-4°

Spettacoli

Anche il dissenso fa spettacolo: "buu" e volantini

Anche il dissenso fa spettacolo: "buu" e volantini
1

Gian Paolo Minardi
Ormai anche il dissenso diventa spettacolo, come si è potuto toccar con mano l’altra sera alla Scala per la prima di «Un ballo in maschera» dove il principale oggetto della pioggia di ‘buuh’ che alla fine ha travolto gli applausi (accompagnata da lanci dai loggioni di striscioline di carta con le scritte «L’ignoranza artistica non è accettata», «Più rispetto per Verdi!» e altre affermazioni del genere),  il regista Damiano Michieletto si è presentato alla ribalta con ostentato compiacimento, abituato ormai a questo tipo di appendice che senza dubbio ha contribuito ad accrescere la sua immagine di successo, ormai internazionale.
 Un indubbio estro teatrale quello del giovane regista veneziano, nutrito da un che di furbesco che sfrutta tutti gli effetti della provocazione ed unito ad un rapporto col palcoscenico che «fa girare» lo spettacolo: purtroppo spesso penalizzando la musica, il che non è guaio da poco! Anche per il «Ballo», dunque, ecco la solita formula di riadattare la lettura ai nostri tempi, inevitabilmente rischiosa, sottoposta a quel logorio del gusto e della sensibilità tipico dei nostri anni (ricordate «l’invecchiamento della musica contemporanea» predicato da Adorno?), e che in questa occasione è risultato oltremodo evidente, proprio per il carattere che ha quest’opera, davvero un «unicum», nel percorso verdiano.
 Prenderla di petto come ha fatto Michieletto, e come ne è conseguito sul versante musicale, significa dissolvere quel fascino impalpabile che nasce dalla sua leggerezza, dalla sua eleganza dal profumo francese, ingredienti indispensabili per animare tutto quel ventaglio di sensazioni e di situazioni giocose ed effimere attraverso le quali gli strazi del dramma affiorano ancor più pungenti; mobilità che, appunto, è mancata a questo spettacolo centrato sulla goffa ostentazione di un Riccardo concepito come un rampante boss politico, privato quindi di quella aria di simpatia che Verdi gli crea attorno, con la sua passione, lo struggimento della rinuncia, il perdono.
E’ vero che Verdi, scocciato dalle tante trappole della censura, si era sfogato con Somma, il librettista, dicendo di mettere «un principotto, un duca, un diavolo... che avesse sentito l’odore della corte di Luigi XIV», mai avrebbe però immaginato la drastica semplificazione operata da Michieletto col trasferimento dal leggiadro, un po’ operettistico clima di corte al contesto di squallore che circonda oggi la nostra vita, spazzando via tutto l’alone romantico che traspira sotto il gioco verdiano.
 L’«orrido campo» è quello popolato di battone che litigano tra loro e che rapinano la povera Amelia, portandole via borsa e pelliccia di visone, il gran ballo finale un’adunata elettorale e così via; e poi perché togliere al paggio Oscar, quella sua ineffabile ambiguità, facendone una sculettante, devotissima segretaria? Impatto pesante che, si diceva, ha agito in maniera evidente sul versante musicale dove il giovane Daniele Rustioni è apparso come dipendente dalla rigidezza del taglio; lo si poteva percepire da un certo disorientamento iniziale che ha investito lo stesso coro di Bruno Casoni e che poi si è prolungato lungo il percorso in maniera apprensiva, controbilanciato peraltro da puntate decise, anch’esse poco consone a quella flessibilità richiesta dalla vita interna di questo capolavoro.
Mancanza che risultava accresciuta dalla composizione di un cast molto discontinuo e scompensato: Marcelo Alvarez, nel ruolo protagonistico, scioglieva momenti di canto appassionato entro una sommarietà di modi non proprio sollecitanti; Sondra Radvanovsky era un’Amelia decisa, dal profilo vocale tagliente, sempre a rischio d’intonazione, poco avvincente; Zeljko Lucic, nelle vesti di ‘bodyguard’ con tanto di giubbetto antiproiettile, un Renato legnoso e lagnoso (quell’«Eri tu che macchiavi quell’anima» che non finiva più, col povero Rustioni che tentava invano di darsi e di dargli una mossa); la collaudata Ulrica di Marianne Cornetti «professionale» come usa dirsi, l’Oscar infine di Patrizia Ciofi piuttosto evanescente. Insomma, nell’anno verdiano, un’altra occasione mancata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mauro

    12 Luglio @ 12.20

    E bravo professore! Finalmente una recensione che dice le cose come stanno! E hanno il coraggio di interpellare ancora questo sedicente regista? Lui è furbo, certo, e gli stupidi sono quelli che lo chiamano pagandolo per di più profumatamente... Bisognerebbe far pagare i danni a chi asseconda questo sfacelo della cultura e della musica!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery