Spettacoli

"Messa da Requiem" Al Regio è un trionfo

"Messa da Requiem" Al Regio è un trionfo
1

Lucia Brighenti

«I giovani e la musica sono i due elementi fondamentali che ci potranno unire per un futuro migliore». Risuonavano ancora forti le parole di Aung San Suu Kyi, leader del movimento non violento birmano, premio Nobel per la pace, quando ieri sera è salita sul palcoscenico del Teatro Regio, subito prima dell’inizio della Messa da Requiem che ha chiuso il Festival Verdi.
Solo una fugace apparizione, la sua: non c’era bisogno di parole perché, per chi conosca la sua storia, basta uno sguardo a quella figura femminile, dignitosa e determinata, per provare ammirazione e commozione. «Dopo una giornata passata con lei, abbiamo voluto condividere con voi la luce che emana» ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, presentandola al pubblico. Cittadina onoraria di Parma dal 2007, San Suu Kyi aveva già detto tutto ieri mattina quando in Municipio aveva incontrato il sindaco per poi parlare, poco più tardi, agli studenti in un Auditorium Paganini gremito. «Verdi è un compositore che amo molto: rappresenta la musica e la musica è universale, è qualcosa che ci unisce tutti. - aveva detto - L’uomo prova diverse emozioni, che a volte ci mettono in contrasto, ma la musica è un’emozione che ci unisce. Sono commossa e toccata dal fatto che mi abbiano accolto tanti bambini diversi per etnia e credo religioso. Questo fa parte del grande progetto che si chiama integrazione promosso da Parma per unire mondi distanti. Penso di essere parte di voi in questo progetto volto a mettere assieme mondi che si distinguono per diverse ragioni, anche per opinioni politiche distanti».
Che la musica unisca, si è visto anche ieri sera, quando sul palcoscenico del Regio sono saliti un’orchestra francese, solisti, direttore e coro italiani, mentre tante altre nazionalità erano presenti tra il pubblico: tutti vicini nel nome di Verdi, per eseguire o ascoltare una delle sue opere più sconvolgenti. Inizia nel silenzio, la Messa da Requiem, un silenzio che il direttore Daniele Gatti ha messo in rilievo facendolo sfociare in maniera quasi impercettibile nella quiete del «Requiem aeternam», per poi irrompere con la foga del «Dies irae», dirigendo con gesto ferino l’Orchestre National de France, compagine colossale formata da centodieci orchestrali.
 Momenti di ripiegamento e di dramma intenso, si alternano nella riflessione sulla morte di un compositore che non aveva certezze religiose e che dedicò questa composizione ad Alessandro Manzoni. Nei «Promessi sposi», che Verdi giudicava «non solo il più grande libro dell’epoca nostra, ma uno dei più grandi libri che sieno usciti da cervello umano», il compositore trovò «una consolazione per l’umanità», forse proprio in quella certezza nella Provvidenza divina che era corpo dell’opera di Manzoni ma che non apparteneva a lui. Gatti è stato coadiuvato, nell’esecuzione del capolavoro verdiano, da un cast di solisti formato dal soprano Fiorenza Cedolins, il mezzosoprano Veronica Simeoni (al suo debutto a Parma), il tenore Francesco Meli e, di casa, il basso Michele Pertusi. Con loro il Coro del Teatro Regio di Parma, preparato dal maestro Martino Faggiani.
Iniziata nel silenzio, nel silenzio si è conclusa la Messa da Requiem: un lungo silenzio per dare tempo all’ultima eco di spegnersi prima che il pubblico applaudisse per molti minuti e con calore gli interpreti. È terminato così il Festival Verdi 2013, quello del bicentenario, un festival condizionato indubbiamente dalla crisi ma che, a giudicare dagli applausi, il pubblico ha saputo apprezzare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • terry

    01 Novembre @ 23.32

    Perché tanti orchestrali e così pochi coristi?? Arcà, non sai fare le proporzioni? Sembra di no...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti