13°

23°

Spettacoli

Jader Bignamini: «Con l'orchestra serve feeling»

Jader Bignamini: «Con l'orchestra serve feeling»
Ricevi gratis le news
0

Lucia Brighenti

L’orchestra è come un animale, percepisce ogni tua debolezza», ma Jader Bignamini sa come domarla e martedì, quando ha diretto Simon Boccanegra, primo titolo del Festival Verdi, si è sentito.
Trentasette anni, direttore associato dell’Orchestra Sinfonica la Verdi di Milano, Bignamini è stato intervistato da Giuseppe Martini nell’ambito delle «Conversazioni» alla Libreria Feltrinelli. «Nella mia famiglia non ci sono musicisti, – ha raccontato Bignamini – ho iniziato a suonare in modo molto casuale, perché nella banda di Crema, la mia città, cercavano strumentisti. Ho scelto il clarinetto: il mio primo insegnante era un appassionato di lirica. Grazie a lui, dai nove agli undici anni ho imparato a memoria tutte le sinfonie di Verdi e di Rossini». Poi l’ingresso nell’Orchestra Sinfonica la Verdi, come clarinetto piccolo. Un’esperienza, quella di professore d’orchestra, che gli serve ancora oggi per dirigere: «Quando suonavo nella Verdi, nei primi dieci minuti di prove decidevo se un direttore per me era buono o no. In questo senso penso che l’orchestra sia come un animale: il rapporto si basa molto sulle sensazioni. Nei primi minuti di una prova, quindi, devi stabilire una buona intesa con tutti, saper rispondere a tutte le domande, portare dalla tua il primo violino».  Quanto alla scelta del repertorio, Jader Bignamini ha le idee molto chiare: dirigere è una questione di tempi, bisogna sapere quando è il momento giusto per ogni cosa. «Quello che preferirei fare e quello che posso fare non sono sempre la stessa cosa. - spiega – Ho una propensione per il Verdi maturo. Mi piacerebbe dirigere anche opere di Mozart, ma in questo momento so che le rovinerei, ho bisogno di maturare e di fare un certo tipo di percorso. Per lo stesso motivo faccio ancora fatica ad affrontare il primo Verdi: prima devo fare esperienza con il belcanto». Come il critico Paolo Isotta riconosce in una recensione del 2011, Bignamini conosce bene la tradizione esecutiva, una cultura che ha maturato grazie alla passione e all’ascolto. Alla domanda di Martini se in Trovatore sopprimerebbe il do di petto, risponde quindi con molto equilibrio: «No, le puntature esistevano già ai tempi di Verdi, se andavano bene a lui non vedo perché eliminarle a priori. Tra l’edizione critica e un’edizione piena di vizi bisogna trovare la giusta via: sta quindi al gusto, che è collegato alla tradizione che abbiamo dentro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

LUCCA

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

MODA

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

CALESTANO

Shock anafilattico: paura per un operaio punto da un calabrone a Marzolara Foto

Il 118 ha inviato un'ambulanza e l'elicottero del Maggioe

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

1commento

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

4commenti

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

FUMETTI

La fine di Rat-Man: addio alla serie non all'eroe Foto

Ortolani: "La sfida per me sarebbe inventare un altro personaggio"

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

5commenti

donne in difficoltà

A Corcagnano la prima casa di accoglienza gestita da una comunità migrante

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

APPENNINO REGGIANO

Scalatore precipita dalla Pietra di Bismantova: 24enne a Parma in gravi condizioni

TERREMOTO

Ancora una forte scossa a Città del Messico: i palazzi oscillano

SPORT

VENEZIA-PARMA

"Una vittoria meritata sul piano del carattere": il video-commento di Grossi

3commenti

VENEZIA-PARMA

Di Cesare, l'uomo-gol: "Il Venezia, squadra ostica. Abbiamo sfruttato l'occasione" Video

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

PARMA

"Musica nera" degli States e lirica: una serata con Brunetto e i fratelli Campanini Video

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery