-2°

Spettacoli

Enrico Medioli: "Al principio fu Bertolucci"

Enrico Medioli: "Al principio fu Bertolucci"
0

 Vanni Buttasi

Ha messo la firma ad alcuni dei più noti capolavori del cinema italiano. Ha firmato sette film di Luchino Visconti ma nel suo blasonato curriculum ci sono registi come Valerio Zurlini, Sergio Leone, Mauro Bolognini, Alberto Lattuada, Vittorio Caprioli e Liliana Cavani. E, in televisione, ha adattato "La Certosa di Parma", "Gli indifferenti", "I promessi sposi" e "Guerra e pace". Enrico Medioli, nato a Parma, 88 anni, da 25 anni risiede a Orvieto. Ha vinto un Nastro d’argento nel 1961 per la sceneggiatura di "Rocco e i suoi fratelli" di Visconti e, sempre con un film di Visconti "La caduta degli Dei", nel 1969 ha ottenuto una nomination all’Oscar. A proposito di quella pellicola rivela: «E', a tutti gli effetti, un film americano: i produttori italiani, finiti i soldi, si rivolsero oltreoceano, alla consorteria hollywoodiana e i fratelli Warner, dopo aver visionato "La notte dei lunghi coltelli", finanziarono il film. Per questo concorsi all’Oscar». Nel 2006, ha ricevuto dal Comune di Parma il Premio Sant'Ilario («La pergamena è in bella mostra davanti a me» puntualizza durante la nostra intervista telefonica). Conversando con Enrico Medioli hai davvero l’impressione che il mondo si sia fermato e confessiamo che, dopo l’intervista, rivedremo più volentieri le pellicole da lui sceneggiate.
 Come è nata la passione della scrittura per il cinema?
«Ho frequentato le scuole al Maria Luigia e avevo come insegnante di storia e lettere il grande Attilio Bertolucci, padre di Bernardo. Nelle sue lezioni ci faceva notare Dante ma anche Marlene (Dietrich ndr). E poi c'era un professore ai tavoli del caffè che era Pietrino Bianchi. E soprattutto mi divertiva andare al cinema. Forse era nel mio Dna. Ho avuto due grandi educatori che mi hanno permesso di coltivare questa mia passione»
Le sceneggiature a cui rimane più legato?
«In maggioranza potrei dire un film di Visconti: "Ludwig" o "Gruppo di famiglia in un interno", di cui sono anche soggettista. Ma nel cuore c'è "C'era una volta in America" di Sergio Leone»
Lei ha quasi sempre lavorato su trascrizioni tratte da celebri romanzi. Un grande amore per il cinema ma anche per la letteratura: qual è nato prima?
«Insieme. Mi piace la grande letteratura inglese e francese, le due lingue che parlo: così leggo i libri in lingua originale. E non voglio dimenticare neppure la letteratura russa: sono state tratte delle fiction da "Guerra e pace" e "Anna Karenina". Quando parlo con dei giovani che vogliono intraprendere questo lavoro, li invito a leggere molto. La letteratura è una fonte di storia. Penso a Dickens, a Balzac. Ricordo, con piacere, una frase che diceva spesso Luchino Visconti: "Uno sceneggiatore deve saper rubare nei posti giusti". Ha pienamente ragione, l’ispirazione può arrivare da più parti»
Qual è stato il romanzo che ha adattato per lo schermo e che l’ha coinvolta affettivamente più degli altri?
«Penso "Il Gattopardo" di Tomasi di Lampedusa. La trama è molto attuale. Il film diretto da Visconti, ancora oggi, è molto bello e ben interpretato»
 Quale consiglio darebbe ad un giovane sceneggiatore?
«In parte  ho già risposto ma ribadisco che deve andare al cinema, deve leggere tanto»
Perché non ha mai pensato di dedicarsi alla regia?
«Me l’hanno chiesto ma a me piace lavorare a casa mia, nel silenzio, quando lo decido io. Interrompere un lavoro, poi ricominciare, senza avere degli orari. Poi non mi sono mai sentito di affrontare la vitale confusione che c'è su un set. Lo ribadisco, preferisco la scrittura alla regia»
Ha lavorato con i più grandi registi: ha qualche rammarico?
«Sicuramente, mi sarebbe piaciuto lavorare con Stanley Kubrick, con Federico Fellini, con Martin Scorsese. Ma anche con i grandi vecchi del cinema americano»
Cosa pensa del cinema italiano di oggi?
«E' degno di attenzione, penso a Sorrentino, a Garrone. A proposito di Sorrentino, sono molto curioso di vedere l’ultimo suo film, "La grande bellezza": purtroppo qui a Orvieto deve ancora arrivare. Meritano di essere menzionati anche Tornatore e Moretti. E lo stesso Bernardo Bertolucci. Certamente la stagione del cinema italiano è completamente diversa da quando uscivano "Il Gattopardo" o "La dolce vita", pellicole come queste oggi sarebbero impossibili da realizzare»
E’ vero che la televisione ha rovinato il cinema?
«No, ha un’altra sintassi. Ci sono delle cose degne di essere viste nelle sale. Certamente la televisione offre vantaggi perché puoi vedere tutto a casa, in poltrona. Ma i film vanno visti al cinema. Bernardo (Bertolucci ndr) ha detto che "il cinema è un sogno collettivo". Ed è sicuramente così»
Che rapporto ha con Parma?
«Vengo spesso. Ho dei nipoti che abitano lì. Torno sempre volentieri nei luoghi dove sono nato e ho vissuto. Nostalgia? Vengo, come ho detto, con grande piacere. Mi fa ricordare di quando ero ragazzo». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti