15°

28°

Spettacoli

Su Facebook la compagna accusa Massimo Di Cataldo: "Botte fino a farmi abortire". Verifiche su foto e profilo

Su Facebook la compagna accusa Massimo Di Cataldo: "Botte fino a farmi abortire". Verifiche su foto e profilo
Ricevi gratis le news
3

«Il signor Di Cataldo, faccia d’angelo e aspetto da bravo ragazzo l’ho perdonato tante volte. Anche quando ero incinta mi ha picchiata e Rosalù (la figlia della coppia, ndr) è un miracolo sia nata». È un brano di uno dei post pubblicati ieri pomeriggio su Facebook dalla compagna di Massimo Di Cataldo, che accompagnando le parole con foto del suo volto tumefatto e sanguinante ha accusato il cantante romano di ripetute violenze, tanto gravi da procurarle un aborto.
Di Cataldo, che in pochi minuti è diventato oggetto della rabbia del web, si è difeso utilizzando proprio il social network: «Solo poco fa ho appreso da facebook cosa sta succedendo e sono sconvolto. Come può una donna, madre di mia figlia, arrivare a tanto, alterando la realtà, solo perché una storia finisce? Farò di tutto per tutelarmi, prima come uomo e poi come artista».
«Queste foto che ho postato sono di venti giorni fa. Ho pensato a lungo se farlo o meno. Ma credo nella dignità e nel rispetto delle donne. Ci sono donne che ogni giorno subiscono violenze e continuano a perdonare», è stato scritto sul profilo Facebook della compagna del cantante.
Nessuna denuncia, né querela contro Massimo Di Cataldo risultano alla Questura di Roma. La Squadra Mobile sta facendo verifiche anche sull'autenticità del profilo della donna. Gli agenti, che potrebbero ascoltare entrambe le persone coinvolte nella vicenda, tenteranno di fare anche chiarezza sull'attendibilità delle dichiarazioni della giovane e l’autenticità delle foto.

Massimo Di Cataldo è salito ieri sera sul palco del premio Lunezia a Marina di Carrara con le lacrime agli occhi. Gli spettatori lo ha applaudito e lui per riconoscenza ha cantato altre due canzoni. Poi, assediato dai fan, ha firmato una valanga di autografi, prima di concedersi una pausa in un ristorante a due passi dal porto di Marina di Carrara. All'uscita, Di Cataldo ha aggiunto: «Non riesco a capire, sono scosso, lei è la donna che amo, è la madre di mia figlia, è la persona a cui voglio bene. E' una cosa che mi ferisce profondamente».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • GIALLOBLU'

    20 Luglio @ 21.00

    Se lei ha fatto le dovute visite e dimostra che è stato veramente lui a conciarla così, l'apparenza inganna sempre. Comunque cosa poteva dire lui? sì sono stato io! Non gli avrebbe giovato molto, anche questi artisti hanno sempre una doppia vita, non sono mai come si mostrano a noi

    Rispondi

  • pietro

    20 Luglio @ 15.16

    ...sono d'accordo! Ora, invece, Polizia e Carabinieri dovranno verificare la querela di lui e non le sue affermazioni offese e dispiaciute. Perchè i lettori debbono leggere i rispettivi irrispettosi commenti senza poter denunciare il rischio di sproloqui difendendo il proprio diritto a conoscere la verità?

    Rispondi

  • miky

    20 Luglio @ 13.16

    Invece di pubblicare foto e dichiarazioni su Facebook si dovrebbe andare in una caserma di Polizia o Carabinieri e fare le dovute denuncie del caso e a seguire accurate visite mediche in un ospedale che possano confermare le violenze subite. Non è sicuramente Facebook che si può sostituire alle autorità competenti.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

6commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

1commento

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

milano

Auto va fuori strada e finisce in un canale, un morto e 3 dispersi

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti