-4°

sci

Razzoli e Gross in cura da Caselli a Fontanellato

 Luca Caselli fra Giuliano Razzoli,a sinistra, e Stefano Gross

Luca Caselli fra Giuliano Razzoli,a sinistra, e Stefano Gross

0

Nei giorni scorsi nello studio Physi-C di Fontanellato del fisioterapista e osteopata Luca Caselli, dal 2009 nella nazionale azzurra di sci, c’erano anche gli slalomisti Giuliano Razzoli e Stefano Gross, meno di un mese fa secondo e terzo a Wengen in Coppa del Mondo, che, accompagnati dal preparatore atletico Tommaso Frilli, stanno cercando di recuperare dai rispettivi infortuni.
E se per l’altoatesino lo stiramento muscolare con piccolo versamento nella zona inserzionale di retto femorale e psoas non gli precluderà l’imminente trasferta a Yuzawa Naeba in Giappone, ben differente è il discorso relativo al campione olimpico di Vancouver che lunedì scorso a Milano è stato operato ai legamenti in seguito alla caduta di Kitzbuehel.
«Stiamo seguendo un nuovo iter riabilitativo che include contemporaneamente gli aspetti osteopatici, fisioterapici e fisici - spiega Caselli, che partirà per Tokio lasciando il “Razzo”, svolgerà qui la fase di riabilitazione nei prossimi quattro mesi, nelle mani del suo staff tra Fontanellato e San Secondo - dovrebbe dare buoni risultati anche come miglioramento delle condizioni generali dell’atleta. Inutile forzare, c’è il tempo necessario per rimettersi con calma».
Certo che lo sciatore di Villa Minozzo si è fermato proprio quando sembrava pronto per riprendersi il gradino più alto del podio. «E’ un centro attrezzato, quest’infortunio non ci voleva - racconta Razzoli in stampelle- la gara di Kitz era uno dei miei grandi obiettivi per tornare a vincere dopo diversi podi negli ultimi anni ma purtroppo è andata male: sono cose che bisogna mettere in conto, c’erano condizioni strane su un tracciato particolare che ti costringeva a frenare ed avendo io il pettorale numero 1 ne ho pagato le conseguenze più degli altri». Non sta passando inosservata l’ecatombe di gravi infortuni, in campo maschile e femminile, tra le vittime più illustri Svindal, Ligety, Mayer, Fenninger e Shriffin. «Con poca neve le piste sono molto più mosse e gli sci non fanno movimenti standard, in caso di compressione e successivo dosso si rischia qualcosa in più».
Se saprà ritrovare la stessa condizione prima dello stop forzato non dovrebbe esser un problema rientrare al top. «Peccato aver interrotto la stagione sul più bello, da un anno e mezzo a questa parte era il momento migliore della mia carriera e stavo sempre davanti assieme ai più forti. La sensazione è che nell’ultima settimana fossi realmente pronto per insidiare il leader Kristoffersen. Ora vorrei tornare a sciare il prima possibile e fare una bella preparazione per esser fisicamente a posto, poi il resto verrà di conseguenza». Tutto il peso da qui a fine stagione ricadrà su Stefano Gross che, nonostante l’infortunio subìto alla vigilia di Kitz, ha continuato a gareggiare ed ottenere risultati come se niente fosse successo. «Finora sono soddisfatto a metà perché penso di non esser partito così bene ma stavo crescendo prima dell’ultimo guaio fisico che mi ha impedito di raccogliere di più su due piste adatte alle mie caratteristiche». Specialmente l’ultima prova notturna in Austria, in cui era secondo al termine della prima manche. «Lo slalom di Schladming è sempre stato il mio sogno fin da bambino, nelle restanti gare punto a chiudere sul podio e fare un ulteriore balzo nella classifica di specialità». Comandata nettamente dal norvegese Henrik Kristoffersen che sta conoscendo la definitiva consacrazione. «La sua esplosione è iniziata da quando mi ha tolto la medaglia olimpica per cinque centesimi, è un giovane talento che va forte già da qualche anno».
Ma l’Italia c’è nonostante non sia ancora arrivato il bersaglio grosso. «Abbiamo avuto sfortuna all’inizio però eravamo sempre tra i primi pur mancando un po’ a livello di concretezza. Spero di portare in alto i colori azzurri, ce lo meritiamo anche per il lavoro compiuto in estate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video