Spettacoli

Quando i Beatles dissero addio al palco

Quando i Beatles dissero addio al palco
0

Paolo Biamonte/Ansa

 Anche se l’ultima esibizione dal vivo fu quella, a sorpresa e ormai leggendaria, del gennaio 1969 sul tetto del palazzo della Apple, i Beatles diedero il loro ultimo concerto in pubblico regolarmente annunciato il 29 agosto 1966 a Candlestick Park, appena fuori San Francisco. Il giorno successivo tornarono a Beverly Hills, nella villa in affitto che avevano usato come base, e il 31 agosto partirono per l’Inghilterra.
Il tour americano del 1966 era stata un’esperienza molto pesante: a cominciare da Chicago, si erano esibiti in dieci stadi di fila prima di avere un giorno libero. Erano stanchissimi e decisi a non fare più tour. In realtà, come hanno raccontato più volte nel corso degli anni John, Paul, George e Ringo, quella di San Francisco fu semplicemente la goccia che fece traboccare il vaso. All’epoca non esisteva ancora un’organizzazione per i concerti negli stadi: i Beatles suonavano con tre amplificatori da 100 watt (costruiti per l'occasione, allora una novità sensazionale) e non avevano le spie. Le urla del pubblico coprivano la musica, sul palco i musicisti non si sentivano e Ringo era costretto a tenere soltanto il tempo perchè i tamburi non avevano abbastanza volume per essere percepiti dal pubblico che era lontanissimo (il prato era vuoto).
La loro vita in tournèe era a dir poco claustrofobica: giravano il mondo ma dovunque andassero erano letteralmente assediati da fan in delirio che rappresentavano un fenomeno sociale del tutto nuovo. Il risultato era che si muovevano scortati dalla polizia in un clima di tensione e passavano le giornate asserragliati in albergo. Il più restio ad accettare l'idea di chiudere con i concerti era Paul: ma dopo Candlestick Park anche lui si convinse.
Per la cronaca i biglietti venduti al Candlestick Park furono 25 mila sui 42.500 disponibili. Ad aprire lo show furono le Ronettes di Phil Spector. I Beatles suonarono 11 brani in poco più di mezz'ora.
Questa la scaletta di un concerto che è diventato uno dei bootleg più richiesti della storia: «Rock And Roll Music», «Shès a woman», «If I Needed Someone» , «Day Tripper» , «Baby's In Black» , «I Feel Fine» , «Yesterday», «I Wanna Be Your Man» , «Nowhere Man», «Paperback Writer» e «Long Tall Sally».
La decisione da parte dei Beatles di non fare più concerti finì per cambiare la storia della musica. Da quel momento i quattro cambiarono il modo di concepire il loro lavoro e, per dirla in breve, decisero di usare lo studio di registrazione come uno strumento. Col passare del tempo, con l’aumentare della confidenza con la tecnologia e grazie alla decisiva collaborazione di George Martin, il produttore che riusciva a dare un suono ai loro sogni e alle loro visioni, i Beatles cambiarono l’idea stessa del fare musica, allargando i confini della musica pop e inventando di fatto il concetto moderno della produzione musicale e della tecnologia al servizio della musica.  Quello che veniva registrato nei leggendari studi di Abbey Road non era riproducibile dal vivo: forse il modo più estremo per reagire a quei concerti così faticosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia