10°

20°

Spettacoli

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano
1

 Dall’ottobre 2004 lo possiamo chiamare Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana; dal 2006, alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma, è diventato anche cittadino italiano. Robert De Niro, 70 anni compiuti ieri,  nonostante il carattere schivo, è sempre stato orgogliosamente legato a quel doppio passaporto, quasi un attestato di fedeltà alla memoria dei nonni, i molisani Giovanni De Niro e Angelina Mercurio, emigrati a New York. Suo padre, Robert Senior, faceva invece l’artista, aveva sposato una poetessa e pittrice di sangue inglese e lasciò la famiglia poco dopo la Guerra, quando il ragazzino (nato il 17 agosto del 1943) muoveva i primi passi a Little Italy.

Pessimo studente sui banchi, ottimo allievo sulla strada, Robert De Niro trovò nel vicino Martin Scorsese l’amico d’elezione. Mette per la prima volta il naso su un set con una piccola parte in «Tre camere a Manhattan» di Marcel Carnè (1965). Ma è tre anni dopo che fa il suo ingresso nel cinema, e dalla porta principale. Un altro "figlio di Little Italy" come Brian De Palma (in verità nato a Newark), lo sceglie come protagonista per «Ciao America» e «Hi Mom!». 
A fare la differenza è il "clan" degli italo-americani, ricchissimo di talenti: Scorsese, Coppola, Cimino, De Palma, De Niro, Pacino, Pesci.  A Francis Coppola il giovane Bob De Niro dovrà il suo primo Oscar (da non protagonista) per il giovane Vito Corleone nel «Padrino Parte II». Di suo, De Niro aggiunse una formidabile recitazione quasi tutta in siciliano (lingua appresa in poche settimane) e si incontra sul set con Al Pacino che, in qualche modo, sarà il suo antagonista storico sulla scena hollywoodiana. Ma un anno prima, nel 1973, era invece Martin Scorsese a cambiare la vita artistica dell’amico Bob, affiancandolo a Harvey Keitel nel suo film d’esordio «Mean Streets». Il sodalizio tra i due divenne anche un’amicizia inossidabile, punteggiata da ben otto film tra cui il formidabile «Taxi driver» (quasi un manifesto generazionale) e quel «Toro scatenato» che nel 1981 valse a De Niro il suo secondo oscar, questa volta da protagonista.
Se il trionfo popolare viene dal «Cacciatore» con Michael Cimino a orchestrare l'imperdibile duetto con Meryl Streep, è invece l’incontro con Bernardo Bertolucci a far crescere ancora la maturità espressiva di De Niro. E non è forse un caso che pochi anni dopo la saga di «Novecento» (1976), De Niro si ripeta agli ordini di un altro italiano, Sergio Leone, per «C'era una volta in America» (1984). Sono così tante e spesso così potenti le interpretazioni di De Niro a cavallo tra gli anni '80 e '90 che il solo elenco trasforma una riflessione critica in una Guida Monaci. 
Dopo, qualcosa in lui si trasforma radicalmente. L'uomo sembra trovare una quiete interiore: dal 1997 è marito fedele di Grace Hightower, padre dei suoi due figli (altri tre ne ha da relazioni precedenti) e due volte nonno. L’attore riscopre quella vena comica che lo aveva rivelato agli esordi con De Palma come nell’autoironico «Terapia e pallottole» (1999) o nella popolarissima saga dei Fockers da «Ti presento i miei» (2000), fino all’incursione italiana di «Manuale d’amore 3» nel 2011. C'è infine l’uomo di cultura che lancia il Tribeca Film Festival all’indomani della tragedia delle Twin Towers; regista sorvegliato fino alla mania della misura nell’opera d’esordio, l'autobiografico «Bronx» (1993) e nella bellissima, dolente spy story «The Good Shepherd» (2003) che apre una trilogia dedicata alle malefatte dei servizi segreti americani. Adesso tutti lo aspettano atteggiato da mafioso in pensione nel «Malavita» di Luc Besson, ora che ha visto la sua carriera rilanciata dalla nomination all’Oscar per «Il lato positivo».
Ma si ha spesso la sensazione che il fuoco vitale, rabbioso, segreto di Bob De Niro arda ormai altrove, che la recitazione, il cinema stesso, non gli bastino più. Ha nominato il suo erede, Leonardo Di Caprio; ha chiarito che il regista a cui non potrà mai dire no resta l’amico Scorsese; ha presieduto la giuria di Cannes e ricevuto la Legion d’Onore. Cosa può cercare ancora? Una volta ha detto «Il talento sta nelle scelte»; adesso il suo talento sta in una scelta che certamente non assomiglierà al suo passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Letizia

    18 Agosto @ 23.22

    70 anni vissuti alla grande, il mio amato Bob è meraviglioso ed interprete dei miei film preferiti. Sono felice di ogni sua scelta cinematografica, che vada dal drammatico fino alla commedia e sono curiosissima di vederlo prossimamente nel nuovo film di David O. Russell, American Hustle (infondo hanno già lavorato insieme per Il Lato Positivo, anche lì ottima ed inaspettata interpretazione). Giusto ieri mi sono vista qualche film e ho onorato il suo compleanno grazie ad una maratona su cubovision :) lunga vita a Robert, che possa donarci tanti altri splendidi personaggi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato

parma

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato Foto

1commento

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: arrestato

In manette un 31enne tunisino

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

BORETTO

Sfilano i cavi di un edificio in disuso per rubare il rame: denunciati un parmigiano e un complice Foto

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

1commento

Calcio

Parma in crisi, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

9commenti

SACERDOTE

Da Tabiano alla Siberia, la storia di Don Ubaldo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

CREMONA

La grande commozione all'addio ad Alberto Quaini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

Crisi

Alitalia, Lufthansa: "Nessuna intenzione di acquistarla"

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Eia, qualcuno ha visto Edward?

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

SPORT

CALCIO

Il Venezia vince la Coppa Italia di LegaPro. Inzaghi: "Ho vinto tanto, ora tocca ai miei ragazzi"

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling