10°

22°

Inizia il campionato

Juve senza rivali. Napoli e Roma sono ancora più lontane

Juve senza rivali. Napoli e Roma sono ancora più lontane

Higuain

Ricevi gratis le news
0
 

Oggi alle 18 inizia il campionato di Serie A (due partite, alle 18 Roma-Udinese poi alle 20.45 Juve-Fiorentina). Juve in pole per il sesto (sarebbe storico) scudetto. Ecco la presentazione del campionato ai blocchi di partenza di Roberto Perrone. 

In teoria, oggi cominciano due storie parallele ma non convergenti (come diceva Aldo Moro). Alle 18 con Roma-Udinese è al via il cosiddetto campionato dei “normali” con Roma-Udinese, mentre alle 20.45 si apre la stagione “a parte” della Juventus contro la Fiorentina. In teoria. Perché i più forti e i più bravi non necessariamente, per il bene del pallone (e dello sport in generale) come ha dimostrato in modo sfacciato il Leicester, si sovrappongono. Premessa fondamentale: la campagna acquisti si conclude il 31 agosto alle 23. Da Milito (Genoa, 2008) a Sneijder (Inter 2009), l’ultimo acquisto può essere l’uomo giusto al posto giusto.

Testa alta

Oltre alla Juventus, appartengono a questo gruppo Napoli, Roma, Inter, Milan, Fiorentina e Sassuolo. Parliamo di squadre che credono all’Europa, poi il livello di fede si vedrà. Due aspirano a impensierire la Juventus penta-campeao, che appare irraggiungibile. Il nuovo allenatore dell’Inter Frank De Boer quando ha detto che “non sono sicuro che si sia rafforzata”, forse intendeva che non sempre la raccolta delle figurine migliori completa l’album. Però Madama appare stratosferica (e mancano uno o due pezzi). Non ha più Pogba ma questo potrebbe incidere sulla campagna d’Europa, in Italia chi fermerà la sua musica? Si è regalata dal crack Higuain al talentoso giovanotto Piaça. In mezzo tutti gli altri. Gonzalo el gordo ha bisogno di un buon dietologo, ma Dybala-Mandzukic possono bastare, per adesso (e anche per dopo). Ma non si tratta solo di questo. Un anno fa, dopo aver ceduto 12 punti in dieci partite, data per spacciata, con gli ultrà sull’uscio di Vinovo, fu la mentalità ricostruita da Antonio Conte e conservata da Max Allegri a cannibalizzare il campionato: 25 vittorie in 26 partite. I rivali devono temere non solo gli uomini ma anche la forza mentale. I più vicini sono, per recente classica e giocatori, il Napoli e la Roma. I giallorossi visti all’opera con il Porto, in un non facile esordio europeo, sembrano più avanti. La Roma ha Strootman che forma, con De Rossi rivitalizzato dalla cura congiunta Conte-Spalletti, e Nainggolan, un reparto centrale che non risente dell’addio di Pjanic. Il problema è una certa fragilità fisica. L’incognita del Napoli è l’eredità di Higuain, un interrogativo che ci sarebbe stato in ogni caso: 36 gol in 38 partite non si fanno tutti gli anni. Sarri è una garanzia, però, e la squadra appare equilibrata. Un po’ più in basso le due milanesi, entrambe cinesizzate. L’Inter è, come le accade da qualche anno, in mezzo al guado societario. Chi comanda chi? Mancini, forte dell’esperienza inglese, ha tentato di fare il manager e il suo interventismo (chiamare i giocatori, trattare personalmente) è entrato in rotta di collisione con i padroni, vecchi e nuovi. Alcuni rinforzi di qualità sono arrivati (Candreva, Banega), i gioielli di famiglia sono stati preservati (Icardi). L’allenatore olandese, che di sicuro “non è un pirla” (copyright Mourinho), è arrivato tardi e si deve ambientare presto. Il Milan ha fatto l’ennesimo cambio in panchina. Vincenzo Montella ha buona visione di gioco, ma non ha visto un rinforzo. Ed è cambiata, dopo 30 anni, anche la proprietà. Silvio Berlusconi non c’è più. Sono convinto che la voce del padrone sia fondamentale in una società di calcio più che in una società qualsiasi. Il pallone è troppo volubile. L’incognita sulle milanesi è proprio questa: chi sarà il punto di riferimento? Fiorentina e Sassuolo potrebbero inserirsi, come hanno già fatto, per un posto in Europa. Il Sassuolo è stato gagliardo nei preliminari di Europa League, mostrando muscoli e cervello. La Fiorentina si presenta con la stessa struttura del campionato 2015/16. Più esperienza, più risultati? E’ questo il dilemma.

Mezza testa

In questo gruppo ci sono squadre che potenzialmente potrebbero salire all’attico ma anche ritrovarsi nel sottoscala. Il Torino ha fatto investimenti importanti dal tecnico, Sinisa Mihajlovic a Ljaic, da Iago Falque (in rampa di rilancio dopo l’abisso romanista) a Rossettini. C’è chi la sistema più in altro, ma ha finito male a maggio quindi scala di una casella. La Lazio, dopo la lunga estate calda e un po’ “loca”, con l’assurdo affaire Bielsa, si ritrova con Simone Inzaghi confermato e un reduce europeo, Ciro Immobile a guidare l’attacco. Per me la rivelazione sarà l’Atalanta di sir Gasperson che ha voglia di dimostrare di essere vincente anche fuori Genova. A proposito, il Genoa, finora, a parte in panchina, non ha fatto la rivoluzione e questa è una novità (ma non siamo al 31). Preziosi ha voluto fortemente Juric, allievo di Gasperini, a continuare la tradizione, tattica e di buoni risultati. Bologna e Cagliari mi sembrano ben assortite. Marco Borriello, quando sbarca su un’isola si infiamma (vedi presunta storia con Belen): a 34 anni e all’ennesimo giro di giostra torna a far parlare di sé.

Testa bassa

Testa bassa non tanto come livello, quanto come way of life, modo di intendere l’approccio al pallone. Qui nessuna distrazione, zero sentimentalismi. Sampdoria, Palermo, Udinese, Chievo, Empoli, Pescara, Crotone, dovranno pensare prima di tutto salvarsi. La Sampdoria ha fatto alcune scelte interessanti sul mercato: Castan da recuperare, Cigarini, Schick. Ha cambiato molto, partendo dall’allenatore. Marco Giampaolo ha salvato molto bene l’Empoli nel campionato archiviato a maggio. Però i blucerchiati hanno finito male e venduto qualche pezzo pregiato quindi, come il Torino, scalano di una casella. Udinese e Chievo praticamente non hanno cambiato nulla, a parte Iachini sulla panchina della Dacia Arena. Il Palermo è reduce da un anno rocambolesco e da una salvezza afferrata a fatica. Per Pescara e Crotone, ultime arrivate, lo scudetto è restare tra noi. L’Empoli ha perso giocatori importanti (Zielinski, Mario Rui) e si affida a una coppia “stagionata”, Gilardino & Maccarone, 70 anni in due. Attaccante vecchio fa buon brodo. E spesso anche gol. Buon campionato a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

5commenti

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

9commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

1commento

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»