-2°

Spettacoli

Kaufmann, come un cigno nel lago

Kaufmann, come un cigno nel lago
0

Come un cigno in un lago. L’analogia con Jonas Kaufmann non è solamente riferita alla splendida interpretazione con cui il tenore tedesco aveva interpretato la mitica figura del cavaliere custode del Santo Graal, Lohengrin, nell’opera inaugurale della stagione scaligera 2012/13, ma proprio come similitudine della perfetta simbiosi del bianco ed elegante palmipede col suo elemento naturale, l’acqua.
 Così, come un cigno nell’acqua lacustre è apparso Kaufmann, nel concerto tenuto l'altra sera alla Scala, sguazzante nei 31 lieder del programma, dove più che perfettamente a suo agio, ha suscitato l’entusiasmo anche del pubblico più aduso a cantate «nostrane».
Il timbro notoriamente brunito e pungente sembrava svanito a favore di un'emissione più vellutata e disinvolta. Kaufmann è un cantante per il quale «tertium non datur», o piace o non piace, ma tutto si può dire meno che il repertorio tedesco non gli calzi alla perfezione. Il programma prevedeva, dopo i quattro lieder di Liszt che hanno aperto il concerto, il ciclo di Schumann Dichterliebe, op. 48. Questa quarta raccolta di 16 liriche su testo di Heine, narra di una delusione amorosa, spesso pervasa da un’ironia amara e sconsolata. Le figure, essenziali, fuse tra il canto declamato e l’insostituibile lamento del pianoforte, sono state rese in modo esemplare da Kaufmann sia con infinita tristezza nel «Hör' ich das Liedchen klingen» (Odo echeggiare il canto), sia con la vivacità del «Ich grolle nicht» (Non serbo rancore), ma su tutti è emerso il canto straziato di «Ich hab' im Traum geweinet» (Io ho pianto in sogno).
Nella seconda parte non poteva mancare l’omaggio a Wagner nel bicentenario della nascita, realizzato con una coinvolgente esecuzione dei Wesendonk Lieder, dedicati dal genio di Lipsia alla sua musa ispiratrice Mathilde Wesendonk nel 1858, a tutt'oggi unico lavoro non operistico, insieme all’«Idillio di Sigfrido» ad essere regolarmente eseguito in pubblico. Lo struggimento romantico dell’«Im Treibahus» (Nella serra), studio per il Tristano, si equilibrava con «Schmerzen» (Dolori), in cui il tenore bavarese ben si è calato nelle lacerazioni del compositore.
Hanno chiuso il programma ufficiale sei brani di Richard Strauss che alternavano la sottile ironia di «Schlechtes Wetter» (Brutto tempo) alla esplosiva vitalità di «Schön sind, doch kalt die Himmelssterne» (Son belli ma freddi gli astri del cielo).
Applausometro in crescendo rossiniano con l’aumentare dei bis, dapprima sulla falsariga del programma con altri due lieder e poi l’abbandono all’«Ingemisco» e all’aria di Don Alvaro «Oh tu che in seno agli angeli». Oltre alla genuflessione verso un pubblico osannante e in ringraziamento alla generale standing ovation, Kaufmann ha salutato tutto il pubblico con «Dein ist mein ganzes Herz» una classica evergreen di chiusura meglio conosciuta come «Tu che m'hai preso il cuor» dal «Paese del sorriso» di Lehár che ha fatto ulteriormente protrarre gli scroscianti applausi. Un plauso particolare a Helmut Deutsch, pianista che da tempo collabora con Kaufmann, che ha accompagnato e interpretato in modo esemplare il variegato programma.  P. Z.         

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

12commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti