Spettacoli

Farau: "La vita a pieni polmoni"

Farau: "La vita a pieni polmoni"
Ricevi gratis le news
0

 «Qui si tratta di creare una persona. Quello che stiamo facendo.  Si tratta di questo incredibile miracolo, non miracolo ma hai capito quel che intendo... io voglio che... ho bisogno di sentire... non lo so che è qualcosa di sacro o non sacro ma. Sì (...). E tu negli occhi hai quello sguardo un po' porno...». Il ritmo spezzato del lessico familiare, l'iperrealismo della parola contemporanea al pensiero, impastata dei dubbi della generazione 2.0. E' questo il codice drammaturgico di «Lungs» che debutta domani sera a Teatro Due per la regia di Massimiliano Farau, già di casa negli spazi di viale Basetti.  Il testo, sortito dalla penna di Duncan Macmillan, drammaturgo e regista inglese della nuova generazione di scrittori, sarà interpretato da due giovani attori, Sara Putignano e Davide Gagliardini. Avere o no un bambino? E' la domanda  da cui parte «Lungs» per tratteggiare  il ritratto di una giovane coppia contemporanea qualsiasi, ma con problemi universali.

Massimiliano Farau, partiamo dal titolo: perché «Lungs»? 
«Tradotto significa “polmoni”. E' un titolo che fa riferimento al respiro, alla sorgente prima della vita, e anche alla capacità polmonare dei due personaggi che in scena portano avanti un dialogo forsennato, con battute lunghe anche una pagina intera. La drammaturgia di “Lungs” riproduce esattamente l’immediatezza del parlato con i tipici inceppamenti, le incertezze, le ripetizioni e quella sorta di self-editing che si fa in automatico mentre si chiacchiera: si torna indietro e ci si corregge. L’effetto finale è estremamente naturale, iperrealistico, direi, si ha costantemente la sensazione che gli attori stiano improvvisando, mentre in realtà il testo è molto preciso, un dialogo vivacissimo in cui le voci spesso si sovrappongono»
Perché ha scelto questo testo?
«Come spiega lo stesso Macmillan, “Lungs” risponde all’idea di dramma come “live decision-making”, come “processo decisionale dal vivo”. Ci dice Macmillan: “Sì, certo, noi siamo interessati alla scena, ai personaggi e alla storia, ma in realtà quello che vogliamo vedere momento per momento sono personaggi che prendono decisioni difficili nel corso del tempo”. Io trovo che questa idea di teatro generi un’esperienza viva nello spettatore che, attraverso un rapporto empatico con il processo decisionale dei personaggi,  viene sollecitato a mettere continuamente in discussione, ‘a caldo’,  le proprie convinzioni e i propri punti di vista.  Accanto alla scrittura e alla  drammaturgia, l’altro grande punto di forza del testo sta nel tema, cioè la capacità di raccontare il rapporto con il nostro tempo, la grande preoccupazione per il destino del pianeta. Ma soprattutto l’interrogativo che pone all’individuo è sulla “capacità di amare” e investire su un’altra persona». 
All'iperrealismo del testo fa da contrappunto una scena  quasi astratta.
«Quando ho letto “Lungs” per la prima volta, mi ha colpito questa didascalia: “La commedia deve essere recitata senza scene, effetti di luce, senza azioni mimate, senza cambi costume, senza suoni che indichino passaggi temporali o spaziali”. Questa indicazione mi ha subito affascinato insieme alla forma del testo, cioè una struttura che consente salti continui nello spazio e nel tempo. Qui ciò che importa è la  conversazione tra i protagonisti, il dialogo di una vita. Per la scena ho voluto un spazio indaco, un colore che ha la capacità di astrarre, di far pensare al cielo, a un contenitore in cui i personaggi si possano stagliare in confronto a temi assoluti; o, se vogliamo, può far pensare al blue screen, sempre più usato al cinema e in tv, solo che qui le immagini che devono far da sfondo agli attori non le fornisce la post-produzione digitale, ma l’immaginazione degli spettatori».
Macmillan ha scritto «Lungs» solo nel 2011.  Eppure il testo è già stato rappresentato con grande successo sia in Inghilterra che negli Stati Uniti. All’estero non è raro che drammaturgie contemporanee diventino dei “best seller” teatrali, mentre in Italia non succede lo stesso. Lei ha una spiegazione?
«In Italia il teatro è di regia e i pezzi forti sono sempre i classici. In altre parti del mondo invece si porta avanti una precisa politica di formazione autoriale. Un esempio su tutti è il Royal Court a Londra, che ha autori fissi che vengono formati nel tempo e che quindi hanno diverse opportunità di essere rappresentati. In Inghilterra il teatro è percepito come il luogo in cui raccontare la realtà, in cui dibattere e interrogarsi e “Lungs” ne è un esempio brillante». M.P.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

3commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

15commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

2commenti

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

fab lab

La stampa 3D "parmigiana" restituisce le dita a Cornelio Nepote Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

Spettacolo

Gibson, la storia del rock è sommersa dai debiti Video

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day