17°

Spettacoli

La melodia infinita di Wagner e la plasticità del Cigno

La melodia infinita di Wagner e la plasticità del Cigno
0

Gian Paolo Minardi

«Piegar la nota a voler nostro» era l’espressione usata da Verdi nel raccomandare ai giovani musicisti lo studio del contrappunto, condizione indispensabile per appropriarsi di quel mestiere che avrebbe consentito alla materia musicale di essere ‘piegata’ sotto la spinta del pensiero e dell’immaginazione; sensazione questa racchiusa nell’efficace gesto del ‘piegar’ che mi è parsa rinnovarsi l’altra sera durante l’esecuzione delle pagine verdiane da parte di Daniele Gatti, una sensazione plastica verrebbe da dire, per il modo con cui le idee musicali andavano concretandosi nello spazio, al tempo stesso vivendo entro un passo narrativo mai scomposto, intimamente coerente.

Pagine verdiane
Subito esemplare   in tal senso la scansione della Sinfonia di «Nabucco», per come Gatti ha saputo farvi circolare l’aria, anche nei momenti di più serrata concitazione. Linea di ampio respiro che ha animato la trasparente struttura della Sinfonia della «Luisa Miller» e ancor più ha impresso una tensione evocativa al grande pannello della Sinfonia dei «Vespri siciliani». Aria francese, pensando appunto alla destinazione obbligante di quegli interventi coreografici, si poteva cogliere nei ballabili composti per il «Macbeth» e per «Otello», occasionalità riscattata ampiamente nei primi dalla irrequietezza fantasmagorica che li percorre, rispetto a quella più dichiarata, se pur sempre con mano esperta, dei secondi: pagine in cui la compagine francese pareva sentirsi a casa propria nell’assecondare certe movenze, con quella scioltezza che definisce la fisionomia particolare di questa orchestra, riconoscibile più che dalla nettezza di profilo offerta dai maggiori organismi sinfonici dalla peculiarità di certo colore, più stemperato, specie nel settore degli ottoni e dei legni.

Il capitolo wagneriano
Caratteri che partecipavano con flessibilità all’intenso capitolo wagneriano incorniciato nella seconda parte del programma, concepito da Gatti, che autorevolmente ha evitato il disagevole stacco degli applausi, come un’unica grande arcata entro la quale i quattro momenti, pur nella diversità dell’evoluzione cronologica e dell’istanza drammaturgica, sembravano collegarsi l’uno all’altro senza soluzione di continuità, come a rendere più tangibile quell’idea di «melodia infinita» che sostanzia la rivoluzione wagneriana. Anche qui prendeva corpo in maniera ancor più avvolgente quel modo di porsi del nostro direttore rispetto all’organizzazione strutturale, non come oggetto da delibare analiticamente ma quale presenza sotterranea, pur obbligante, da cui ricreare la tensione emozionale racchiusa nella pagina: la luce di trepido presagio che filtra dai violini divisi nel Preludio del «Lohengrin», lo spasmo tormentoso che trova pacificazione nella voluttà della morte in «Tristano», la desolazione con cui si apre il terzo atto di «Parsifal» dissolta nella trasparente dolcezza dell’ «incantesimo del Venerdì Santo», infine il riscatto festoso con l’ouverture dei «Maestri Cantori di Norimberga» che Gatti ha attaccato con spicco deciso - libero da ogni tentazione bombastica – con cui attivare l’esaltante avventura contrappuntistica che intesse questa celebre pagina. Alla fine un tripudio, con richieste di bis alle quali non era facile rispondere: Verdi o Wagner ? Gatti ha risolto il dilemma con originalità, con quell’«Intermezzo» da «Manon Lescaut» che coi suoi tormentati cromatismi non cela le suggestioni ricevute dal giovane Puccini durante i suoi viaggi a Bayreuth; quella «Manon», del resto, che era andata felicemente in scena a Torino il primo febbraio 1893, otto giorni prima del «Falstaff» alla Scala ! Come dire, un cerchio che si chiude... o si riapre. 


Guarda il servizio del Tg Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia