19°

29°

Sport USA

Warriors campioni, Durant ci mette la firma

Lasciata Oklahoma in estate ha coronato il sogno del primo anello, indiscusso MVP della finale per non essere da meno di un LeBron feroce.

Warriors campioni, Durant ci mette la firma
Ricevi gratis le news
0
di Enrico Campana

L'estroversa Mamma Wanda fasciata in un tailleur scuro sotto un giubbino jeans, troppo stretto per contenere le curve giunoniche, tirava schiaffetti scherzosi  al  petto del suo adorato Kevin. E regalava  grandi sorrisi a tutti aspettando il momento della premiazione poco distante dal commissioner  e dal leggendario Bill Russel cui è intitolato il trofeo del MVP di The Finals. Sembrava voler porre attenzione sull'autore di quell'umano capolavoro con queste parole immaginarie possibili per un fumetto di un cartoon: "sapete, quella statua l'ho fatta io?.  Gli ho dato  la parola, la buona educazione e naturalmente  le mani magiche".

Dopo il secondo titolo dei Warriors -in un ciclo di tre anni dominando la regular season con oltre 200 vittorie, come nessuno prima aveva fatto- , aspettando la consegna del   trofeo di MVP delle finali, Kevin Durant che ha dato il suo contributo al trionfo dilatando le sue medie inevitabilmente sui 35  punti (come il suo numero di maglia), nell'occasione 39 punti con 14 canestri su 20, ha abbracciato e baciata la Wanda Osiris fra tutte le famose moms BA... Un quadretto che si ripete dall'infanzia, solo che  ora Kevin misura oltre 2 metri e 10, si deve abbassare per le coccole non sentendosi però minimamente a disagio nei panni dell'eterno bambinone. Che adesso ha coronato il suo sogno ("mamma, tu sai che da quando avevo 8 anni aspettavo questo momento", l'ha ringraziata attraverso il microfono)  e conquistato il titolo della NBA.

Tanto forte dentro grazie a quell'innocenza invidiabile,  non corrosa dagli enormi guadagni, dai titoli e le vittorie internazionali, il mondiale e il bis mondiale e poi il doppio oro olimpico, l'ultimo a Rio col titolo di MVP e 37 punti nella finale, gli infortuni e le operazioni al piede, la brutta reazione emotiva di Oklahoma quando la sua maglia-feticcio, venne svenduta l'estate scorsa per pochi centesimi da parte dei tifosi delusi. Tanto forte da  non avvertire in queste finali  il minimo cedimento psicologico nei confronti delle arti nere di LeBron James che in gara4 aveva cominciato a recitare la parte del grande stregone woodoo per sgretolare le certezze dei rivali, cercando di far rivivere i fantasmi della finale dello scorso anno  coi quali Curry, Raymond Green e Klay Thompson hanno lottato per l'intera stagione.

I Warriors, anzi i super-Warriors da Guinness e da spettacolo, virtù che poco trionfano  spesso nelle atmosfere aspre dei playoff,  avevano bisogno dell'esorcista  Durant -  e lui di una squadra !...-  per riuscire nell'impresa fallita nei primi anni di Oklahoma . L'operazione di riconquistare l'anello, gettato alle ortiche dai Warriors l'anno scorso sull'3/1,  semplificata con un ingaggio molto controverso, con l'accusa generale di manifesto duopolioche in grado di uccidere l'interesse per la stagione,  ma anche il  rischio di un rigetto all'interno di una squadra particolare, versata al tiro, già vincitrice di un titolo, come quella degli Splash Brothers, è andata nella direzione giusta. E l'ha coronata proprio Durant, superando un brutto infortunio, e il ritorno in campo alla vigila dei playoff. Era scritta nelle stelle, ma  cosa sarebbe successo se "KD"  avesse mostrato il minimo cedimento in queste 5 gare nelle quali ha segnato 178 punti, battendo il record di Allen Iverson del 2001, col 35,2 punti di media, il 55 per cento al tiro, il 47,5 da 3 punti, 8,4 rimbalzi, 5,4 assist, 1,8 stoppate?.  Ma messo alla prova non ha ceduto di un millimetro davanti alle stregonerie del Magiafuoco-Lebron e c'è un'azione emblematica  di questo  suo trionfo personale. Se  in gara3 nella quale ha segnato 14 punti nell'ultimo quarto,  non si fosse preso la responsabilità di quella tripla vincente del 3/0 dopo aver guardato negli occhi il rivale per dire, "stavolta vinco io", le cose sarebbero forse andate diversamente

Le prime dichiarazioni, pochi istanti prima di salire sul palco per afferrare i trofei, prova intangibile di una conquista che diventa storia  e rimane negli albi d'oro e nella letteratura sportiva,  sono difatti  di rispetto per LeBron James, il suo antagonista  principale nei trascorsi  cinque anni, dalla finale persa del 2012 contro Miami, che il kid  di Washington-Georgetown, eccezionalmente equilibrato, senza scandali, amorazzi, erbe magiche, divismi,  ha inseguito con l'ostinazione e il pass felpato di un bounty-killer.

“Lui LeBron  - si legge nel  report degli inviati di Sky sulla Tv che consacra la NBA - è l’unico che ho osservato dal 2012 a oggi, l’unico che poteva guardarmi negli occhi e potevo considerare un rivale al mio pari . Sapevo che sarebbe stata una battaglia e LeBron ha dimostrato ancora una volta il suo valore, viaggiando a una dannata tripla doppia di media. Non si può fermare un giocatore del genere; l'unico modo è provare a rispondere colpo su colpo. Gli ho detto che adesso siamo pari e che cercheremo di ritrovarci di nuovo in finale, ma adesso è soltanto il momento di festeggiare".

Alla giornalista che l'ha intervistato dopo aver ricevuto il trofeo  -sotto un diluvio di applausi per aver regalato un gesto naturale, di stile profetico o papale, allargando le braccia per dividere la gioia con la comunità - ha dato una risposta succosa, non retorica in linea col suo pensiero-mantra espresso per tutta la stagione: vincere o perdere non importa, se la scelta fa parte di una convinzione giusta. I trofei individuali anche se copiosi,  evaporano ,"L'unica cosa che conta in uno sport di squadra è vincere il titolo", ha ammonito.

C'è stata però anche una partita, non facile da vincere per i Warriors dopo il risveglio preoccupante dei feroci Cavs in gara3. Difatti  sono partiti lancia in resta a Oakland - dove le squadre delle leghe pro non vincono mai i titoli in casa - segnando 37 punti nel primo quarto. Sembrava un brutto presagio ripensando alle due sconfitte casalinghe dell'ultima finale sul 3/1, invece la reazione della squadra di  coach Kerry nel secondo quarto è stata fulminante e paradossalmente scatenata anche dal 3° fallo di Durant che il pubblico non ha gradito. Da -5 a +10 con un parziale di 38-23 che ha dimostrato anche la solidità della difesa e dei nervi. I Cavs però ci hanno riprovato  con + 6 nel terzo tempo (27-33) ma hanno avuto in una serata-no di Klay Thompson  lo stesso Iguodala del titolo di due anni fa, quando vinse il trofeo di MVP della finale.

L'ex star dei 76ers e Denver e vincitore dell'oro di Londra ha segnato 20 punti, MVP fra le riserve . Quelle dei Cavs insistenti, soli 7 punti di cui 4 di Jefferson e 3 di Korver e un doppio zero di Daron Williams ormai alla frutta e di Imam Shumpert. Forse qualche rotazione avrebbe giovato all'economia di squadra, ma Tyrron Lue non ha osato cambiare marcia considerando di vincere con la buona gara di Tristan Thompson (15 punti) e JR Smith micidiale da 3 (7/8) che ha compensato  la mira oscillante di Irving (9/22, 1/2 da 3) e di Love (0/3).

Per i Warriors, lievemente migliori rispetto ai Cavs nei rimbalzi (42-40)  e negli assist (27-22), Durant immenso, supersonico al tiro, mentre le  percentuali  nel tiro  dei compagni dal campo e dall'arco sono stati inferiori. Ma non dalla lunetta, con 8 preziosissimi canestri in più degli ex campioni, la differenza nel punteggio, i quali  hanno ottenuto un modesto 65 per cento determinato anche dall'insolito 1/4 di LeBron.Nervosissimo tanto da cercare spesso l'arbitro per lamentarsi, come nel caso della sua schiacciata sul capo di Durant chiedendo fallo, mentre il replay ha mostrato la validità della decisione.

I Cavs non hanno nulla da rimproversarsi, specie pensando a certi periodi sonnolenti della stagione e il regalo fatto a Boston di lasciargli vincere la regular season all'Est e fortunati in maniera sfacciata nel batterli nella finale di Conference  grazie all'infortunio letale di Isaiah Thomas. In ogni caso dopo aver vinto la  gara della serie col maggior punteggio (137) e scarto (21 punti) hanno dato prova di vitalità e d'orgoglio, 41 per LeBron e per la prima volta per 3 volte una doppia-tripla nella serie, un record per la NBA in una finale. Ma non si vince un titolo NBA  senza cercare fra le riserve la mossa del cavallo. Non sono un grande estimatore di Tyrron Lue che si è preso dei meriti che erano di David Blatt e capisce perfettamente  che è meglio arrivare secondo stando al dettato di LeBron che andare a toccare le gerarchie e rischiare di trovarsi senza lavoro. Fanno riflettere le 5 finali perse di LeBron fra Miami e Cleveland e i margini di progresso e il talento dei Warriors, entrati nella storia con un centro titolare che non segna nemmeno un canestro, non ha il fisico del ruolo e viene dalla lontana Georgia (l'ex repubblica Urss, non  il Coca-Cola State) .

Il Gruppo elogiato da Durant, è sano, non ci sono per ora velate gelosie, Stephen Curry ha vissuto da protagonista la serie, ma nel post-gara è stato defilata, forse in cuor suo contento di non essere pressato come il capobranco.  "Sono felice per Kevin, da oggi si può definire un campione", ha dichiarato il capitano con una battuta ironica ma senza  malinteso retropensiero.  Il problema adesso  è il ricevimento alla Casa Bianca perchè Steve Kerr l'inquilino non piace, dietro l'angolo la battaglie dei nuovi contratti. Durant è free-agent e quindi sul mercato, non è escluso che  teoricamente possa andare da un'altra parte vista la carica che gli ha dato l'accusa di tradimento dei Thunder. E capitalizzerà questo risultato per non essere secondo a LeBron anche in questo, anche se lui non è schiavo degli enormi interessi e dello status symbol  e spesso passa le vacanze assieme alla madre per visitare città e musei. Lo definii  l'uomo che gioca in frack dopo la vittoria del mondiale 2010 in Turchia (dove Curry era riserva e non giocava mai) e questa sensazione l'ho provata anche ieri notte commuovendomi  per l'impresa essendo il suo stile  unico e affascinante sicchè da nobilitare tutto quello che fa e il contorno.

Warriors campioni, Durant ci mette la firma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti