20°

Spettacoli

"Messa da Requiem" Al Regio è un trionfo

"Messa da Requiem" Al Regio è un trionfo
1

Lucia Brighenti

«I giovani e la musica sono i due elementi fondamentali che ci potranno unire per un futuro migliore». Risuonavano ancora forti le parole di Aung San Suu Kyi, leader del movimento non violento birmano, premio Nobel per la pace, quando ieri sera è salita sul palcoscenico del Teatro Regio, subito prima dell’inizio della Messa da Requiem che ha chiuso il Festival Verdi.
Solo una fugace apparizione, la sua: non c’era bisogno di parole perché, per chi conosca la sua storia, basta uno sguardo a quella figura femminile, dignitosa e determinata, per provare ammirazione e commozione. «Dopo una giornata passata con lei, abbiamo voluto condividere con voi la luce che emana» ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, presentandola al pubblico. Cittadina onoraria di Parma dal 2007, San Suu Kyi aveva già detto tutto ieri mattina quando in Municipio aveva incontrato il sindaco per poi parlare, poco più tardi, agli studenti in un Auditorium Paganini gremito. «Verdi è un compositore che amo molto: rappresenta la musica e la musica è universale, è qualcosa che ci unisce tutti. - aveva detto - L’uomo prova diverse emozioni, che a volte ci mettono in contrasto, ma la musica è un’emozione che ci unisce. Sono commossa e toccata dal fatto che mi abbiano accolto tanti bambini diversi per etnia e credo religioso. Questo fa parte del grande progetto che si chiama integrazione promosso da Parma per unire mondi distanti. Penso di essere parte di voi in questo progetto volto a mettere assieme mondi che si distinguono per diverse ragioni, anche per opinioni politiche distanti».
Che la musica unisca, si è visto anche ieri sera, quando sul palcoscenico del Regio sono saliti un’orchestra francese, solisti, direttore e coro italiani, mentre tante altre nazionalità erano presenti tra il pubblico: tutti vicini nel nome di Verdi, per eseguire o ascoltare una delle sue opere più sconvolgenti. Inizia nel silenzio, la Messa da Requiem, un silenzio che il direttore Daniele Gatti ha messo in rilievo facendolo sfociare in maniera quasi impercettibile nella quiete del «Requiem aeternam», per poi irrompere con la foga del «Dies irae», dirigendo con gesto ferino l’Orchestre National de France, compagine colossale formata da centodieci orchestrali.
 Momenti di ripiegamento e di dramma intenso, si alternano nella riflessione sulla morte di un compositore che non aveva certezze religiose e che dedicò questa composizione ad Alessandro Manzoni. Nei «Promessi sposi», che Verdi giudicava «non solo il più grande libro dell’epoca nostra, ma uno dei più grandi libri che sieno usciti da cervello umano», il compositore trovò «una consolazione per l’umanità», forse proprio in quella certezza nella Provvidenza divina che era corpo dell’opera di Manzoni ma che non apparteneva a lui. Gatti è stato coadiuvato, nell’esecuzione del capolavoro verdiano, da un cast di solisti formato dal soprano Fiorenza Cedolins, il mezzosoprano Veronica Simeoni (al suo debutto a Parma), il tenore Francesco Meli e, di casa, il basso Michele Pertusi. Con loro il Coro del Teatro Regio di Parma, preparato dal maestro Martino Faggiani.
Iniziata nel silenzio, nel silenzio si è conclusa la Messa da Requiem: un lungo silenzio per dare tempo all’ultima eco di spegnersi prima che il pubblico applaudisse per molti minuti e con calore gli interpreti. È terminato così il Festival Verdi 2013, quello del bicentenario, un festival condizionato indubbiamente dalla crisi ma che, a giudicare dagli applausi, il pubblico ha saputo apprezzare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • terry

    01 Novembre @ 23.32

    Perché tanti orchestrali e così pochi coristi?? Arcà, non sai fare le proporzioni? Sembra di no...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

E' morto Thomas Milian

Tomas Milian aveva 84 anni

Lutto

Addio a "Er monnezza": è morto Tomas Milian Gallery Video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

La grana del grana

Formaggio

La grana del grana

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

4commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

2commenti

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PONTETARO

I ladri svaligiano l'auto in pochi minuti con la chiave clonata

1commento

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

17commenti

TRAVERSETOLO

Sorpreso ad abbandonare rifiuti, rimedia ripulendo la discarica

Colto in flagranza dai vigili. Ha anche realizzato una staccionata a sue spese

langhirano

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Incidente

Paura in Autocisa: tir esce di strada e resta in bilico nel vuoto

E' successo ieri pomeriggio

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Schiaffo a Trump: non ha i voti per abolire l'Obamacare

Milano

Il convivente spegne la tv in camera, lei tenta di ucciderlo

2commenti

WEEKEND

ELEONORA RUBALTELLI

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery