15°

Spettacoli

La vita (agra) secondo "Joe" tra paternità e redenzione

La vita (agra) secondo "Joe" tra paternità e redenzione
0

Filiberto Molossi

C'è l’America degradata di un’altra - grande - depressione, tra rifiuti umani che tradiscono il sangue del proprio sangue per 30 dollari (o trenta denari?), lavoro duro e nero, discariche di barche abbandonate, whisky bevuto a collo, cani che ringhiano e sbavano, bordelli di seconda e una memoria affilata come un coltello, in «Joe», film di sopravvissuti (al passato, al presente, a se stessi) dove si uccide anche per un sorso di vino: e c'è un cinema virile, che ci piace chiamare classico, sin troppo convenzionale certo, ma che dentro, tra una frase mozzata e un pieno di rabbia, ha comunque una bella amarezza, una disillusione fonda riscattata solo dalla voglia adolescente di credere che ci sia qualcosa di meglio, di più giusto. A Venezia, l’ultimo lavoro di David Gordon Green, versatile 38enne di Little Rock, che porta in concorso una pellicola per molti versi già vista ma efficace, ambientata in un’attualità orfana di padri che cerca un senso dove non c'è: narrazione tradizionale, ma facce giuste e contorno ruvido in un dramma su una genitorialità sublimata, giocato sull'incontro tra un quindicenne cresciuto in un deserto morale che non ha paura di sporcarsi, onestamente, le mani e il Joe del titolo, tosto e tormentato «cavaliere solitario» dal passato oscuro. Uno come Nicolas Cage, oltre 30 anni di cinema sul groppone, giacca blu e basette lunghe che lo fanno assomigliare (e neanche poco) a Paolo Sorrentino. Un divo dalla carriera che è un saliscendi peggio di Piazza Affari, uno che sta sempre sulla difensiva, risponde standard ma non ha paura di ammettere che «la crisi morale odierna dipende proprio dall’assenza dei padri, di figure di questo tipo. Sono convinto che la pace nel mondo parta dalla casa: è importante che un padre sia presente e si occupi dei suoi figli».
Felicissimo di avere lavorato con Green («avrei fatto quattro salti mortali anche nudo pur di recitare per lui: è uno come me, che non ha paura di mettersi in gioco»), Cage ha spiegato che di solito impiega «un anno a scegliere il copione giusto: questo mi andava bene al 100%». Interpretando Joe, imponente eppure fragile come gli alberi che avvelena per poi abbattere, l’attore ha cercato di «arrivare alla purezza del personaggio: non voglio dover recitare, significa essere falsi. Non dico che se devo sembrare ubriaco io beva davvero: ma che ruoti 4-5 volte su me stesso perché mi giri la testa sì». Con lui, nel film, il giovanissimo Tye Sheridan (che era già in «The tree of life») e una serie di interpreti non professionisti: come lo straordinario Gary Poulter (migliore in campo), morto durante il montaggio, preso dalla strada dopo una laurea in ingegneria e diversi schiaffi presi dalla vita. Ha conquistato anche Cage che a chi gli chiede se dopo 70 film e passa non sia stanco, risponde sorridendo: «Onestamente no, mi piace il mio lavoro, recitare è parte di me: e non mi vedo ancora a  bordo piscina con un drink in mano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa