atletica

Doping, bufera sulla Russia

Doping, bufera sulla Russia
Ricevi gratis le news
0

Report  sull’atletica russa e la gestione dell’antidoping: migliaia di test cancellati, laboratori ombra e la complicità conclamata del ministero dello Sport nell’insabbiare le irregolarità. La Wada ha invitato la IAAF a sospendere tutti gli atleti russi da ogni competizione di atletica leggera e ha accusato il governo russo di "intimidazioni dirette» nei confronti del laboratorio antidoping di Mosca. Sono alcune delle accuse choc di un Rapporto di una commissione d’inchiesta dell’Agenzia antidoping mondiale.  Il rapporto dell’agenzia Mondiale antidoping, in 323 pagine, parla di coinvolgimento degli agenti del FSB - il servizio segreto russo - nelle Olimpiadi di Sochi e accusa il ministro dello sport di Mosca Vitaly Mutko di aver dato ordini diretti di «manipolare alcune specifiche provette» per le analisi antidoping.

E' peggio di quanto pensassimo, è spiacevole vedere la natura e l'estensione di quello che sta succedendo", aggiunge ancora Pound che conferma: "per il 2016 la nostra raccomandazione è che la Federazione russa sia sospesa. La nostra speranza è che lo faccia da sè in poco da adottare i rimedi necessari per permettere agli atleti russi di competere in un nuovo contesto. Se non lo fanno, potrebbero non esserci atleti russi a Rio. Mi auguro che capiscano che è il momento di cambiare e di fare questi cambiamenti. E penso serviranno diversi mesi". L’ex presidente Wada confida nell’operato del nuovo numero uno della Iaaf, Sebastian Coe: "ci piacerebbe che sospendesse la Russia. Se ognuno fa la sua parte, nessuna loro richiesta d’iscrizione ai Giochi di Rio verrebbe accettata". Ma il governo di Mosca sapeva? Secondo Pound "tutto questo non poteva accade senza il consenso delle autorità statali, non potevano non sapere". E lancia più di un sospetto sulle ultime manifestazioni olimpiche. "Non penso che possiamo essere abbastanza sicuri che non ci siano state delle manipolazioni legate ai risultati dei Giochi di Sochi. Al Ministero dello Sport russo sapevano che gli allenatori erano fuori controllo". Secondo l’inchiesta Wada, gli atleti russi erano informati in anticipo dei controlli e quando li saltavano venivano coperti, anche dietro il pagamento di tangenti. 
 E anche i Giochi di Londra, secondo la Wada, sono stati "sabotati dall’ammissione di atleti che non avrebbero dovuto gareggiare e ai quali doveva essere vietato di farlo ma non è successo per l’inspiegabile politica del laisse-fair adottata da Iaaf, Araf (la Federazione russa di atletica) e Rusada (l'agenzia antidoping di Mosca)". Pound ammette che "la credibilità dello sport ha subito gravi colpi negli ultimi mesi e il problema è che non si ferma qui. Avete ragione quando dite che questa è solo la punta dell’iceberg - rincara la dose - Non crediamo che la Russia sia l’unico Paese che abbia un problema di doping e che l’atletica sia l’unico sport con un problema di doping". A chi gli chiede se alla luce di tutto questo la Russia meriti ancora di ospitare i Mondiali di calcio del 2018, Pound frena: "noi ci siamo occupati dell’atletica, la Fifa deve risolvere le sue difficoltà senza il nostro aiuto".

La Russia si difende

La Russia non ci sta e passa al contrattacco. La prima risposta alla Wada, che ha chiesto alla Iaaf, la federazione internazionale, di estromettere la Russia da tutte le competizioni, Olimpiadi di Rio incluse, e di squalificare a vita cinque atleti e altrettanti allenatori per un presunto uso sistematico di prodotti proibiti, arriva dal ministro dello sport russo, Vitaly Mutko, che ha negato tutte le accuse. Non solo: la federatletica russa ha anche accusato la Wada di eludere i protocolli stabiliti per la lotta al doping. "Qualsiasi sospensione deve essere discusso nella riunione della Iaaf nel mese di novembre - ha detto il presidente ad interim di RusAthletics, Vadim Zelechenok - Dovrebbe essere dimostrato che le violazioni erano colpa della federazione e non dei singoli sportivi. Dovremmo data la possibilità di difendere la nostra reputazione". A suo avviso, le conclusioni del rapporto «non hanno alcuna base perchè questi test antidoping sono i commissari stessi della Wada ad effettuarli sugli atleti. E nello stesso tempo l’atleta non sa quando arriva il commissario». L’agenzia antidoping mondiale (Wada) non ha mai contattato la nuova amministrazione della Federazione russa di atletica (Araf) mentre stava indagando sul presunto abuso di sostanze dopanti da parte di atleti russi. Lo ha spiegato alla Tass il presidente ad interim dell’Araf, Vadim Zelicionok. «La Wada non ha mai lavorato con la nuova dirigenza dell’Araf - ha spiegato - e la federazione non ha mai ricevuto alcun documento che provi la sistematica distribuzione di sostanze dopanti nell?atletica nazionale?.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video