-3°

Storie di ex

Il ritorno di Dessena: "Sto vivendo un sogno"

Il capitano del Cagliari, titolare dopo 11 mesi, realizza una doppietta

Il ritorno di Dessena: "Sto vivendo un sogno"
Ricevi gratis le news
1

Nelle formazioni della vigilia per la gara con il Palermo non lo aveva inserito quasi nessuno. Si diceva: ma no, c'è stato il lungo infortunio, ha ancora bisogno di tempo, giocherà qualche minuto. E invece Daniele Dessena - tibia e perone fratturati in Brescia-Cagliari il 28 novembre di un anno fa - alla sua prima da titolare dopo lo stop di undici mesi, è resuscitato la notte di Halloween. Non solo ha giocato un’ora e mezza più recupero, ma ha anche trascinato il Cagliari al ritorno alla vittoria con una doppietta.
E lui non è certo un centravanti, ma un centrocampista che pensa anche molto a difendere. Anche se le puntatine in avanti sono state sempre il suo vizietto. Due gol in una partita li aveva realizzati anche ai tempi della Sampdoria, ma questi valgono molto di più. Perchè significano, al di là del l'affetto, della simpatia, delle pacche sulle spalle, che è tornato in campo per essere ancora un giocatore vero. E un vero capitano.
Un’altra bella storia rossoblu dopo quelle di Pisacane e Melchiorri. L’immagine simbolo? Dessena, quando ha segnato il suo primo gol, è andato subito ad abbracciare Gianfranco Ibba, il preparatore atletico. Facile capire perchè: è stata la sua ombra in tutti questi mesi di sofferenza dal gesso alla gamba al ritorno in campo. «Ha sempre trovato per me le parole giuste», ha detto Dessena commosso a fine gara. Quelle che servono a un giocatore che soffre fuori dal campo. E lui ha ringraziato tutti: presidente, allenatore, tifosi e compagni: «Mi sono stati tutti vicinissimi. Non so quasi spiegarmi tutto quest’affetto da parte di questa terra, non so come ripagarlo».
«Ogni volta Storari mi chiamava dopo le partite - ha raccontato - dicendomi: vinciamo per te». E Dessena ha ricordato anche il 6-0 con il Brescia (il centrocampista si era infortunato proprio al Rigamonti) al Sant'Elia. Praticamente una terza vita rossoblù per il centrocampista di Parma, ma con origini sarde. La prima volta nel 2009, quando era arrivato dalla Samp. Ventinove presenze e tre gol lo avevano riportato alla casa madre. Ma ormai l’amore era sbocciato: nel 2012 seconda volta a Cagliari, diventata nuova patria. Da allora sempre in campo, anche in B. Fermato però a novembre non da un cambio di maglia, ma da un infortunio. Lunghissimo: Rastelli gli aveva concesso a fine campionato una comparsata con la Salernitana. Ma con tutte le raccomandazioni del caso: stai sulla fascia, non farti male. Perchè era solo un premio, un incoraggiamento: non era ancora pronto. Ora sì. Lo dimostrano anche i due gol. «Volevo vincere, ma non mi aspettavo certo di vincere così: è un sogno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enzo

    01 Novembre @ 21.59

    cio non toglie che spero di poterlo fischiare ancora al tardini entro un paio di anni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Evasione di tasse in Olanda: l'Unione europea apre un'indagine su Ikea

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento