-4°

Spettacoli

Anche il dissenso fa spettacolo: "buu" e volantini

Anche il dissenso fa spettacolo: "buu" e volantini
Ricevi gratis le news
1

Gian Paolo Minardi
Ormai anche il dissenso diventa spettacolo, come si è potuto toccar con mano l’altra sera alla Scala per la prima di «Un ballo in maschera» dove il principale oggetto della pioggia di ‘buuh’ che alla fine ha travolto gli applausi (accompagnata da lanci dai loggioni di striscioline di carta con le scritte «L’ignoranza artistica non è accettata», «Più rispetto per Verdi!» e altre affermazioni del genere),  il regista Damiano Michieletto si è presentato alla ribalta con ostentato compiacimento, abituato ormai a questo tipo di appendice che senza dubbio ha contribuito ad accrescere la sua immagine di successo, ormai internazionale.
 Un indubbio estro teatrale quello del giovane regista veneziano, nutrito da un che di furbesco che sfrutta tutti gli effetti della provocazione ed unito ad un rapporto col palcoscenico che «fa girare» lo spettacolo: purtroppo spesso penalizzando la musica, il che non è guaio da poco! Anche per il «Ballo», dunque, ecco la solita formula di riadattare la lettura ai nostri tempi, inevitabilmente rischiosa, sottoposta a quel logorio del gusto e della sensibilità tipico dei nostri anni (ricordate «l’invecchiamento della musica contemporanea» predicato da Adorno?), e che in questa occasione è risultato oltremodo evidente, proprio per il carattere che ha quest’opera, davvero un «unicum», nel percorso verdiano.
 Prenderla di petto come ha fatto Michieletto, e come ne è conseguito sul versante musicale, significa dissolvere quel fascino impalpabile che nasce dalla sua leggerezza, dalla sua eleganza dal profumo francese, ingredienti indispensabili per animare tutto quel ventaglio di sensazioni e di situazioni giocose ed effimere attraverso le quali gli strazi del dramma affiorano ancor più pungenti; mobilità che, appunto, è mancata a questo spettacolo centrato sulla goffa ostentazione di un Riccardo concepito come un rampante boss politico, privato quindi di quella aria di simpatia che Verdi gli crea attorno, con la sua passione, lo struggimento della rinuncia, il perdono.
E’ vero che Verdi, scocciato dalle tante trappole della censura, si era sfogato con Somma, il librettista, dicendo di mettere «un principotto, un duca, un diavolo... che avesse sentito l’odore della corte di Luigi XIV», mai avrebbe però immaginato la drastica semplificazione operata da Michieletto col trasferimento dal leggiadro, un po’ operettistico clima di corte al contesto di squallore che circonda oggi la nostra vita, spazzando via tutto l’alone romantico che traspira sotto il gioco verdiano.
 L’«orrido campo» è quello popolato di battone che litigano tra loro e che rapinano la povera Amelia, portandole via borsa e pelliccia di visone, il gran ballo finale un’adunata elettorale e così via; e poi perché togliere al paggio Oscar, quella sua ineffabile ambiguità, facendone una sculettante, devotissima segretaria? Impatto pesante che, si diceva, ha agito in maniera evidente sul versante musicale dove il giovane Daniele Rustioni è apparso come dipendente dalla rigidezza del taglio; lo si poteva percepire da un certo disorientamento iniziale che ha investito lo stesso coro di Bruno Casoni e che poi si è prolungato lungo il percorso in maniera apprensiva, controbilanciato peraltro da puntate decise, anch’esse poco consone a quella flessibilità richiesta dalla vita interna di questo capolavoro.
Mancanza che risultava accresciuta dalla composizione di un cast molto discontinuo e scompensato: Marcelo Alvarez, nel ruolo protagonistico, scioglieva momenti di canto appassionato entro una sommarietà di modi non proprio sollecitanti; Sondra Radvanovsky era un’Amelia decisa, dal profilo vocale tagliente, sempre a rischio d’intonazione, poco avvincente; Zeljko Lucic, nelle vesti di ‘bodyguard’ con tanto di giubbetto antiproiettile, un Renato legnoso e lagnoso (quell’«Eri tu che macchiavi quell’anima» che non finiva più, col povero Rustioni che tentava invano di darsi e di dargli una mossa); la collaudata Ulrica di Marianne Cornetti «professionale» come usa dirsi, l’Oscar infine di Patrizia Ciofi piuttosto evanescente. Insomma, nell’anno verdiano, un’altra occasione mancata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mauro

    12 Luglio @ 12.20

    E bravo professore! Finalmente una recensione che dice le cose come stanno! E hanno il coraggio di interpellare ancora questo sedicente regista? Lui è furbo, certo, e gli stupidi sono quelli che lo chiamano pagandolo per di più profumatamente... Bisognerebbe far pagare i danni a chi asseconda questo sfacelo della cultura e della musica!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Neve

MALTEMPO

Ancora neve: rischio gelate in Appennino, stasera stop ai mezzi pesanti in A1 e via Emilia

Disagi limitati in autostrada

APPENNINO

Rischio gelo: scuole chiuse a Bore, Bardi, Varsi e Berceto

MONTICELLI

Si sentono male alla festa: 45 persone finiscono in ospedale a Parma

SALSO-BUSSETO

Sojasun Verdi Marathon: la carica dei podisti... sotto la neve Foto

WEEKEND

Tra sci, escursioni e tavole golose: l'agenda della domenica

SORBOLO

Il sindaco Cesari: "Bocconi avvelenati nel parco di via Bottego"

Il primo cittadino lancia l'allerta con un post su Facebook

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

1commento

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

1commento

AMMINISTRATIVE

Nasce il progetto civico «Siamo Salso»: «Insieme per costruire il futuro»

CARABINIERI

Rapine al Tigotà di Sorbolo: condannato 43enne, resterà in carcere fino al 2020

E' diventata definitiva la condanna a 3 anni per un uomo di Novellara

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

BRESCIA

Incendio in discoteca a Desenzano: 17 intossicati

MISTERO

Italiani scomparsi in Messico: arrestati 4 agenti della polizia locale

SPORT

Serie B

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

2commenti

SPORT

Le 10 medaglie italiane a Pyeongchang 2018 Foto

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day