-3°

Spettacoli

Donato Renzetti "Fuoco di gioia, evento storico"

Donato Renzetti "Fuoco di gioia, evento storico"
Ricevi gratis le news
1

 Mara Pedrabissi

Non basta la passione, servono esperienza, “virtute e canoscenza”.  E' un banco di prova di tutto rispetto «Fuoco di gioia. 200 anni di passione verdiana», il concerto  “grandi  firme” che andrà in scena martedì alle 20 al Teatro Regio, organizzato con visionaria lucidità dal Club dei 27 e dal Cral Amici della Lirica Cariparma e accolto tra gli eventi del Festival Verdi del Bicentenario (Info: 0521.203999). Sarà Donato Renzetti, bacchetta di provata esperienza verdiana, a guidare la Filarmonica Toscanini, la Corale Verdi, istruita da Fabrizio Cassi, e una dozzina di cantanti di grande valore.  Condurrà la serata Paolo Zoppi. Entriamo nel merito con Renzetti, al momento a Torino tra una Traviata e un Rigoletto.
Maestro, «Fuoco di gioia» è un'operazione ricca, 22 brani, tanti interpreti, quattro ospiti d'onore del calibro di Cossotto, Scotto, Bruson, Pizzi.
«E' uno spettacolo difficilissimo, 22 brani sono forse un po' troppi ma è giusto che sia così. E' un evento storico, credo non si sia mai raggiunta una tal durata, quattro ore. In mezzo ci sono anche momenti dedicati alla premiazione  degli ospiti d'onore. La difficoltà è per i cantanti ma è soprattutto per chi dirige, passare “a freddo” da un'opera all'altra. E' un'operazione importante ma complessa»
Lei come trova la concentrazione?
«Ho la fortuna di aver diretto ben 19 opere di Verdi, quindi di conoscere cosa c'è prima e cosa c'è dopo ogni brano che viene proposto, lo contestualizzo. L'orchestra sul palcoscenico e non in buca, la luce piena tolgono un po' al senso di interiorità che c'è con l'opera. La nostra concentrazione  dovrà essere massima, ovviamente anche perché  qui i tempi per le prove sono molto ridotti, un paio di giorni. Tutti noi abbiamo cercato di incrociare le nostre disponibilità per riuscire a partecipare a questo evento che ha anche un'importante finalità benefica. Aggiungo che mi fa particolarmente piacere ritrovare qui la Filarmonica Arturo Toscanini, con la quale mi trovo sempre bene»
 Già, la serata sarà a favore della Casa di riposo per musicisti «G. Verdi» di Milano, quella che il Nostro definiva la sua «opera più bella»
«Devo dire che avrei accettatato comunque di dirigere questa serata, ma a maggior ragione in questo caso visto che ho debuttato nel primo concerto - era il 1971 - proprio alla Casa Verdi. Avevo un'orchestra di dilettanti, la “Claudio Monteverdi”, andavamo là alla domenica. Ricordo questi artisti anziani, signore e signori, che ci tenevano ad assistere allo spettacolo eleganti  come per una 'prima' al Metropolitan»
E' un ideale ritorno alle origini. Come pure è un ritorno a Parma, dove è di casa: quante volte ci è stato?
«Tantissime. Ricordo che negli anni Ottanta debuttai anche un'opera poco frequentata di Bizet, «La jolie fille de Perth», al Teatro Ducale. A Parma sono molto legato francamente»
A proposito degli amici, tanti, che ha a Parma: impossibile non ricordare Paolo Ampollini, presidente onorario di Parma Lirica scomparso nei giorni scorsi
«Sì l'ho saputo in ritardo, purtroppo. Sono davvero dispiaciuto, Paolo era un caro amico e una cara persona. Una parte del concerto la dedicherò a lui»
Prendiamo Parma Lirica, Club dei 27, Corale Verdi solo per fermarci alle associazioni più macroscopiche. In altre parti del mondo ha riscontrato delle realtà non professionali analogamente strutturate, con simili capacità organizzative? E, se sì, dove?
«No. Associazioni liriche ci sono ma non a livello di Parma. Una città delle stesse dimensioni che abbia realtà paragonabili non esiste. Forse qualcosa di analogo c'è in Germania ma in misura ridotta. Tant'è che spesso, all'estero, mi chiedono del Club dei 27 e si stupiscono che i membri nella vita si chiamino con i nomi delle opere. E' questo un universo che spero si rinnovi con le giovani generazioni, ma vedo che è già così. Aida, ad esempio, è giovane. Il mondo è cambiato e anche i 27 soffriranno un po', ma questo attaccamento all'opera saprà resistere». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • silvana

    28 Ottobre @ 11.38

    Vanno bene questi eventi, ma spiegatemi un po' perché la dirigenza del teatro non era presente allo straordinario concerto tenuto dal maestro Faggiani domenica al Ridotto?? Nessuno del teatro, nessuno dei 27, nessunoooooo... Fontana, Arcà ecc. ecc., è mai possibile che non siate presenti a manifestazioni organizzati e promossi da voi? Siete pagati anche per questo! Ah già, dimenticavo, la domenica va santificata...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento