18°

Spettacoli

Scarlett Johansson: "Vita da aliena"

Scarlett Johansson: "Vita da aliena"
0

Incontri ravvicinati di un certo tipo: una marziana a Venezia. Arriva da un pianeta lontanissimo di nome Hollywood, pronta a stenderti col sorriso di un altro mondo: capelli lunghi biondi (mentre nel film, dove è spesso nuda, indossa una parrucca nera), vestitino a righe bianche e nere, Scarlett Johansson riporta il segno + al borsino dei divi, aliena in un mondo alienato nel laconico e soffocante «Under the skin», ritorno alla regia (accolto anche da qualche fischio) dell’inglese Jonathan Glazer, che, dopo nove anni d’assenza dal grande schermo, gira in una ruvida Scozia un ambizioso ed efficace esempio (anche se c'è una buona mezz'ora di troppo...) di fantascienza fredda, esistenzialista, a tratti anche terrificante nella sua scarna essenzialità, per raccontare il mondo visto con gli occhi di un’extraterrestre. La Johansson, appunto, unica vera star di un cast di non professionisti, predatrice intrappolata dalla verità di uno specchio e infine sorpresa (e tentata) da un’imprevedibile umanità.
Come si è avvicinata a un personaggio del genere?
«Senza idee preconcette. Dopo due o tre ciak ho capito dove volevo andare, ma ci sono volute almeno due settimane perché il personaggio prendesse piede dentro di me. E’ un’entità più che una persona: è stato difficile all’inizio trovare una chiave di interpretazione, non avevo riferimenti a cui aggrapparmi».
Come ne è venuta a capo?
«Ho recitato come fossi in modalità accesa o spenta, on o off: secondo Jonathan era come se dovessi dare voce a una cosa. Ma quello che è certo è che né io né lui volevamo che il mio personaggio avesse movimenti da aliena»
Il film è stato girato senza set artificiali, a volte anche con otto cineprese nascoste, con un copione leggero: che esperienza è stata?
«Molto interessante: alla fine la performance veniva fuori molto genuina. Potevamo fare fino a 7-8 ciak prima di perdere la magia dell’improvvisazione, prima che intorno a noi si accorgessero che stavamo girando un film. C'era una linea non chiara a dividere realtà e finzione: in fondo non è così anche nella vita?»
E' un metodo che l’ha appassionata?
«Sì, anche se inizialmente ero spaventata, è stato terribile: avevo paura di vedere come avrebbe potuto reagire la gente a qualcosa che non si aspettava. Ho dovuto abbandonare tutte le mie paure, i timori: è stata quasi una terapia»
Ma cosa l’ha attratta di «Under the skin»?
«Il fatto che non fosse etichettabile: non credo sia un film di fantascienza, non è un film di genere. E non credo abbia nemmeno una moralità particolare. In fondo un po' tutti i miei film sono sfide: e anche questa è stata un’esperienza sui generis».  

Il film "Under the skin" presentato da Filiberto Molossi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò

lega pro

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò Diretta

Dopo 10 minuti infortunio per Giorgino: entra Corapi

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

gazzareporter

"Via Nenni e il divieto di sosta...."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

Economia

Corsa alla rottamazione cartelle, domande prorogate al 21 aprile Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017