-2°

Spettacoli

L'intervista al cantautore: "Tutto è fonte di ispirazione"

L'intervista al cantautore: "Tutto è fonte di ispirazione"
0

Benchè l'artista romano si sia più volte esibito nella nostra città (negli ultimi anni anche in occasione del 25 aprile in piazza Garibaldi e per l'inaugurazione di «E'grand'Estate» nel Cortile della Pilotta), lo show di «Left & Right» si annuncia come un concerto elettroacustico di grande atmosfera, tra fisarmoniche, mandolini e steel guitar, diverso dagli ultimi show piuttosto rock. Di seguito proponiamo un estratto dell’intervista a De Gregori realizzata da Renato Nicolini, l'ex assessore noto per aver ideato l’Estate Romana, contenuta per intero nel dvd in vendita in formato cofanetto insieme al cd audio Left & Right.

Leggendo e ascoltando i testi delle tue canzoni viene da chiedersi quanto autobiografici siano, quanto della tua vita privata e intima ci sia.

«Io credo che gli artisti, anche quelli che si sforzano di produrre del materiale oggettivo, mettano sempre dentro il proprio lavoro, la propria autobiografia, anche involontariamente. Non esiste l’oggettività per l’artista. Quindi la pretesa di scappare dalle cose che ti sono accadute è un po’ una pretesa inutile dal mio punto di vista. È anche vero che comunque non è giusto nemmeno cercare la puntualizzazione biografica, cronachistica “di chi parla questa canzone, in che anno si svolgono i fatti narrati”, si può trascendere da tutto questo, mescolare la biografia alla sensibilità, e mescolare a volte varie biografie insieme, varie persone insieme, vari anni insieme. Ecco, quindi l’autobiografia non viene quindi ne’ esposta in maniera da “gossip” ne’ elusa. Diciamo che nel mio lavoro comunque non è mai stata elusa nemmeno in canzoni più apparentemente definibili come…”civili”. Anche in una canzone come “W l’Italia” c’è molta della mia autobiografia, se non altro perché parla del paese dove sono nato e in cui vivo».

Una delle maggiori curiosità di ogni fan, ma soprattutto dei tuoi, vista la natura e il genere di canzoni che scrivi, è sapere come scrivi le canzoni, se le scrivi di giorno o di notte, se prima pensi le parole o primi trovi la musica, se ci sono delle regole che segui.

«Mah… io ho cambiato un po’ il modo di scrivere perché quando ero più giovane scrivevo con molta più facilità, e quindi scrivevo di getto. Scrivevo poco ma scrivevo di getto. Magari scrivevo 4 canzoni, 5 canzoni in un anno, però quelle canzoni le scrivevo in un pomeriggio. Adesso no, non è più così, le scrivo in maniera, più meditata se vuoi, o se vuoi più anarchica. Raccolgo delle frasi di testo e le scrivo su un bigliettino, e le metto da una parte, però continuano a stare nella testa. Sono sul bigliettino, però io ce l’ho. Poi arriva il momento in cui tutte queste cose prendono forma, di solito davanti al piano o davanti alla chitarra. Mi rendo conto che può sembrare che non voglio spiegare alla gente come si scrivono le canzoni. Lo farei se potessi, ma non lo so. Ci vuole una certa disciplina, ci vuole, come dire, una certa auto-censura. Nel senso che quando stai scrivendo male una cosa ne devi essere consapevole e smettere. Non devi avere fretta e devi immaginarti sempre che qualcuno ti stia a sentire quando la canterai e devi chiederti se questo qualcuno a un certo punto si alza e se ne va oppure dirà “ fammela risentire”. Ecco, se succede la seconda cosa, allora vuol dire che stai sulla buona strada».

E parlando delle tue ispirazioni, da dove trai i tuoi spunti, cosa ti influenza e ti suggerisce il testo delle tue canzoni?

«O uno gira veramente col bloc notes, ma io non mi ci ritrovo insomma, in questa cosa, oppure prende spunto da una frase, da un suono, da una faccia, insomma gli input non sono necessariamente solo letterari o musicali, sono anche olfattivi, sono anche cromatici. Insomma spesso un’ispirazione viene anche dalla ricerca di un suono, capito? Senti un suono che pensi che possa aiutarti ad essere messo sul disco insomma. Oppure non hai niente di meglio da fare e allora, non ti va di leggere, non ti va di guardare la televisione, non ti va di uscire e allora dici “bè, lavoriamo!” banalmente è anche questo, è anche “lavoriamo!”».

Tu fai concerti da tantissimo tempo, il pubblico non ti ha mai abbandonato, anche se negli ultimi anni è cambiato. Che pubblico vedi quando si apre il sipario? Quanto ti interessa sapere chi ti ascolta, tentare di entrare in contatto con il pubblico anche tenendo conto della sua particolarità?

«Io cerco di non immaginarmi che pubblico ho davanti, perché voler individuare un tipo di pubblico rispetto a un altro, per esempio l’età, sono giovani, non sono giovani?… a volte ti dicono prima che si apra il sipario “è pieno di ragazzini” come se fosse poi questo un complimento alla mia longevità artistica. Io non condivido questo, preferisco che il pubblico sia per me comunque un oggetto misterioso, per lo meno nel momento in cui ce l’ho davanti e si crea questo scambio. Quindi no, non cerco di decifrare il mio pubblico, sono io l’oggetto del decifrare. Mi pongo in questa condizione, la vivo con gioia, a volte con sofferenza naturalmente, ma la vivo in piena responsabilità. Detto questo poi io amo molto il mio pubblico, mi succede a volte anche di incontrarlo fuori dal teatro, quando esco, allora vedo che questi così… mi vorrebbero salutare. A volte ci riescono anche, dipende un po’ dal mio umore, a volte io sono anche un po’, come dire, fuggitivo, per reticenza, riservatezza o timidezza o che.. e poi mi tocca magari la sera in albergo pentirmi dico “Vedi quello lì gli potevo dire di sì, voleva farsi la foto e gli ho detto di no, mi dispiace”. Però trovo che debbano esserci questi due piani, da una parte l’artista che sta sul palco, dall’altra il pubblico che sta in platea»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

I ladri fanno saltare in aria un altro Bancomat, bottino 10mila euro

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

10commenti

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Contro il Teramo (domani al Tardini: ore 14.30): non ci saranno Lucarelli e Calaiò

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

3commenti

ITALIA/MONDO

Video

Fisco sul telefono: gli avvisi dell'Agenzia delle Entrate arrivano via sms

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti