22°

Spettacoli

Mostra di Venezia, meno cassetta più raffinatezza

Mostra di Venezia, meno cassetta più raffinatezza
Ricevi gratis le news
0

Dal nostro inviato
Filiberto Molossi

Newton lo aveva capito prima degli altri: sta tutto nella forza di attrazione. Che sì, è un pilastro della fisica: ma anche, ampliando lo sguardo, quel filo sottile e invisibile che unisce lo spettatore allo schermo. Un richiamo misterioso, che però ha le sue leggi: là dove l’assenza di gravità è invece propria dello smarrirsi. Un’inesorabile deriva, come quella contro cui lottano gli astronauti Clooney e Bullock (lui all’ultima missione, lei alla prima), nel profondo nulla di un’altra odissea nello spazio. Per vincere lo scetticismo (prevenuto?) che circonda la settantesima (auguri, bella signora) Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera prova con coraggio a riportare il Festival della Laguna in orbita: conscio che per ritrovarsi bisogna prima perdersi. Stasera il primo ciak di una kermesse ambiziosa che, orfana di alcuni pezzi grossi scippati da Cannes (i Coen, Payne, Kechiche, Farhadi, Polanski...) gioca contro la crisi la carta del contropiede, con un cartellone d’autore adatto ai cacciatori di perle, quelle che di solito si nascondono dove meno te l’aspetti. Venti film in concorso sotto lo sguardo curioso ed eccellente dell’ultimo imperatore (a proposito, la versione in 3 D esce il 10 settembre) Bernardo Bertolucci, presidente di giuria: ma prima, tappeto rosso per «Gravity», il kolossal minimalista e fantafilosofico del messicano Alfonso Cuaron. Della sua ultima volta a Venezia (con «I figli degli uomini») non si ricorda nessuno: e forse è meglio così. Da allora ha pensato solo a questo film: oltre 5 anni di preparazione, una pellicola che sembrava non dovere uscire mai. E che ora ha il compito, per nulla comodo, di aprire le danze. Tre gli italiani in gara, un big e due outsider, tutti sul filo del disagio; l’asso è Gianni Amelio, l’ultimo di casa nostra ad aggiudicarsi (15 anni fa) il Leone: ne «L'intrepido» racconta, tra commedia e lacrimuccia, la storia di un disoccupato (Antonio Albanese) che sopravvive rimpiazzando chi si prende una pausa dal lavoro. E’ quasi un western suburbano invece il debutto della regista teatrale Emma Dante: due auto guidate da due donne, una via troppo stretta, nessuno che vuole fare marcia indietro. Facile leggerci anche lo stallo, rabbioso, di un Paese. Il terzo italiano in concorso è invece (e fa parte delle scelte «forti» di Barbera) un documentario: quello di Gianfranco Rosi, che in «Sacro Gra» osserva forme di vita ai margini del Grande Raccordo Anulare.
Uno sguardo sul mondo che anche nel resto della selezione non può prescindere dalla realtà: anche quando gioca con le allegorie della fantascienza. Come nel pericolosamente bizzarro «The zero theorem» (con il premio Oscar, Christoph Waltz, il più amato da Tarantino) di un Gilliam tornato in zona «Brazil», o in «Under the skin», con Scarlett Johansson cacciatrice aliena di uomini. Una Mostra, quella veneziana, che cerca nuove angolazioni sulla Storia - il doc su Rumsfeld, ma anche l’atteso «Parkland», ambientato nell’ospedale dove arriva John Kennedy in fin di vita -, attraversando come un lampo storie vere («Tracks», viaggio anche esistenziale di una scrittrice australiana che percorse 2.700 chilometri in compagnia di un cane fedele e 4 bizzosi cammelli, come pure «Philomena», titolo «sicuro» di Stephen Frears, in cui Judi Dench che cerca per 50 anni il figlio che ha abbandonato), casi letterari («Child of God», con cui James Franco porta in scena un grande autore amatissimo dal cinema come Cormac McCarthy), tematiche attuali (il thriller eco terrorista «Night moves, l’algerino «Les terrasses»), animazioni (il maestro Miyazaki, di celeste tenerezza, ma anche, fuori concorso, «Capitan Harlock», che farà sussultare i bambini mai cresciuti degli anni '70) e redenzioni («Joe», con Nicholas Cage con tanto di barbone). Un mix variegato di registi abbonati ai Festival (Gitai, che si cimenta in unico, e politico, piano sequenza, l’esperto e amato Garrel che potrebbe fare centro con la sua «Jalousie», Tsai Ming-liang...) e giovani leoni, come l’enfant prodige canadese Xavier Dolan sono pronti a minare le sicurezze della kermesse: ad esplodere sarà sicuramente l’istituzione famiglia, fatta a pezzi dal lungo e si dice violentissimo «The police officer's wife» di quel Philip Groning che fece molto parlare di sé con «Il grande silenzio» (un documentario ambientato in un monastero), ma anche dal greco «Miss violence», che dal trailer promette benissimo.
Ma è caccia aperta al capolavoro di domani anche nelle sezioni collaterali. Le Giornate degli autori appaiono vivacissime: si va da Accorsi arbitro corrotto e declassato a «La mia classe» di Gaglianone, in cui un maestro insegna l’italiano agli immigrati, dalla commedia «Tres bodas de màs», dove una ragazza viene invitata nel giro di un mese ai matrimoni di tre ex a «Kill your darlings» con l’ex Harry Potter Daniel Radcliffe nei panni addirittura di Ginsberg. Occhio anche ad «Orizzonti» dove, tra le molte altre cose, sbarca l’ultima dei Coppola - Gia, che sta per Giancarla, classe '87 -, ma anche un esordio feroce come «Piccola patria» e «Il terzo tempo», col rugby come riscatto sociale. Ma imprescindibili sono anche, fuori concorso, il nuovo capitolo di «Heimat», l’ormai mitica saga del tedesco Edgar Reitz e il nuovo film (con evirazione...) di Kim Ki-duk, che qui vinse l’anno passato.
Senza dimenticare i documentari sportivi sul dopato Armstrong e su Lenny Cooke, il ragazzo che al liceo era più forte di Le Bron James ma non giocò mai in Nba. A differenza di Venezia che disputa la partita dei grandi: sperando che a fil di sirena anche stavolta la palla entri nel cesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Elio e le Storie Tese, dopo 37 anni il valzer d'addio

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

1commento

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

19commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastifici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»