11°

Spettacoli

Ferrari: magia, fantasia e fascino dei burattini

Ricevi gratis le news
0

Francesca Ferrari

L'incontro con la storica compagnia I Burattini dei Ferrari è proprio nel loro laboratorio, a fianco del museo «Il castello dei Burattini - museo civico Giordano Ferrari». Daniela Ferrari, avvenente e moderna burattinaia, ci accoglie con la simpatia e la solarità tipica delle donne emiliane e ci accompagna in questa che è la sala prove dei loro spettacoli. Ovunque i  colori,  i drappi e i  materiali  a loro necessari per creare le giocose meraviglie  che li hanno resi famosi. Un luogo creativo e vitale, dal fascino antico ma non demodé. Chi parla sono la stessa Daniela e Giordano Ferrari, rispondendo in perfetta sintonia,  ognuno offrendo il lancio all’altro,  come in un immaginario scambio di battute di un loro spettacolo. L’inizio, però, se lo aggiudica la grintosa Daniela (e non poteva essere altrimenti). 

120 anni di attività per la Compagnia Ferrari e le sue maschere a cui dedicherete domani alla Corale Verdi, nell’ambito del Festival internazionale dei burattini, uno spettacolo speciale. Di cosa si tratta?
«Partirei dal titolo “Centoventi - ovvero la realtà della fantasia”: “centoventi”, gli anni di attività, anche se a dire il vero sono qualcuno in più, “la realtà” perché siamo una realtà del teatro di animazione, “della fantasia”, perché i burattini sono il trionfo della fantasia. Questo spettacolo vuole essere un omaggio alla famiglia Ferrari e alle 4 generazioni di burattinai che l’hanno composta. Presenteremo non un pezzo di repertorio, ma il meglio dei Ferrari, soprattutto degli ultimi 35 anni quando si è definito maggiormente il nostro stile. Attingendo da una eredità importante, abbiamo scelto le scene migliori, quelle più amate da noi e dal pubblico. Vedrete parti coreografiche, parti comiche, e parti cantate, più prettamente musicali. Non ci sarà, quindi, un solo soggetto. Sarà un varietà vero e proprio, diviso in due atti, dove si spazierà in più generi: dal romantico, al comico, alla fiaba. L’effetto sorpresa è garantito, e il bello di questo spettacolo è proprio questo: può essere cambiato ogni volta. Anticipiamo che si sta già pensando di creare un “Centoventi” più ridotto da offrire ai visitatori del museo». 

Voi avete fatto la storia del teatro d’animazione italiano. Qual è la vostra forza?
«La nostra forza è data dal pubblico. Un pubblico che abbraccia sempre 2-3 generazioni, come può accadere ai concerti di qualche famoso cantante evergreen. Lo stesso è nei nostri spettacoli. Come diceva il bisnonno Italo “Questo è lo spettacolo dei piccoli che piace ai grandi”». 

Spesso organizzate tournée all’estero, riscuotendo sempre un notevole successo. Quanto ha influenzato il vostro lavoro il venire a contatto con realtà culturali molto lontane da quella strettamente parmigiana o italiana?
«Non ci ha influenzato in nessun modo, semmai è l’esatto contrario. Noi portiamo la nostra unicità per non snaturarci. La lingua è, poi, una barriera facilmente superabile nel teatro di animazione. Gli spettacoli che allestiamo all’estero sono soprattutto visivi, coreografici, cerchiamo di prediligere spettacoli legati alla Commedia dell’arte e non quelli più connotati a livello regionale, e comunque, agevoliamo sempre con un foglio di sala che riporta la traccia tradotta. Di recente siamo stati a Bruxelles dove abbiamo presentato uno spettacolo dal taglio didattico: in un caso come questo si è, però, resa necessaria la traduzione in lingua».  

I testi sono per la maggior parte tratti da antichi canovacci della Commedia dell’arte, dove le maschere emiliane e venete sono protagoniste. Quale tra queste, secondo voi, rappresenta al meglio i tempi in cui viviamo?
«Sì, i burattinai sono stati i salvatori, o meglio, i continuatori delle classiche maschere della Commedia dell’arte a cui hanno aggiunto i caratteri come Fasolino, Sandrone e tanti altri. Chi, però, meglio incarna la nostra epoca è sicuramente Bargnocla per il suo spirito coraggioso, per il suo carattere sopra le righe, l’anarchia che ha in sé. E’ un perdente ma dal piglio ironico, è un personaggio liberatorio. Non è un caso che, spesso, chi vuole vedere i Ferrari vuole vedere Bargnocla». 

La famiglia collabora attivamente con il Castello dei Burattini, dove si può ammirare una straordinaria collezione di burattini, marionette oltre a una raccolta di testimonianze della vita e dell’attività di generazioni di burattinai. Quanto è significativa la creazione di un luogo come questo, in un’epoca come la nostra? E perché può essere educativo visitarlo?
«Nel museo sono esposti pezzi dal 1500 ad oggi. Pezzi storici importanti anche di grandi scultori. La cosa bella è vedere la gente che rimane incantata davanti al legno scolpito. Noi abbiamo voluto fare di più: offriamo  uno spettacolo all’interno del museo, per dare vita ai pezzi esposti, dargli un senso storico e fare capire le diverse tecniche di animazione. “La favola delle teste di legno” è lo spettacolo che abitualmente proponiamo,  dove mostriamo queste tecniche in forma teatrale. Aggiungiamo che i visitatori sono spesso adulti e così il museo, uno dei più visitati a Parma, anche dai turisti stranieri, sfata il falso mito “burattino=bambino”».

L’ultima domanda vuole essere una provocazione. Cosa direste a un ragazzino playstation addicted per convincerlo ad abbandonare il suo passatempo preferito e venire ad assistere al vostro spettacolo?
«Quando i ragazzi vengono ad assistere a un nostro spettacolo, dopo 3 minuti sono sempre catturati dall’azione teatrale. Ma se dovessimo convincere un “reticente” diremmo: vieni a vedere la magia dal vivo. La vera magia è qui, se hai la volontà di lasciarti stupire dalle cose semplici».

Qualche anticipazione sui vostri progetti futuri?
«L’anno prossimo festeggeremo i 100 anni dalla nascita di Bargnocla, e pensiamo di curare, proprio nel 2014, un particolare allestimento dello spettacolo “Bargnocla in cuccagna”. Anche questo sarà un vero omaggio al nostro amato burattino».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS