13°

23°

Spettacoli

Rossini "scade" nella banalità

Rossini "scade" nella banalità
Ricevi gratis le news
0

Gian Paolo Minardi
Dagli scrosci di risate che hanno accompagnato la rappresentazione, straordinariamente farcita di sortite e di gags, concepita da Davide Livermore nel far rivivere le vicende della «bella italiana» e del Bey Mustafà attraverso la lente di un’attualità che ritroviamo ogni giorno davanti allo schermo televisivo (così come aveva fatto lo scorso anno per la ritrovata «Ciro in Babilonia» con l’amarcord cinematografico anni Trenta), non ci si aspettava il crescendo di «buh» che hanno suggellato la serata inaugurale di questa edizione del Rossini Opera Festival.
 Condizione del resto ormai sdrammatizzata questa del dissenso alle regie, quasi un complemento indotto alla rappresentazione, come stanno indicando molti esiti di questa estate festivaliera, Bayreuth naturalmente in testa, se non addirittura motivo d’orgoglio; una medaglia da appendere al petto di ogni regista che si rispetti, a giudicare dalla ostentata soddisfazione con cui l’altra sera Livermore e i suoi collaboratori Nicolas Bovey, autore delle eleganti scene, e Gianluca Falaschi dei bei costumi - premiato lo scorso anno, proprio per il «Ciro», nientemeno che dall’«Abbiati» - si sono presentati alla ribalta.
Dissensi a parte, un’operazione questa ideata dal regista torinese piuttosto discutibile per eccesso, nel senso di una proliferazione di visualità e di gestualità quasi bulimica che finiva per mettere in secondo piano l’energia vitale della musica; di una musica così perfettamente organizzata - la «folie organisée» di cui parlava Stendhal - come quella dell’«Italiana» che non sopporta altri sovraccarichi, se non calibrati da quella misura, da quel 'gusto' che non sembra proprio essere il tratto peculiare di Livermore: perché, gratta gratta, il problema delle regie d’opera oggi non è tanto quello della rilettura in chiave di attualità o meno, quanto la qualità del modo di attivare tale proiezione, senza deviare il corso della musica, cosa che sembrerebbe quasi naturale per i caratteri del Rossini buffo, quasi inossidabili nella loro astratta enigmaticità, in realtà assai ardua proprio per la necessità di non inficiare con modi banali tale assolutezza.
Ci si era cimentato anni fa, qui a Pesaro, Dario Fo nel tentare di attivare ulteriormente la sfrenatezza che percorre l’«Italiana», senza esiti memorabili che tuttavia l’altra sera riaffioravano come nostalgico termine di confronto con questa nuova proposta, essenzialmente banale. Nel senso più stretto, in quanto probabilmente la 'banalità' era la chiave voluta da Livermore quale parametro con cui ricaricare la narrazione attraverso gli stilemi ratificati dalla televisione, quelli delle orrende serate d’intrattenimento come quelli della stessa pubblicità, il tutto condito da piccole complicità trasgressive che si bruciano in un attimo (perché quegli abbandoni saffici di Isabella?); ma per dare una misura esemplare alla banalità, per saperla raccontare è necessario non ricaderci dentro, rischio cui appunto il regista non ci è parso essersi sottratto.
L’esito, si è detto, è stato quello di avvolgere l’attenzione dello spettatore con un continuo martellamento, fin dalla sinfonia, di rimandi a moduli appartenenti al nostro lessico quotidiano, fumetti, televisione, pubblicità, gesti, tic e quant'altro, così da ostacolare, anziché stimolarlo, l’effetto dionisiaco di questa musica che vive di un’energia propria, irresistibile: a saperla far sprigionare, naturalmente, cosa cui ha tentato con esito non assoluto ma neppure disdicevole José Ramòn Encinar alla guida dell’orchestra del Comunale di Bologna. Più articolato il palcoscenico, con l’autorevolezza di Alex Esposito nel dar vita ad un Mustafà pieno di energia, ciò che segnava il confronto con il profilo vocalmente più temperato, pur negli slanci caratteriali, dato a Isabella da Anna Goryachova, che l’anno scorso avevamo apprezzato nella «Matilde di Shabran» per una vocalità non esuberante ma elegantemente profilata; Lindoro era Yijie Shi, giovane tenore cinese la cui determinazione tecnica dovrà allargarsi verso una più naturale espressività; positivo il Taddeo di Mario Cassi e pure ben centrate l’Elvira, moglie di Mustafà, Mariangela Sicilia e la Zulma di Raffaella Lupinacci. Haly, infine, il capitano dei corsari algerini cui Rossini fa cantare «Le femmine d’Italia», era il ben concentrato Davide Luciano.   

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

disperso

Fungaiolo non fa rientro a casa: ricerche da ieri sera tra Bardi e il Piacentino

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

Calcio

Parma, riscatto a Venezia?

1commento

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

lettere al direttore

Come sardine sul Fornovo-Parma

Fontanellato

Addio a Spinazzi, agricoltore all'avanguardia

AL «GULLI»

In passerella le miss «Over 80»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery