15°

Spettacoli

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano

Robert De Niro, 70 anni di un mito un po' italiano
1

 Dall’ottobre 2004 lo possiamo chiamare Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana; dal 2006, alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma, è diventato anche cittadino italiano. Robert De Niro, 70 anni compiuti ieri,  nonostante il carattere schivo, è sempre stato orgogliosamente legato a quel doppio passaporto, quasi un attestato di fedeltà alla memoria dei nonni, i molisani Giovanni De Niro e Angelina Mercurio, emigrati a New York. Suo padre, Robert Senior, faceva invece l’artista, aveva sposato una poetessa e pittrice di sangue inglese e lasciò la famiglia poco dopo la Guerra, quando il ragazzino (nato il 17 agosto del 1943) muoveva i primi passi a Little Italy.

Pessimo studente sui banchi, ottimo allievo sulla strada, Robert De Niro trovò nel vicino Martin Scorsese l’amico d’elezione. Mette per la prima volta il naso su un set con una piccola parte in «Tre camere a Manhattan» di Marcel Carnè (1965). Ma è tre anni dopo che fa il suo ingresso nel cinema, e dalla porta principale. Un altro "figlio di Little Italy" come Brian De Palma (in verità nato a Newark), lo sceglie come protagonista per «Ciao America» e «Hi Mom!». 
A fare la differenza è il "clan" degli italo-americani, ricchissimo di talenti: Scorsese, Coppola, Cimino, De Palma, De Niro, Pacino, Pesci.  A Francis Coppola il giovane Bob De Niro dovrà il suo primo Oscar (da non protagonista) per il giovane Vito Corleone nel «Padrino Parte II». Di suo, De Niro aggiunse una formidabile recitazione quasi tutta in siciliano (lingua appresa in poche settimane) e si incontra sul set con Al Pacino che, in qualche modo, sarà il suo antagonista storico sulla scena hollywoodiana. Ma un anno prima, nel 1973, era invece Martin Scorsese a cambiare la vita artistica dell’amico Bob, affiancandolo a Harvey Keitel nel suo film d’esordio «Mean Streets». Il sodalizio tra i due divenne anche un’amicizia inossidabile, punteggiata da ben otto film tra cui il formidabile «Taxi driver» (quasi un manifesto generazionale) e quel «Toro scatenato» che nel 1981 valse a De Niro il suo secondo oscar, questa volta da protagonista.
Se il trionfo popolare viene dal «Cacciatore» con Michael Cimino a orchestrare l'imperdibile duetto con Meryl Streep, è invece l’incontro con Bernardo Bertolucci a far crescere ancora la maturità espressiva di De Niro. E non è forse un caso che pochi anni dopo la saga di «Novecento» (1976), De Niro si ripeta agli ordini di un altro italiano, Sergio Leone, per «C'era una volta in America» (1984). Sono così tante e spesso così potenti le interpretazioni di De Niro a cavallo tra gli anni '80 e '90 che il solo elenco trasforma una riflessione critica in una Guida Monaci. 
Dopo, qualcosa in lui si trasforma radicalmente. L'uomo sembra trovare una quiete interiore: dal 1997 è marito fedele di Grace Hightower, padre dei suoi due figli (altri tre ne ha da relazioni precedenti) e due volte nonno. L’attore riscopre quella vena comica che lo aveva rivelato agli esordi con De Palma come nell’autoironico «Terapia e pallottole» (1999) o nella popolarissima saga dei Fockers da «Ti presento i miei» (2000), fino all’incursione italiana di «Manuale d’amore 3» nel 2011. C'è infine l’uomo di cultura che lancia il Tribeca Film Festival all’indomani della tragedia delle Twin Towers; regista sorvegliato fino alla mania della misura nell’opera d’esordio, l'autobiografico «Bronx» (1993) e nella bellissima, dolente spy story «The Good Shepherd» (2003) che apre una trilogia dedicata alle malefatte dei servizi segreti americani. Adesso tutti lo aspettano atteggiato da mafioso in pensione nel «Malavita» di Luc Besson, ora che ha visto la sua carriera rilanciata dalla nomination all’Oscar per «Il lato positivo».
Ma si ha spesso la sensazione che il fuoco vitale, rabbioso, segreto di Bob De Niro arda ormai altrove, che la recitazione, il cinema stesso, non gli bastino più. Ha nominato il suo erede, Leonardo Di Caprio; ha chiarito che il regista a cui non potrà mai dire no resta l’amico Scorsese; ha presieduto la giuria di Cannes e ricevuto la Legion d’Onore. Cosa può cercare ancora? Una volta ha detto «Il talento sta nelle scelte»; adesso il suo talento sta in una scelta che certamente non assomiglierà al suo passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Letizia

    18 Agosto @ 23.22

    70 anni vissuti alla grande, il mio amato Bob è meraviglioso ed interprete dei miei film preferiti. Sono felice di ogni sua scelta cinematografica, che vada dal drammatico fino alla commedia e sono curiosissima di vederlo prossimamente nel nuovo film di David O. Russell, American Hustle (infondo hanno già lavorato insieme per Il Lato Positivo, anche lì ottima ed inaspettata interpretazione). Giusto ieri mi sono vista qualche film e ho onorato il suo compleanno grazie ad una maratona su cubovision :) lunga vita a Robert, che possa donarci tanti altri splendidi personaggi!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

I carabinieri in piazza Gioberti dove è stato rinvenuto il corpo

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

21commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

7commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017