17°

Spettacoli

Rossini "scade" nella banalità

Rossini "scade" nella banalità
0

Gian Paolo Minardi
Dagli scrosci di risate che hanno accompagnato la rappresentazione, straordinariamente farcita di sortite e di gags, concepita da Davide Livermore nel far rivivere le vicende della «bella italiana» e del Bey Mustafà attraverso la lente di un’attualità che ritroviamo ogni giorno davanti allo schermo televisivo (così come aveva fatto lo scorso anno per la ritrovata «Ciro in Babilonia» con l’amarcord cinematografico anni Trenta), non ci si aspettava il crescendo di «buh» che hanno suggellato la serata inaugurale di questa edizione del Rossini Opera Festival.
 Condizione del resto ormai sdrammatizzata questa del dissenso alle regie, quasi un complemento indotto alla rappresentazione, come stanno indicando molti esiti di questa estate festivaliera, Bayreuth naturalmente in testa, se non addirittura motivo d’orgoglio; una medaglia da appendere al petto di ogni regista che si rispetti, a giudicare dalla ostentata soddisfazione con cui l’altra sera Livermore e i suoi collaboratori Nicolas Bovey, autore delle eleganti scene, e Gianluca Falaschi dei bei costumi - premiato lo scorso anno, proprio per il «Ciro», nientemeno che dall’«Abbiati» - si sono presentati alla ribalta.
Dissensi a parte, un’operazione questa ideata dal regista torinese piuttosto discutibile per eccesso, nel senso di una proliferazione di visualità e di gestualità quasi bulimica che finiva per mettere in secondo piano l’energia vitale della musica; di una musica così perfettamente organizzata - la «folie organisée» di cui parlava Stendhal - come quella dell’«Italiana» che non sopporta altri sovraccarichi, se non calibrati da quella misura, da quel 'gusto' che non sembra proprio essere il tratto peculiare di Livermore: perché, gratta gratta, il problema delle regie d’opera oggi non è tanto quello della rilettura in chiave di attualità o meno, quanto la qualità del modo di attivare tale proiezione, senza deviare il corso della musica, cosa che sembrerebbe quasi naturale per i caratteri del Rossini buffo, quasi inossidabili nella loro astratta enigmaticità, in realtà assai ardua proprio per la necessità di non inficiare con modi banali tale assolutezza.
Ci si era cimentato anni fa, qui a Pesaro, Dario Fo nel tentare di attivare ulteriormente la sfrenatezza che percorre l’«Italiana», senza esiti memorabili che tuttavia l’altra sera riaffioravano come nostalgico termine di confronto con questa nuova proposta, essenzialmente banale. Nel senso più stretto, in quanto probabilmente la 'banalità' era la chiave voluta da Livermore quale parametro con cui ricaricare la narrazione attraverso gli stilemi ratificati dalla televisione, quelli delle orrende serate d’intrattenimento come quelli della stessa pubblicità, il tutto condito da piccole complicità trasgressive che si bruciano in un attimo (perché quegli abbandoni saffici di Isabella?); ma per dare una misura esemplare alla banalità, per saperla raccontare è necessario non ricaderci dentro, rischio cui appunto il regista non ci è parso essersi sottratto.
L’esito, si è detto, è stato quello di avvolgere l’attenzione dello spettatore con un continuo martellamento, fin dalla sinfonia, di rimandi a moduli appartenenti al nostro lessico quotidiano, fumetti, televisione, pubblicità, gesti, tic e quant'altro, così da ostacolare, anziché stimolarlo, l’effetto dionisiaco di questa musica che vive di un’energia propria, irresistibile: a saperla far sprigionare, naturalmente, cosa cui ha tentato con esito non assoluto ma neppure disdicevole José Ramòn Encinar alla guida dell’orchestra del Comunale di Bologna. Più articolato il palcoscenico, con l’autorevolezza di Alex Esposito nel dar vita ad un Mustafà pieno di energia, ciò che segnava il confronto con il profilo vocalmente più temperato, pur negli slanci caratteriali, dato a Isabella da Anna Goryachova, che l’anno scorso avevamo apprezzato nella «Matilde di Shabran» per una vocalità non esuberante ma elegantemente profilata; Lindoro era Yijie Shi, giovane tenore cinese la cui determinazione tecnica dovrà allargarsi verso una più naturale espressività; positivo il Taddeo di Mario Cassi e pure ben centrate l’Elvira, moglie di Mustafà, Mariangela Sicilia e la Zulma di Raffaella Lupinacci. Haly, infine, il capitano dei corsari algerini cui Rossini fa cantare «Le femmine d’Italia», era il ben concentrato Davide Luciano.   

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La notte degli oscar

culture

No alle scollature: la notte degli oscar censurata in Iran Video

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

ladre operazioni carabinieri

Via Mascagni

Arrestata un mese fa svaligia ancora le case con uno shampoo

Con una complice utilizzavano la confezione in plastica per aprire le porte blindate: le due donne sono state fermate

1commento

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

anteprima gazzetta

Sifilide e tbc: il ritorno delle malattie scomparse Video

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

4commenti

parma

Bassi crociato fino a giugno: primo allenamento

Domani la presentazione del nuovo portiere a Collecchio

CHICHIBIO

Antica Trattoria Il Duomo: la buona tavola di casa

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

skatepark

Biker trial fa cadere il figlio in skateboard, la furia del padre

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

SPORT

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva