-2°

Spettacoli

Il rock dei Negrita "vestito a nuovo" nel salotto buono

Il rock dei Negrita "vestito a nuovo" nel salotto buono
0

 Francesco Monaco

 Nel loro continuo rotolare (non solo verso Sud, ma in tutte le direzioni), i Negrita hanno portato spesso il loro rock tra Parma e provincia, passando attraverso tutte le location d'ordinanza: dal concerto in piazza per il 25 Aprile (era il 2005 e c'erano anche i Negramaro) al PalaRaschi, dal Festival del Prosciutto di Langhirano al Rock Industries di Fornovo, senza dimenticare la loro preziosa presenza a Felegara in occasione di un'iniziativa a favore di Amref, di cui la band aretina è testimonial.
Ora tocca al salotto buono, venerdì sera al Regio, e i Negrita si rifanno il guardaroba: in senso metaforico (canzoni riarrangiate per il set semi-acustico, come nel doppio «Dèja-Vu») ma anche squisitamente pratico, visto che di recente, dal furgone che avevano noleggiato all'aeroporto di Fiumicino per coprire alcune tappe a sud di Roma, i soliti ignoti hanno trafugato le loro valigie portandosi via - tra le altre cose - anche gli abiti di scena.
«Ce li siamo già ricomprati - assicura Pau, schietto e diretto nelle interviste come sul palco, nel liquidare il contrattempo ridendoci sopra - anzi, saremo ancora più eleganti visto che, dovendolo fare, ci siamo dati allo shopping più selvaggio. Peggio delle nostre mogli».
Siete una band tanto generosa quanto professionale, e dal vivo onorate sempre la maglia. Ma tra un palco di provincia e il boccascena di un teatro come il Regio una certa differenza ci sarà.
«E' ovvio - ammette Pau - che quando vai a calpestare uno spazio fatto di cultura e di storia qual è un teatro all'italiana, tra l'altro quello di Parma è tra i più importanti d'Italia, devi portargli un certo rispetto. Ma detto questo, suonare nei teatri ci permette di offrire un concerto più confidenziale nei confronti del pubblico, con scenografia rarefatta, tappeti, lampade».
Suonare unplugged cosa significa per voi? La tournée nei teatri è da tempo una tappa obbligata per tutte le rockband.
«Sì ma noi l'abbiamo sempre fatto, non è che stiamo seguendo una tendenza o peggio una moda. Le radici della nostra cultura musicale affondano nel rock anglo-americano, dove l'unplugged è una pratica diffusissima da sempre. E anche per noi, che abbiamo un sound piuttosto 'muscoloso', è l'occasione per dare una bella spolverata alla nostra storia. Certi artisti, quando vanno in teatro, si limitano a cambiare strumento. Noi stravolgiamo le nostre canzoni».
Quali sono quelle che, almeno stando alla reazione dei fan,  funzionano meglio in questa veste?
«In questa seconda tranche del tour  direi 'Il libro in una mano, la bomba nell'altra', davvero minimale, e 'Malavida en Buenos Aires', che da pezzo latin-punk diventa quasi swing-manouche. Il pubblico sulle prime resta piuttosto sconcertato, poi apprezza».
Tra l'altro il concerto nei teatri è come San Giovanni che scopre gli inganni...
 «Diciamo che si vede chi ha il manico e chi no. I suoni sono più scarni, se sbagli si sente subito. Ma, una volta appurato che sappiamo suonare (ridacchia, ndr), si tratta appunto di riuscire a gestire al meglio il cambio di sonorità e di avere l'attitudine giusta. In teatro, poi, ci piace 'giocare' con tutto l'ambiente, i pieni e i vuoti, il buio e la luce».
Bob Dylan agli Arcimboldi, ha fatto spegnere tutte le luci durante il concerto.
«Sembra un'aberrazione, ma Bob Dylan non si discute mai. Ce ne vorrebbero 10, 100, 1000».
Sia lui che i Rolling Stones, cui dovete il vostro nome, sono splendidamente sulla breccia a 70 anni strasuonati. Ve lo aspettavate 20 anni fa quando avete iniziato come Negrita?
«Onestamente no. Pensavo che gli Stones non sarebbero andati oltre gli anni Novanta. Ma non a caso sono amici di Dylan, la loro è una generazione di ferro. Se penso a quei 4 o 5 'fenomeni' (lui in realtà dice 'stronzetti', ndr) che girano adesso nelle radio...».
Par di capire che la scena attuale non ti entusiasma.
«Vedi tu: musicalmente noi siamo cresciuti come bambini viziati, in casa nostra giravano i vinili dei Kinks, degli Who, dei Creedence. Poi quando abbiamo iniziato a suonare, negli anni 80, ci siamo innamorati dei Police e dei Clash. E quando siamo diventati una band  professionista, spopolavano gli U2 e il grunge-rock di Seattle. Ora non vedo niente di simile. A parte qualche caso isolato, c'è calma piatta».
In Italia manco a parlarne.
 «E' una questione culturale, non si riesce a uscire da questa logica della melodia nazionalpopolare tipica dei paesi latini, soprattutto Italia e Spagna. Proprio non è nel nostro dna. In Francia è già diverso, forse perchè là si sentono più vicini agli  anglosassoni. Ma è anche una questione di strutture e di approccio culturale. Noi abbiamo una Cancellieri che si preoccupa della Ligresti, in Francia già 10-15 anni fa un ministro pensava a come supportare Manu Chao».
L'Emilia, come un po' la vostra Toscana, è l'unico baluardo?
«E' una terra cui dobbiamo molto, specie l'area tra Parma e Modena. Negli anni Novanta ci ha praticamente adottato. Ricordo partite di calcio interminabili con i Nomadi, i ClanDestino di Ligabue o la band di Vasco. E un gran concerto al Fuori Orario: è vicino a Parma, giusto?»
Sì, ma in provincia di Reggio, subito dopo il confine.
«Ecco, mi sembrava: è la vostra Tijuana». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto