16°

30°

Calcio in lutto

Addio a Boskov

Avrebbe compiuto 83 anni il 16 maggio

Addio a  Boskov
Ricevi gratis le news
3

E’ morto Vujadin Boskov. Un grande allenatore ma soprattutto un grande uomo. A pochi giorni dalla scomparsa di Tito Vilanova, il calcio si veste di nuovo a lutto. A 82 anni se ne va Vujadin Boskov, allenatore serbo che ha scritto la storia della Sampdoria. Centrocampista di qualità in Jugoslavia (con la nazionale vincerà l’argento olimpico a Helsinki '52), una lunga militanza nel Vojvodina, nel '61 sbarca in Italia per vestire la maglia blucerchiata. Resterà solo una stagione ma sarà l’inizio di un legame eterno. Appese le scarpe al chiodo torna a casa, al Vojvodina che oggi ne ricorda "lo spirito visionario". Perchè Boskov era avanti anni luce nel suo modo di intendere il calcio ed è lui, a metà anni Sessanta, che convince la squadra slava a costruire un centro di formazione, il primo di sempre nei Balcani e che oggi giustamente porta il suo nome. Già questo basta a capire che tipo di personaggio era l’uomo di Novi Sad, che dopo aver allenato per due anni la sua nazionale comincia un lungo percorso che lo porta a lavorare in Olanda (Ado Den Haag con cui vince una Coppa nazionale e Feyenoord) e poi in Spagna, dove l'esperienza al Saragozza gli spalanca le porte del Real Madrid. Boskov vince un campionato, due Coppe e raggiunge anche la finale dell’allora Coppa dei Campioni, persa però col Liverpool. Anche questo, forse, un segno del destino. Torna in Italia nell’85, il tempo di riportare l’Ascoli in A, poi Paolo Mantovani lo vuole per la sua ambiziosa Sampdoria e lì Boskov diventa leggenda. Impossibile non pensare ai blucerchiati quando si cita il nome del tecnico serbo. Quella era la squadra di Mancini e Vialli, di Pagliuca e Vierchowod, di Cerezo e Mannini, di Katanec e Invernizzi, di Pari e Dossena, di Lombardo e Salsano, costruita con l’abile regia di Paolo Borea e i soldi di Mantovani e con Boskov nelle vesti di allenatore-papà. La Samp vince e diverte, arrivano due Coppe Italia e una storica Coppa delle Coppe ma l’apice è tra il '91 e il '92, con la conquista dello scudetto e la splendida cavalcata in Coppa dei Campioni fino alla finale persa col Barcellona, fino a quella maledetta punizione di Koeman che mise fine alla favola. La carriera di allenatore di Boskov, di fatto, si chiude quel giorno. Quella Coppa sfuggita ancora una volta è l’ultimo atto alla Samp, poi seguiranno le esperienze con Roma, Napoli, Servette, di nuovo Samp per una stagione e Perugia prima della chiusura finale al timone della Jugoslavia a Euro2000, dove arriva fino ai quarti. Di lui poi si perderanno le tracce, tranne qualche apparizione via via sempre più rada. Ma quello che ha fatto in campo e la sua strabordante simpatia restano per sempre. Come dimenticare quel suo volto un pò burbero ma affettuoso, il suo italiano dall’accento slavo e soprattutto quelle frasi a effetto che ancora oggi riempiono il web. "Rigore è quando arbitro fischia" è sempre attuale ma l’elenco delle perle regalate da Boskov è lungo: "Gullit è come cervo che esce di foresta", "Se io sciolgo il mio cane, lui gioca meglio di Perdomo" (poi 'rettificatà dallo stesso tecnico), "Benny Carbone con sue finte disorienta avversari ma anche compagni", "Lombardo è come Pendolino che esce dalla galleria". La sua era una filosofia spicciola ma efficace, perchè "l'allenatore deve essere al tempo stesso maestro, amico e poliziotto", tanto per fare un’altra citazione, e "un giocatore con due occhi deve controllare il pallone e con due il giocatore avversario". Boskov era questo e tanto altro e, anche se banale da dire, lascia un grande vuoto. Del resto "gli allenatori sono come i cantanti lirici. Sono molti e anche bravi, ma soltanto due o tre possono cantare alla scala di Milano". E i suoi acuti mancheranno a tutti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • indianoparmigiano

    27 Aprile @ 22.48

    non vendere pelle di orso, finchè lui caldo...

    Rispondi

  • leandro

    27 Aprile @ 21.05

    Rigore è quando arbitro fischia. Mio cane gioca meglio di Perdomo. Onore a Vujadin da un tifoso genoano.

    Rispondi

  • ixxo

    27 Aprile @ 19.47

    ....Gullit corre come cervo fuori di foresta.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti