21°

Intervista

Ghiretti: "Una scarica di gioia"

Ghiretti: "Una scarica di gioia"
Ricevi gratis le news
0
 

E' stato un ritorno in Italia trionfale per Giulia Ghiretti. Ieri, a Fiumicino, un’accoglienza spettacolare: all’atterraggio, il volo Alitalia, su cui viaggiava proveniente da Rio la delegazione italiana, è stato sorpreso dal «battesimo dell’acqua»: sulla pista, cannonate d’acqua da parte dei Vigili del Fuoco, in segno di festa.

Tra i 64 atleti rientrati ieri a Roma, c’era anche la campionessa parmigiana: nella sua valigia, una medaglia d’argento e una di bronzo. Per lei, subito dopo, il volo per Linate, dove ad accoglierla c’erano la cugina Sara e alcune amiche.

Quali sono le sensazioni, al rientro, dopo la prima Paralimpiade?

«Non mi sono ancora resa conto di quanto ho fatto. Me lo dicono e me lo scrivono gli altri, ma io credo di non aver ancora realizzato».

Tre finali su quattro gare disputate, tre nuovi record italiani, un argento, un bronzo. Se lo aspettava?

«No, per niente. Non era nemmeno nei sogni. Contavo di divertirmi e di fare del mio meglio, ma due medaglie non erano pronosticabili. Tutto merito di quei 50 farfalla».

La gara dell’esordio assoluto, dove è arrivato il bronzo. Cosa ha provato a guardare il tabellone?

«Quella è stata la gara. Punto. Una magia, qualcosa di perfetto. Non piango mai dopo una competizione, ma questa volta non riuscivo a smettere. Lacrime di gioia, ovviamente: ad ogni abbraccio, giù una nuova scarica di gioia incontenibile. Bellissimo».

Da lì in poi cosa è cambiato?

«Le persone mi prestavano molta più attenzione: ero una medagliata ai Giochi. Ma io, dopo l’emozione del momento, cominciavo solo a preoccuparmi».

Perché?

«Il giorno dopo avevo i 100 rana, la mia specialità. Mi presentavo da vicecampionessa mondiale ed europea, sapevo quanto valevo. Un conto però è fare risultato quando non sei nessuno, un altro è presentarsi come seconda del ranking e nuotare la batteria in corsia quattro, quella della favorita. Insomma: me la stavo facendo sotto».

Tra l’altro, in batteria, la insospettabile ragazza di Singapore, Theresa Goh, aveva fatto un tempo più basso del suo. Aveva paura di perdere l’argento?

«Onestamente no. Alla fine della batteria l’ho guardata ed era morta, stanchissima. Io invece avevo controllato. Sapevo che in finale avrei potuto fare meglio».

E così è stato, dietro alla solita norvegese Sarah Louise Rung. Siete amiche o rivali?

«In vasca rivali, ma fuori amiche. Anzi, il primo giorno aveva nuotato i 200 stile libero lontana dai suoi standard, ero preoccupata per lei e abbiamo anche parlato. Lei mi aveva detto che stava bene e infatti… però la soddisfazione di esserle arrivata davanti una volta (batteria dei 50 farfalla, ndr) me la sono tolta».

200 misti: sesto posto. Rimpianti?

«No, è già un risultato importante. Certo, si poteva anche pensare al podio, ma non con quei tempi. Io ho provato a spingere un po’ di più nelle prime due vasche, poi sulla rana, alla terza frazione, sono schiattata».

Il guasto alla piscina, che ha rimandato la gara di oltre mezz’ora, ha condizionato?

«Sicuramente. Ci hanno fatto rientrare in camera di chiamata e ci dicevano che non sapevano se avremmo gareggiato più tardi o il giorno dopo».

Nei 50 dorso niente finale, col decimo tempo. E lei era stata la prima a prevederlo.

«Sì, mettimi a pancia in su e ciao ciao prestazione. Devo dire che non raggiungere la finale, in un certo senso, è stata una benedizione: non avevo più una goccia di energie in corpo».

Cosa ha significato avere la famiglia a Rio, sugli spalti?

«Una sicurezza. Loro ci sono sempre e li ringrazio. Ma la lista dei ringraziamenti è lunga. Posso?»

Prego

«Le mie società: Ego Nuoto e Fiamme Oro. Gli allenatori: Massimiliano Tosin e Micaela Biava. La piscina di Collecchio, il Centro Medico Spallanzani, la Città di Parma, Happy Hand, il nutrizionista Andrea Ghidoni, la psicologa Micaela Fantoni, il preparatore Luca Cavaggioni, la fisioterapista Vania Michelotti, Arena, Erreà e tutti quelli che hanno dato un contributo economico all’Ego Nuoto. Spero di non dimenticare nessuno».

Cosa si porta a casa dalle sue prime Paralimpiadi?

«Lì capisci il valore e l’importanza che hanno e come mai ci sono solo ogni quattro anni. Ti prosciugano. Sono stata lì venti giorni, dieci solo in attesa delle gare. Già all’esordio avevo accumulato molta tensione; alla fine non vedevamo l’ora di tornare a casa. Tutto questo, insieme alle fatiche e ai sacrifici dei mesi precedenti, è stato ampiamente ripagato dai risultati e dall’emozione di essere lì».

Il momento più bello?

«Entrare al Maracanà tutto esaurito per la cerimonia inaugurale: brividi a non finire».

Da dimenticare, invece?

«Le distanze di Rio. Tutto è lontano da tutto».

L’incontro da ricordare?

«Quello con chef Rubio, a Casa Italia. È un ragazzo molto in gamba e simpatico. Una volta si è messo per terra, a gambe incrociate, a vedere le nostre gare dai cellulari. Era interessato».

È vero che gli ha detto che la pasta era scotta?

«Sì - ride -. Ma lo sapeva anche lui, perché aveva tantissima gente e poco personale: era il più arrabbiato di tutti».

Come è stato affrontare la Paralimpiade insieme al suo ragazzo, il nuotatore Federico Morlacchi, che torna a casa con un oro e tre argenti?

«È stato bello condividere le gioie di questa avventura indimenticabile».

Quanti messaggi di congratulazioni ha ricevuto?

«Una valanga: su Facebook, sul cellulare, di persona. Accendevo il cellulare e non finiva mai di suonare. Mi ha fatto molto piacere. Mi scuso perché non ho ancora finito di rispondere a tutti, ma lo farò sicuramente».

Cosa farà adesso?

«Mi risposo. Fino a novembre non voglio saperne di andare in piscina. Rimango a Parma per un po’, poi tornerò a Milano per riprendere con L’Università. Ma per ora niente nuoto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro