22°

34°

Spettacoli

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano
1

 Dall’ottobre 2004 lo possiamo chiamare Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana; dal 2006, alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma, è diventato anche cittadino italiano. Robert De Niro, 70 anni compiuti ieri,  nonostante il carattere schivo, è sempre stato orgogliosamente legato a quel doppio passaporto, quasi un attestato di fedeltà alla memoria dei nonni, i molisani Giovanni De Niro e Angelina Mercurio, emigrati a New York. Suo padre, Robert Senior, faceva invece l’artista, aveva sposato una poetessa e pittrice di sangue inglese e lasciò la famiglia poco dopo la Guerra, quando il ragazzino (nato il 17 agosto del 1943) muoveva i primi passi a Little Italy.

Pessimo studente sui banchi, ottimo allievo sulla strada, Robert De Niro trovò nel vicino Martin Scorsese l’amico d’elezione. Mette per la prima volta il naso su un set con una piccola parte in «Tre camere a Manhattan» di Marcel Carnè (1965). Ma è tre anni dopo che fa il suo ingresso nel cinema, e dalla porta principale. Un altro "figlio di Little Italy" come Brian De Palma (in verità nato a Newark), lo sceglie come protagonista per «Ciao America» e «Hi Mom!». 
A fare la differenza è il "clan" degli italo-americani, ricchissimo di talenti: Scorsese, Coppola, Cimino, De Palma, De Niro, Pacino, Pesci.  A Francis Coppola il giovane Bob De Niro dovrà il suo primo Oscar (da non protagonista) per il giovane Vito Corleone nel «Padrino Parte II». Di suo, De Niro aggiunse una formidabile recitazione quasi tutta in siciliano (lingua appresa in poche settimane) e si incontra sul set con Al Pacino che, in qualche modo, sarà il suo antagonista storico sulla scena hollywoodiana. Ma un anno prima, nel 1973, era invece Martin Scorsese a cambiare la vita artistica dell’amico Bob, affiancandolo a Harvey Keitel nel suo film d’esordio «Mean Streets». Il sodalizio tra i due divenne anche un’amicizia inossidabile, punteggiata da ben otto film tra cui il formidabile «Taxi driver» (quasi un manifesto generazionale) e quel «Toro scatenato» che nel 1981 valse a De Niro il suo secondo oscar, questa volta da protagonista.
Se il trionfo popolare viene dal «Cacciatore» con Michael Cimino a orchestrare l'imperdibile duetto con Meryl Streep, è invece l’incontro con Bernardo Bertolucci a far crescere ancora la maturità espressiva di De Niro. E non è forse un caso che pochi anni dopo la saga di «Novecento» (1976), De Niro si ripeta agli ordini di un altro italiano, Sergio Leone, per «C'era una volta in America» (1984). Sono così tante e spesso così potenti le interpretazioni di De Niro a cavallo tra gli anni '80 e '90 che il solo elenco trasforma una riflessione critica in una Guida Monaci. 
Dopo, qualcosa in lui si trasforma radicalmente. L'uomo sembra trovare una quiete interiore: dal 1997 è marito fedele di Grace Hightower, padre dei suoi due figli (altri tre ne ha da relazioni precedenti) e due volte nonno. L’attore riscopre quella vena comica che lo aveva rivelato agli esordi con De Palma come nell’autoironico «Terapia e pallottole» (1999) o nella popolarissima saga dei Fockers da «Ti presento i miei» (2000), fino all’incursione italiana di «Manuale d’amore 3» nel 2011. C'è infine l’uomo di cultura che lancia il Tribeca Film Festival all’indomani della tragedia delle Twin Towers; regista sorvegliato fino alla mania della misura nell’opera d’esordio, l'autobiografico «Bronx» (1993) e nella bellissima, dolente spy story «The Good Shepherd» (2003) che apre una trilogia dedicata alle malefatte dei servizi segreti americani. Adesso tutti lo aspettano atteggiato da mafioso in pensione nel «Malavita» di Luc Besson, ora che ha visto la sua carriera rilanciata dalla nomination all’Oscar per «Il lato positivo».
Ma si ha spesso la sensazione che il fuoco vitale, rabbioso, segreto di Bob De Niro arda ormai altrove, che la recitazione, il cinema stesso, non gli bastino più. Ha nominato il suo erede, Leonardo Di Caprio; ha chiarito che il regista a cui non potrà mai dire no resta l’amico Scorsese; ha presieduto la giuria di Cannes e ricevuto la Legion d’Onore. Cosa può cercare ancora? Una volta ha detto «Il talento sta nelle scelte»; adesso il suo talento sta in una scelta che certamente non assomiglierà al suo passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Letizia

    18 Agosto @ 23.22

    70 anni vissuti alla grande, il mio amato Bob è meraviglioso ed interprete dei miei film preferiti. Sono felice di ogni sua scelta cinematografica, che vada dal drammatico fino alla commedia e sono curiosissima di vederlo prossimamente nel nuovo film di David O. Russell, American Hustle (infondo hanno già lavorato insieme per Il Lato Positivo, anche lì ottima ed inaspettata interpretazione). Giusto ieri mi sono vista qualche film e ho onorato il suo compleanno grazie ad una maratona su cubovision :) lunga vita a Robert, che possa donarci tanti altri splendidi personaggi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse