-3°

ITALIA-SPAGNA

Dobbiamo infilarci nei loro errori

"La classe non è acqua" di Roberto Perrone

Dobbiamo infilarci nei loro errori
Ricevi gratis le news
0
 

E' stata una lunga attesa, speriamo non sia stato un lungo addio. Italia-Spagna, ottavo di finale di Euro 2016 va finalmente in scena a Saint-Denis, lo stadione nella banlieu parigina. Antonio Conte è arrivato alla sfida schierando l’Italia B contro l’Irlanda e non è andata bene. Appartengo al partito di chi pensa che vincere aiuta a vincere e perdere, anche se non c’è in palio nulla, non fa bene al cuore. Anche la Spagna, nel suo grande, con tutti i titolari è andata a picco con la Croazia (una prece) ex “nazionale più bella dell’Europeo”. Vicente Del Bosque ha schierato all’inizio sempre gli stessi 11 e 6 di questi, De Gea, Piqué, Sergio Ramos, Juanfran, Busquets e Iniesta sono stati in campo per 270 minuti. Il nostro “descanso” non è servito a Candreva per recuperare, grave assenza, e non influirà sulla partita. La Spagna si muove di meno e quindi consuma meno.

Ecco, alle partite dentro o fuori, il gioco delle statistiche, delle rimembranze, delle interviste agli ex, delle analisi, degli incroci, perfino delle cabale (Barzagli, dopo quella di Italia-Svezia, ha trovato un’altra coccinella) giunge al culmine. E’ stato scritto e detto qualsiasi cosa possa essere utile a interpretare la sfida. Fine. Da parte spagnola c’è rispetto di facciata ma certezza della superiorità 2.0: non battiamo le ex Furie Rosse - meno furia e più ghirigori - in un grande torneo dal 1994, quarti ai Mondiali Usa. Fino a quel mezzogiorno di fuoco, in tutti i sensi, a Boston, per noi la Spagna era un po’ come la Germania: Mondiale o Europeo faceva una brutta fine. Poi è arrivato il “patto del jamon”, siglato dopo il successo al Mondiale Under 20 in Nigeria del 1999, tra un giovane portiere del Real Madrid, Iker Casillas, e un piccoletto del Barça, grande testa e piedi sopraffini, Xavi. Un’alleanza tra due differenti visioni ideologiche e calcistiche, che ha portato la Spagna a due titoli Europei e al Mondiale 2010. A Iker e Xavi si aggiunsero, strada facendo, Puyol, Sergio Ramos, Xabi Alonso, Iniesta, Busquets, Fabregas, Silva, Torres e tanti altri. Molti sono ancora qui.

In generale il confronto tra le due nazionali è pari, 10 vittorie a testa e 14 pareggi. Nel terzo millennio l’Italia è uscita sempre male dal confronto, ma ha fatto bene Buffon a ricordare che, a parte la derrota di Kiev (4-0) nella finale 2012, nelle altre occasioni il confronto è finito pari, deciso due volte (a loro favore) dal dischetto.

Dal 2012 Spagna e Italia sono cambiate. Pochi hanno ricordato che, alla vigilia della finale, le sensazioni erano tutte azzurre. Entrambe sono naufragate nel 2014 in Brasile, eliminate al primo turno. Del Bosque, confermato - da noi non sarebbe successo - ha ricostruito, se non la macchina da calcio totale di prima, sicuramente una squadra competitiva. Lo stesso ha fatto Conte, ma con un materiale tecnico inferiore, specialmente a centrocampo e attacco per mancanza di ricambi e infortuni. Iniesta è sempre lì, sempre micidiale. Morata, in fuga da Madama, è (quasi) l’attaccante completo che avviamo visto, a spezzoni, nella Juventus di Allegri, non citato nei titoli di coda. Il sistema spagnolo si è aggiornato anche perché è fatto dagli uomini. In mezzo al dominio del tempo e dello spazio ha intercapedini, distrazioni. Anche il nostro non è il solito catenaccio-contropiede da Dna calcistico nazionale. Chi ha seguito con attenzione lo svolgersi pratico del pensiero contiano non può non sapere che il contropiede è bandito. Il contropiede è roba per pochi, il secondo gol al Belgio, per dire, ha visto cinque azzurri all’attacco. Come abbiamo detto alla vigilia dell’Europeo ci dobbiamo puntellare sulla solidità del blocco arretrato della Juventus, sulla capacità di Conte di leggere/preparare le partite e di azzeccare i cambi (anche con Insigne nel finale di Italia-Irlanda aveva visto giusto) e sulla certezza che tutti, con lui, daranno il massimo. “Non siamo la vittima sacrificale, dovranno dimostrare di essere più forti di noi”. Alla fine, comunque, l’unica tattica perseguita con ostinazione è stata quella di spingerci in basso per scattare in alto, evocando il senso dell’impresa. Siamo arretrati fino a Giuseppe Meazza che tirò il rigore decisivo al Brasile (semifinale 1938) reggendosi i calzoncini con l’elastico rotto. I brasiliani avevano già prenotato il treno per Parigi e, di fronte alla richiesta italiana di cessione dei biglietti in caso di sconfitta, avevano risposto in modo tracotante che il caso non era contemplato. Dobbiamo infilarci nei loro errori, nelle loro distrazioni, avendo bene a mente che il calcio ruota invece proprio attorno al caso, agli episodi. La palla non è quadrata. Se l’Italia tirava meglio dal dischetto, nel 2008, ora saremmo qui a parlare di crudo Parma, altro che jamon.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Ex Eridania

Rubata di nuovo la bacchetta di Toscanini

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

AMMINISTRATIVE

Nasce il progetto civico «Siamo Salso»: «Insieme per costruire il futuro»

Traversetolo

I profughi spalano la neve: tregua tra Comune e Betania

VIADANA

Sequestrato un furgone carico di agnelli maltrattati

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

PARMA 2020

Capitale della cultura: svelati tutti i progetti

felino

Ladri sbadati beccati dalla polizia grazie al gps Video

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

7commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Uccide il suo datore di lavoro dopo una lite per 100 euro

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day