19°

30°

Spettacoli

24 giugno 1965: lo sbarco in Italia dei Beatles

24 giugno 1965: lo sbarco in Italia dei Beatles
0

Luca Pollini

Anche se non è riportata in nessun libro di storia (e probabilmente mai lo sarà) il 24 giugno 1965 è una data storica per l’Italia: i Beatles arrivano per una mini tournée di soli 4 giorni. Da allora nel nostro Paese la musica, il costume e la cultura non saranno più gli stessi. 
Nel '65 in Italia, musicalmente parlando, si è parecchio arretrati: a spopolare in classifica sono i cantanti melodici prodotti da Sanremo; il massimo della trasgressione sono Rita Pavone, Patty Pravo, Gianni Morandi e gruppi definiti "beat" (chi più chi meno influenzati dai Beatles) come Camaleonti, Dik Dik, Equipe 84, New Dada. Questo spiega perché, nonostante i Beatles siano già un fenomeno mondiale, la stampa italiana li accoglie come «cavernicoli, zazzeruti, ragazzi coi capelli da donna» (Il Tempo) dopo essersi domandata «Non si capisce il delirio dei giovani per quattro menestrelli stranieri arrivati ieri in città, visto che Bobby Solo vende più dischi di loro» (La Notte). 
Il gruppo arriva a Milano la sera del 23 in treno reduci da un concerto in Francia e, nonostante l’ora, ad attenderli alla Stazione Centrale ci sono almeno tremila ragazzi. A organizzare il tour italiano è Leo Watcher, un giovane impresario appassionato di musica. È proprio lui che, vista la folla, riesce a far spostare il binario d’arrivo del treno con la complicità di un capostazione suo amico. Appena fuori dalla Stazione salgono su quattro Alfa Romeo 2600 Spider, una per ciascuno, che li porteranno all’Hotel Duomo. E le migliaia di fan dalla stazione si spostano all’ingresso dell’hotel, alcuni si sistemano con sacchi a pelo sotto la Galleria Vittorio Emanuele, che resta assediato fino alle prime luci dell’alba. Il 24 è il giorno dei concerti (uno al pomeriggio e uno alla sera): già a mezzogiorno all’interno del velodromo Vigorelli, presidiato dalla sera prima da migliaia di poliziotti, ci sono migliaia di fan. Il biglietto costa 1.000 lire per sedersi in tribuna, 750 l’accesso al prato dove  si sta in piedi, davanti al palco. Un palco poverissimo: realizzato con tubi Innocenti è arredato solo con la batteria di Ringo, tre altoparlanti e quattro faretti colorati. Alle 16,30 presentatori, il comico Lucio Flauto e l’attrice Rossella Como, annunciano l’inizio - e il programma - dello spettacolo. Prima dei Beatles, infatti, suonano supporter nostrani, alcuni illustri sconosciuti (e che resteranno tali anche dopo quell'esibizione) come Guidone e i suoi Amici, altri già più famosi, i New Dada o Fausto Leali, altri assolutamente fuori luogo, come Peppino di Capri. Alle 17,15 un boato - di soli 7.000 spettatori - accoglie l’ingresso del gruppo. Lennon azzarda un «Ciao» poi si gira, fa un cenno con la testa, e attaccano Twist And Shout. Alla fine del pezzo - cosa che si ripeterà per tutto il concerto - l'inchino. Nel pubblico si urla, si piange, si sviene, si balla. Cantano in tutto dodici pezzi, l’ultimo inchino - quello di congedo - è il più lungo. Poi un sorriso, un «ciao-ciao» con la mano e scendono di corsa dal palco dove le quattro Alfa Spider li riportano in hotel. Alla sera lo spettacolo è identico, cambia solo il numero di spettatori, che sono più del doppio, 19.000. Dopo Milano il tour procede per Genova e Roma. Non esistono dati ufficiali ma è stato calcolato che i Beatles in otto concerti totalizzarono poco meno di 55mila spettatori, niente se si pensa che Vasco Rossi o Ligabue fanno quasi più del doppio riempiendo gli stadi. Un bilancio comunque positivo, perché da quel momento l’Italia scopre che cos'è il rock e anche da noi comincia a cambiare radicalmente il modo di produrre e suonare musica. Appena i Beatles lasciano l’Italia (per non farci mai più ritorno) il maestro Gorni Kramer, famoso in quegli anni perché dirigeva l’orchestra della Rai in occasione della trasmissione musicale Canzonissima, commenta: «Tra vent'anni nessuno si ricorderà più di loro o dirà che hanno lasciato cose meravigliose». Parole che, come la mini tournée, loro malgrado sono passate alla storia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Incidente

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: ferita una donna

tg parma

Sicurezza e scuole fra le priorità di Pizzarotti: video-intervista

Nascerà un partito dei sindaci? Pizzarotti è concentrato su Parma ma da Napoli arrivano gli elogi di de Magistris

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

20commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

2commenti

Medesano

Picchia e violenta la ex moglie: 30enne in carcere

1commento

polizia

Blitz dei ladri nella notte al Palacampus

parma

Furto da "Amor di Patata", all'ombra del duomo: è sparita la cassa

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

1commento

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

2commenti

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

scuola

Maturità: oggi la terza e ultima prova scritta

industriali

Upi, oggi l'assemblea al Regio con il ministro Delrio. Diretta Tv Parma (16:45)

Poggio di Sant'Ilario

Dà fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

elezioni 2017

Il trionfo-ritorno del centrodestra: 16 capoluoghi, presa Genova. Crollo del Pd

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

SOCIETA'

colombia

La nave barcolla poi affonda: 6 morti

LA PEPPA

Budino di due colori

SPORT

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande