11°

22°

storie di ex

Pellè, da riserva nel Parma a punta in nazionale

Graziano Pellè

Graziano Pellè

Ricevi gratis le news
0

Da riserva del Parma ad attaccante della Nazionale in quattro anni. E’ la storia di Graziano Pellè, che dopo i gol in Olanda si è confermato anche in Premier League, guadagnandosi la fiducia di Antonio Conte. "Ho sempre creduto nelle mie qualità ma una cosa è pensare di essere bravo, un’altra dimostrarlo - racconta in un’intervista al 'Guardian' - Ero un buon giocatore ma non ero concreto. Il mio agente mi ha aiutato molto, mi ha detto che non ero abbastanza 'affamatò per avere successo. E siccome sono una persona orgogliosa e quelle parole mi hanno toccato, mi sono detto: 'ok, adesso ti dimostrerò quanto valgò. Ma anche la mia famiglia è stata importante e quando non giocavo molto non era bello vedere mio padre non felice. Sapevo che avevo delle qualità e non voleva che sprecassi il duro lavoro che aveva fatto per mantenermi". La svolta è l’incontro a Ibiza col figlio di Ronald Koeman, all’epoca allenatore del Feyenoord e con cui aveva già lavorato all’Az Alkmaar, poi il ritorno in Olanda nel 2012 e l’esplosione. "Mi ha dato tantissima fiducia, mi ha fatto giocare anche quando forse non lo meritavo perchè sapeva che avevo bisogno di tempo dopo un periodo in cui non giocavo spesso - dice di Koeman - Mi ha dato l’occasione giusta per diventare l’attaccante titolare. E oggi gli dico sempre che se allena il Southampton è perchè ho segnato 60 gol al Feyenoord", sorride. Anche in Premier Pellè non ha smesso di segnare. "Qui non siamo a Manchester dove dopo una brutta partita tutti parlano e dicono la loro. Arrivo dall’Italia, dove hai la pressione addosso, ma qui è tutto più rilassato, hai la sensazione che dipende solo da noi fare bene perchè chi è attorno ci dà tutto quello di cui abbiamo bisogno. Oggi sono più maturo e so cosa voglio". 
E cioè ripagare la fiducia di Koeman e del Southampton. "Se gioco male ma segno un gol, il giorno dopo sono comunque in prima pagina, è il lato positivo dell’essere attaccante. Ma se gioco bene e non segno, allora diranno che ho fatto male. Un attaccante deve segnare, magari non devo per forza fare 30 gol a stagione ma essendo un attaccante, se in una partita non segno o non faccio un assist, mi rode perchè sono ambizioso". In Inghilterra "tutte le partite sono dure, non importa l’avversario. Se in Eredivisie ogni tanto potevo rilassarmi, qui è diverso, tutti i giocatori sono molto competitivi", confessa Pellè, ormai entrato nel giro azzurro a coronamento di un sogno che nasce molto tempo fa. "C'è stato un momento in cui non stavo facendo bene e non giocavo nemmeno tanto e stavo guardando l’Italia vincere i Mondiali e mi dicevo: 'perchè non posso esserci pure io?'. Ma sapevo che se avessi continuato a non giocare e a non fare bene, non sarebbe successo mai. Poi, però, ho cominciato a fare bene, sono arrivato in Inghilterra e ho pensato: 'posso far parte della Nazionalè. E il ct mi ha dato la chance di giocare, ho fatto bene la maggior parte delle volte e ora provo a tenermi stretta la maglia azzurra. E' una sensazione fantastica". 

E cioè ripagare la fiducia di Koeman e del Southampton. "Se gioco male ma segno un gol, il giorno dopo sono comunque in prima pagina, è il lato positivo dell’essere attaccante. Ma se gioco bene e non segno, allora diranno che ho fatto male. Un attaccante deve segnare, magari non devo per forza fare 30 gol a stagione ma essendo un attaccante, se in una partita non segno o non faccio un assist, mi rode perchè sono ambizioso". In Inghilterra "tutte le partite sono dure, non importa l’avversario. Se in Eredivisie ogni tanto potevo rilassarmi, qui è diverso, tutti i giocatori sono molto competitivi", confessa Pellè, ormai entrato nel giro azzurro a coronamento di un sogno che nasce molto tempo fa. "C'è stato un momento in cui non stavo facendo bene e non giocavo nemmeno tanto e stavo guardando l’Italia vincere i Mondiali e mi dicevo: 'perchè non posso esserci pure io?'. Ma sapevo che se avessi continuato a non giocare e a non fare bene, non sarebbe successo mai. Poi, però, ho cominciato a fare bene, sono arrivato in Inghilterra e ho pensato: 'posso far parte della Nazionalè. E il ct mi ha dato la chance di giocare, ho fatto bene la maggior parte delle volte e ora provo a tenermi stretta la maglia azzurra. E' una sensazione fantastica".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto