19°

32°

Spettacoli

La melodia infinita di Wagner e la plasticità del Cigno

La melodia infinita di Wagner e la plasticità del Cigno
0

Gian Paolo Minardi

«Piegar la nota a voler nostro» era l’espressione usata da Verdi nel raccomandare ai giovani musicisti lo studio del contrappunto, condizione indispensabile per appropriarsi di quel mestiere che avrebbe consentito alla materia musicale di essere ‘piegata’ sotto la spinta del pensiero e dell’immaginazione; sensazione questa racchiusa nell’efficace gesto del ‘piegar’ che mi è parsa rinnovarsi l’altra sera durante l’esecuzione delle pagine verdiane da parte di Daniele Gatti, una sensazione plastica verrebbe da dire, per il modo con cui le idee musicali andavano concretandosi nello spazio, al tempo stesso vivendo entro un passo narrativo mai scomposto, intimamente coerente.

Pagine verdiane
Subito esemplare   in tal senso la scansione della Sinfonia di «Nabucco», per come Gatti ha saputo farvi circolare l’aria, anche nei momenti di più serrata concitazione. Linea di ampio respiro che ha animato la trasparente struttura della Sinfonia della «Luisa Miller» e ancor più ha impresso una tensione evocativa al grande pannello della Sinfonia dei «Vespri siciliani». Aria francese, pensando appunto alla destinazione obbligante di quegli interventi coreografici, si poteva cogliere nei ballabili composti per il «Macbeth» e per «Otello», occasionalità riscattata ampiamente nei primi dalla irrequietezza fantasmagorica che li percorre, rispetto a quella più dichiarata, se pur sempre con mano esperta, dei secondi: pagine in cui la compagine francese pareva sentirsi a casa propria nell’assecondare certe movenze, con quella scioltezza che definisce la fisionomia particolare di questa orchestra, riconoscibile più che dalla nettezza di profilo offerta dai maggiori organismi sinfonici dalla peculiarità di certo colore, più stemperato, specie nel settore degli ottoni e dei legni.

Il capitolo wagneriano
Caratteri che partecipavano con flessibilità all’intenso capitolo wagneriano incorniciato nella seconda parte del programma, concepito da Gatti, che autorevolmente ha evitato il disagevole stacco degli applausi, come un’unica grande arcata entro la quale i quattro momenti, pur nella diversità dell’evoluzione cronologica e dell’istanza drammaturgica, sembravano collegarsi l’uno all’altro senza soluzione di continuità, come a rendere più tangibile quell’idea di «melodia infinita» che sostanzia la rivoluzione wagneriana. Anche qui prendeva corpo in maniera ancor più avvolgente quel modo di porsi del nostro direttore rispetto all’organizzazione strutturale, non come oggetto da delibare analiticamente ma quale presenza sotterranea, pur obbligante, da cui ricreare la tensione emozionale racchiusa nella pagina: la luce di trepido presagio che filtra dai violini divisi nel Preludio del «Lohengrin», lo spasmo tormentoso che trova pacificazione nella voluttà della morte in «Tristano», la desolazione con cui si apre il terzo atto di «Parsifal» dissolta nella trasparente dolcezza dell’ «incantesimo del Venerdì Santo», infine il riscatto festoso con l’ouverture dei «Maestri Cantori di Norimberga» che Gatti ha attaccato con spicco deciso - libero da ogni tentazione bombastica – con cui attivare l’esaltante avventura contrappuntistica che intesse questa celebre pagina. Alla fine un tripudio, con richieste di bis alle quali non era facile rispondere: Verdi o Wagner ? Gatti ha risolto il dilemma con originalità, con quell’«Intermezzo» da «Manon Lescaut» che coi suoi tormentati cromatismi non cela le suggestioni ricevute dal giovane Puccini durante i suoi viaggi a Bayreuth; quella «Manon», del resto, che era andata felicemente in scena a Torino il primo febbraio 1893, otto giorni prima del «Falstaff» alla Scala ! Come dire, un cerchio che si chiude... o si riapre. 


Guarda il servizio del Tg Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Casaltone, un paese diviso in due

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

Poggio di Sant'Ilario

Da fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande