21°

Spettacoli

I loggionisti, gli appassionati che alla musica danno del "tu"

I loggionisti, gli appassionati che alla musica danno del "tu"
0

Lorenzo Sartorio
E' un mondo piccolo e nello stesso tempo grande popolato da umanità varia che testimonia come la musica, nella fattispecie l’opera lirica, riesca a mettere  i suoi appassionati allo stesso livello: professionisti, operai, artigiani,  studenti, giovani, anziani, uomini, donne, credenti, atei, sinistrorsi, destrorsi e centristi.
Tutti appollaiati in quelle anguste «piccionaie» in occasione delle «prime» per la devota audizione delle ben conosciute note.  E’ il “pianeta loggione” che, se per gli altri teatri  è un qualcosa di importante , per il Regio di Parma è  un «sacro sito», la temuta «fossa dei leoni» per tenori, soprani e baritoni che si cimentano sul palco del massimo tempio del melodramma.
A capo dell’Associazione Loggionisti, nata nel 1997, fin dalla sua fondazione,  Maurizio Baldini, classe 1940, parmigiano di via Conservatorio. E, per un melomane,  strada più azzeccata, non poteva esserci.
 Figlio di Dante, inserviente  presso la nostra Università e di Nella, casalinga e appassionatissima di musica, Maurizio, si diploma perito elettrotecnico  ed inizia  il suo percorso nel mondo del lavoro alla Pirelli nello stabilimento Bicocca.  Dopo  alcuni anni  in Simonazzi, approda alla Salvarani dove rimarrà fino alla pensione.
Coniugato con Erminia, sempre al suo fianco anche in loggione, padre di due figli e nonno di Beatrice di tredici anni, che non manca mai ad un’anteprima al Regio con i nonni, Baldini,  ha ereditato dalla mamma la passione per la lirica.
Ricorda in proposito  un curioso episodio che ebbe protagonista proprio sua mamma la quale, un bel giorno, stanca di ascoltare l'opera da un vecchia e gracchiante radio, ne acquistò una nuova anche perchè, dopo alcuni giorni, avrebbe ascoltato «Norma» con la  Callas, assieme ai «casànt», come usava una volta. Il noto soprano  interruppe la recita ed anche il collegamento radio  cessò  al punto di far ritenere  alla signora Nella che la radio si fosse  rotta e le avessero affibbiato un’imbrogliata.  Dopo un lungo silenzio dovuto appunto all’inaspettata rinuncia della «divina», il collegamento riprese e la Nella si tranquillizzò.
Nel più tombale silenzio, quasi claustrale, in un mistico atteggiamento  ascetico,  con orecchi, che al loro confronto i sofisticati radar della Nasa  sono una bazzecola, i loggionisti,  dalla prima nota sino all’ultima, ascoltano, gustano,  soffrono, gioiscono, dissentono o applaudono. 
E questo perchè loggionisti non lo si diventa, ma  si nasce con  quell'amore  per la musica  magari ereditato da un parente. Fatto sta che quei personaggi che a tutte le « prime» popolano il loggione con il dialetto lingua ufficiale per rendere  elogi e critiche, conditi con straordinarie battute, ancor più veri, rappresentano  la vera anima del teatro. Tra loro autentici personaggi che sembrano usciti  da un film di Pupi Avati.
Innanzitutto il loggionista è estroso, anomalo, unico nel suo genere. Ed allora, come non rimanere affascinati da certi loggionisti doc come il mitico ed enciclopedico  Luigi Mistrali, per tutti «Gigèt» , icona del loggione parmigiano? Ed ancora : gli avvocati Isi, Enrico Ghidini, Maria Grazia Brozzi, Ferruccio Frigeri, Wilma Maiardi. Forse è l'ultima Parma che è rimasta e che ci ricorda  i fasti e l’autenticità della città d’un tempo dove tutti si conoscevano e tutti sapevano tutto di tutti.
La città per la quale l’ombelico del mondo era piazza Garibaldi e la notte di Santo Stefano voleva dire «prima» al Regio.
Certo da allora tutto è diverso e anche il loggione è cambiato, non soltanto per motivi generazionali:  al posto dei «cibàch» e delle «rezdore» di pezzaniana memoria, ci sono altri personaggi pur sempre caratteristici e simpatici. Teniamocela  cara questa ultima Parma. Non lasciamocela sfuggire tra i miasmi dell’indifferenza e della generalizzata globalizzazione.
 Del nostro loggione andiamone fieri, poiché  quegli uomini e quelle donne che ascoltano in religioso silenzio  l’opera senza sfoggiare abiti o toilette di lusso, sono autentici intenditori.  Gente che alla musica da del tu. E, se qualche nota  inciampa uscendo dalla buca dell’orchestra  o qualche acuto si smorza tra gli stucchi dorati ed  i velluti del Regio, loro se ne accorgono e ne soffrono perchè, la musica, la amano per davvero. Per questo meritano rispetto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

13commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa