Spettacoli

Donato Renzetti "Fuoco di gioia, evento storico"

Donato Renzetti "Fuoco di gioia, evento storico"
1

 Mara Pedrabissi

Non basta la passione, servono esperienza, “virtute e canoscenza”.  E' un banco di prova di tutto rispetto «Fuoco di gioia. 200 anni di passione verdiana», il concerto  “grandi  firme” che andrà in scena martedì alle 20 al Teatro Regio, organizzato con visionaria lucidità dal Club dei 27 e dal Cral Amici della Lirica Cariparma e accolto tra gli eventi del Festival Verdi del Bicentenario (Info: 0521.203999). Sarà Donato Renzetti, bacchetta di provata esperienza verdiana, a guidare la Filarmonica Toscanini, la Corale Verdi, istruita da Fabrizio Cassi, e una dozzina di cantanti di grande valore.  Condurrà la serata Paolo Zoppi. Entriamo nel merito con Renzetti, al momento a Torino tra una Traviata e un Rigoletto.
Maestro, «Fuoco di gioia» è un'operazione ricca, 22 brani, tanti interpreti, quattro ospiti d'onore del calibro di Cossotto, Scotto, Bruson, Pizzi.
«E' uno spettacolo difficilissimo, 22 brani sono forse un po' troppi ma è giusto che sia così. E' un evento storico, credo non si sia mai raggiunta una tal durata, quattro ore. In mezzo ci sono anche momenti dedicati alla premiazione  degli ospiti d'onore. La difficoltà è per i cantanti ma è soprattutto per chi dirige, passare “a freddo” da un'opera all'altra. E' un'operazione importante ma complessa»
Lei come trova la concentrazione?
«Ho la fortuna di aver diretto ben 19 opere di Verdi, quindi di conoscere cosa c'è prima e cosa c'è dopo ogni brano che viene proposto, lo contestualizzo. L'orchestra sul palcoscenico e non in buca, la luce piena tolgono un po' al senso di interiorità che c'è con l'opera. La nostra concentrazione  dovrà essere massima, ovviamente anche perché  qui i tempi per le prove sono molto ridotti, un paio di giorni. Tutti noi abbiamo cercato di incrociare le nostre disponibilità per riuscire a partecipare a questo evento che ha anche un'importante finalità benefica. Aggiungo che mi fa particolarmente piacere ritrovare qui la Filarmonica Arturo Toscanini, con la quale mi trovo sempre bene»
 Già, la serata sarà a favore della Casa di riposo per musicisti «G. Verdi» di Milano, quella che il Nostro definiva la sua «opera più bella»
«Devo dire che avrei accettatato comunque di dirigere questa serata, ma a maggior ragione in questo caso visto che ho debuttato nel primo concerto - era il 1971 - proprio alla Casa Verdi. Avevo un'orchestra di dilettanti, la “Claudio Monteverdi”, andavamo là alla domenica. Ricordo questi artisti anziani, signore e signori, che ci tenevano ad assistere allo spettacolo eleganti  come per una 'prima' al Metropolitan»
E' un ideale ritorno alle origini. Come pure è un ritorno a Parma, dove è di casa: quante volte ci è stato?
«Tantissime. Ricordo che negli anni Ottanta debuttai anche un'opera poco frequentata di Bizet, «La jolie fille de Perth», al Teatro Ducale. A Parma sono molto legato francamente»
A proposito degli amici, tanti, che ha a Parma: impossibile non ricordare Paolo Ampollini, presidente onorario di Parma Lirica scomparso nei giorni scorsi
«Sì l'ho saputo in ritardo, purtroppo. Sono davvero dispiaciuto, Paolo era un caro amico e una cara persona. Una parte del concerto la dedicherò a lui»
Prendiamo Parma Lirica, Club dei 27, Corale Verdi solo per fermarci alle associazioni più macroscopiche. In altre parti del mondo ha riscontrato delle realtà non professionali analogamente strutturate, con simili capacità organizzative? E, se sì, dove?
«No. Associazioni liriche ci sono ma non a livello di Parma. Una città delle stesse dimensioni che abbia realtà paragonabili non esiste. Forse qualcosa di analogo c'è in Germania ma in misura ridotta. Tant'è che spesso, all'estero, mi chiedono del Club dei 27 e si stupiscono che i membri nella vita si chiamino con i nomi delle opere. E' questo un universo che spero si rinnovi con le giovani generazioni, ma vedo che è già così. Aida, ad esempio, è giovane. Il mondo è cambiato e anche i 27 soffriranno un po', ma questo attaccamento all'opera saprà resistere». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • silvana

    28 Ottobre @ 11.38

    Vanno bene questi eventi, ma spiegatemi un po' perché la dirigenza del teatro non era presente allo straordinario concerto tenuto dal maestro Faggiani domenica al Ridotto?? Nessuno del teatro, nessuno dei 27, nessunoooooo... Fontana, Arcà ecc. ecc., è mai possibile che non siate presenti a manifestazioni organizzati e promossi da voi? Siete pagati anche per questo! Ah già, dimenticavo, la domenica va santificata...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti