2», ma anche «La terrazza» di Scola), sprazzi di sublime cattiveria e momenti di infinita malinconia. Itinerario immaginario ma realistico di un osservatore geniale del presente, il film del regista de «Il divo» lascia che il giornalista Jep Gambardella (Toni Servillo, bravissimo come sempre), moderno Virgilio «condannato alla sensibilità», accompagni gli spettatori, con il disincanto di chi è stanco di sè, alla scoperta della sua vita e della sua Roma. Ne esce un film ambiziosissimo e che qualcuno certamente troverà presuntuoso: ma mentre la macchina da presa sembra non potersi dare pace, lo stile di Sorrentino (che domani da Cannes potrebbe tornare con un premio importante) riesce completamente a sopraffarti, trasformando lo sguardo curioso di questo giovane e grande autore in una consapevolezza comune, in uno stato d’animo collettivo e condiviso quanto l’esperienza cinematografica.
Giudizio: 5/5
 
SCHEDA
REGIA:  PAOLO SORRENTINO
SCENEGGIATURA:  PAOLO SORRENTINO e UMBERTO CONTARELLO
FOTOGRAFIA: LUCA BIGAZZI
INTERPRETI:  TONI SERVILLO, CARLO VERDONE, SABRINA FERILLI, CARLO BUCCIROSSO, ISABELLA FERRARI
GENERE:  DRAMMATICO
Italia 2013, colore, 2 h e 22’
DOVE:  THE SPACE BARILLA CENTER e THE SPACE CINECITY
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

11commenti

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

1commento

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

in serata

Rapina con coltello nella farmacia di via Trieste: due ladri in fuga

4commenti

Ritratto

I They, la famiglia del volley

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

2commenti

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

2commenti

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

6commenti

ITALIA/MONDO

PORDENONE

A fuoco l'industria Roncadin, colosso mondiale pizze

femminicidio

Noemi prima picchiata, poi accoltellata

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

famiglia

I nuovi padri: se ne parla al Wopa

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte