12°

22°

Spettacoli

I loggionisti, gli appassionati che alla musica danno del "tu"

I loggionisti, gli appassionati che alla musica danno del "tu"
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio
E' un mondo piccolo e nello stesso tempo grande popolato da umanità varia che testimonia come la musica, nella fattispecie l’opera lirica, riesca a mettere  i suoi appassionati allo stesso livello: professionisti, operai, artigiani,  studenti, giovani, anziani, uomini, donne, credenti, atei, sinistrorsi, destrorsi e centristi.
Tutti appollaiati in quelle anguste «piccionaie» in occasione delle «prime» per la devota audizione delle ben conosciute note.  E’ il “pianeta loggione” che, se per gli altri teatri  è un qualcosa di importante , per il Regio di Parma è  un «sacro sito», la temuta «fossa dei leoni» per tenori, soprani e baritoni che si cimentano sul palco del massimo tempio del melodramma.
A capo dell’Associazione Loggionisti, nata nel 1997, fin dalla sua fondazione,  Maurizio Baldini, classe 1940, parmigiano di via Conservatorio. E, per un melomane,  strada più azzeccata, non poteva esserci.
 Figlio di Dante, inserviente  presso la nostra Università e di Nella, casalinga e appassionatissima di musica, Maurizio, si diploma perito elettrotecnico  ed inizia  il suo percorso nel mondo del lavoro alla Pirelli nello stabilimento Bicocca.  Dopo  alcuni anni  in Simonazzi, approda alla Salvarani dove rimarrà fino alla pensione.
Coniugato con Erminia, sempre al suo fianco anche in loggione, padre di due figli e nonno di Beatrice di tredici anni, che non manca mai ad un’anteprima al Regio con i nonni, Baldini,  ha ereditato dalla mamma la passione per la lirica.
Ricorda in proposito  un curioso episodio che ebbe protagonista proprio sua mamma la quale, un bel giorno, stanca di ascoltare l'opera da un vecchia e gracchiante radio, ne acquistò una nuova anche perchè, dopo alcuni giorni, avrebbe ascoltato «Norma» con la  Callas, assieme ai «casànt», come usava una volta. Il noto soprano  interruppe la recita ed anche il collegamento radio  cessò  al punto di far ritenere  alla signora Nella che la radio si fosse  rotta e le avessero affibbiato un’imbrogliata.  Dopo un lungo silenzio dovuto appunto all’inaspettata rinuncia della «divina», il collegamento riprese e la Nella si tranquillizzò.
Nel più tombale silenzio, quasi claustrale, in un mistico atteggiamento  ascetico,  con orecchi, che al loro confronto i sofisticati radar della Nasa  sono una bazzecola, i loggionisti,  dalla prima nota sino all’ultima, ascoltano, gustano,  soffrono, gioiscono, dissentono o applaudono. 
E questo perchè loggionisti non lo si diventa, ma  si nasce con  quell'amore  per la musica  magari ereditato da un parente. Fatto sta che quei personaggi che a tutte le « prime» popolano il loggione con il dialetto lingua ufficiale per rendere  elogi e critiche, conditi con straordinarie battute, ancor più veri, rappresentano  la vera anima del teatro. Tra loro autentici personaggi che sembrano usciti  da un film di Pupi Avati.
Innanzitutto il loggionista è estroso, anomalo, unico nel suo genere. Ed allora, come non rimanere affascinati da certi loggionisti doc come il mitico ed enciclopedico  Luigi Mistrali, per tutti «Gigèt» , icona del loggione parmigiano? Ed ancora : gli avvocati Isi, Enrico Ghidini, Maria Grazia Brozzi, Ferruccio Frigeri, Wilma Maiardi. Forse è l'ultima Parma che è rimasta e che ci ricorda  i fasti e l’autenticità della città d’un tempo dove tutti si conoscevano e tutti sapevano tutto di tutti.
La città per la quale l’ombelico del mondo era piazza Garibaldi e la notte di Santo Stefano voleva dire «prima» al Regio.
Certo da allora tutto è diverso e anche il loggione è cambiato, non soltanto per motivi generazionali:  al posto dei «cibàch» e delle «rezdore» di pezzaniana memoria, ci sono altri personaggi pur sempre caratteristici e simpatici. Teniamocela  cara questa ultima Parma. Non lasciamocela sfuggire tra i miasmi dell’indifferenza e della generalizzata globalizzazione.
 Del nostro loggione andiamone fieri, poiché  quegli uomini e quelle donne che ascoltano in religioso silenzio  l’opera senza sfoggiare abiti o toilette di lusso, sono autentici intenditori.  Gente che alla musica da del tu. E, se qualche nota  inciampa uscendo dalla buca dell’orchestra  o qualche acuto si smorza tra gli stucchi dorati ed  i velluti del Regio, loro se ne accorgono e ne soffrono perchè, la musica, la amano per davvero. Per questo meritano rispetto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro