16°

Spettacoli

«Non è solo un concerto, è anche un grazie a Verdi»

«Non è solo un concerto, è anche un grazie a Verdi»
0

Vincenzo Raffaele Segreto

Tutto partì da qui, vien da dire: da quest’incrocio tra due vie di campagna, quattro case, una chiesa. E una casa più importante di tutte, quella dove duecento anni fa nasceva Giuseppe Verdi. E proprio qui alle Roncole, sabato alle 21.30 la sua musica rivivrà in un concerto molto particolare fin dal titolo, «Dalla casa del Maestro. Echi notturni di incanti verdiani», un progetto artistico del Ravenna Festival presentato dal cartellone di Busseto Verdi 200 in collaborazione con Rai1, che poi la trasmetterà giovedì 22 agosto. Un gruppo di giovani, selezionati cantanti, un’orchestra, un coro e, soprattutto, alcune scene scelte, tra quelle della «trilogia popolare», e non solo: a legarle, un progetto che non è solo musicale, ma più propriamente drammaturgico. E su questo, e sulle caratteristiche peculiari di questa serata, abbiamo avuto la possibilità di parlare a lungo con Cristina Mazzavillani Muti, che di questo progetto firma la regia e l’ideazione scenica. Un incontro difficile da riassumere nel consueto canone domanda-risposta dell’intervista: lasciamo dunque che sia solo lei a parlare.
«È un concerto, ma non solo: è un grazie che tutti noi vogliamo dire a Verdi dal profondo del cuore, un grazie per tutti i doni che ci ha fatto. È una carezza, piena di amore e poesia, è un incontro tra il pubblico, gli interpreti e il grande creatore Verdi, in un posto speciale, che io considero sacro, quale è la sua casa natale. Davanti a questa scenografia meravigliosamente suggestiva, a questa casa che sarà la protagonista assoluta della serata, in questa notte illuminata dalla luna piena che ci sarà donata dal regista assoluto, quello che è sopra di noi, le tre eroine della sua trilogia popolare si incontrano, e si conoscono, per regalare un suono, un fiore, una carezza al volto di Giuseppe Verdi che, allo stesso tempo severo e paterno, ci guarda dall’entrata della casa. E perché per un attimo non immaginare che quella casa si trasformi, si animi, si riempia di canti che tracciano un cammino che dal coro del popolo oppresso, il canto del Macbeth, giunge a quello pieno di speranza del Nabucco? Ancora una volta sentiremo la voce di Verdi cantare per noi, cantare la fede, la speranza, il dubbio, che sono le ragioni per le quali lo sentiamo ancora così vicino, così moderno: un nostro contemporaneo, un compagno di viaggio al nostro fianco che vive e parla con noi, con la nostra stessa voce. Una attualità, quella di Verdi, che vado scoprendo sempre più profonda e vera mano a mano che vivo dal di dentro le sue opere mettendole in scena, come la 'trilogia popolare' lo scorso autunno, o le tre opere shakespeariane (Macbeth, Otello, Falstaff) che proporremo il prossimo novembre. Verdi era un uomo di teatro totale, attento e incontentabile su ogni aspetto della messa in scena, modernissimo nel coglierne le più sottili implicazioni e a pensare a tutte le implicazioni drammaturgiche della sua musica. Mille sarebbero gli esempi in questo senso, basterebbe pensare alla sua attenzione nella scelta della posizione dei cantanti in palcoscenico alla ricerca di un utilizzo dello spazio sonoro che ci fa capire la sua intuizione strepitosa e davvero innovativa per il suo tempo, o la sua capacità di fare degli zoom 'cinematografici' attraverso la musica, mettendo in primo piano il cantante e quello che in quel preciso momento rappresenta, quello che significa, il suo canto. Spesso mi confronto su queste cose con mio marito (Riccardo Muti, ndr), in un cammino di continua scoperta che per lui, come per me, è sempre in atto. A mio avviso è sempre dalla partitura che bisogna partire, perché è Verdi stesso colui che ci fa scegliere la strada giusta, che ci dice sì, o no. Parlando da regista, mai nessun altro ha a mio avviso 'comandato' la messa in scena di un’opera quanto Verdi. Per tornare a questa serata alle Roncole, vorrei concludere sperando che tutti quelli che amano Verdi vorranno condividere con noi questo omaggio in cui sarà bello essere tutti insieme, artisti e pubblico, a dire il nostro grazie a Verdi, raccolti davanti alla casa in cui egli nacque: una casa che questa sera canta, sospira, vive».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

nepal

Intrappolato in un burrone nell' Himalaya, trovato vivo dopo 47 giorni

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling