20°

34°

parma alla moviola

Quella scelta del 1985. Che incide ancora

Un libro di Giulio Ferrarini riletto 30 anni dopo

copertina libro "Una scelta", di Giulio Ferrarini
0

La notizia della morte di Giulio Ferrarini, nei giorni scorsi, ha richiamato un periodo fondamentale nella storia politica di Parma: la svolta che nel 1985 portò alla prima giunta comunale di pentapartito, dopo mezzo secolo di governi locali socialcomunisti. Proprio Ferrarini raccolse in un libretto di 100 pagine una serie di interventi e articoli che avevano sancito le tappe di quel passaggio. Trent'anni dopo, quel libro ("Una scelta" - Un partito, una città, una regione nel cambiamento, ed. La Colornese) ha ancora qualcosa di attuale da raccontarci.

Tutto inizia allora. Senza quel 1985, forse, non capiremmo neppure tutto quello che a Parma è venuto in seguito: da Mara Colla a Lavagetto, Ubaldi, Vignali ed oggi Pizzarotti......

"La scelta del pentapartito", ovvero il passaggio dall'accoppiata con il fortissimo PCI ad un'alleanza con PSDI-PRI-PLI e soprattutto con la DC da mezzo secolo all'opposizione in città, fu secondo la prefazione dello stesso Ferrarini "una scelta travagliata e sofferta" eppure "consapevole". Una lacerazione politica ed anche umana, se si pensa che decenni di collaborazione amministrativa avevano cementato anche amicizie, ed un lungo lavoro di persone di PSI e PCI fianco a fianco nelle amministrazioni comunali e provinciali, nelle municipalizzate, nelle cooperative, nella sanità..... Un passaggio quindi imbarazzante e doloroso anche in questi dettagli.

Il libro di Ferrarini racconta 18 mesi: dal marzo 1984 al settembre '85, nel quale  la scelta del pentapartito si concretizza e per la prima volta il PCI parmigiano si ritrova all'opposizione. Una scelta che ha appunto nel PSI il suo centro e il suo motore (DC e partiti minori, ovviamente non speravano e non aspettavano altro): è il PSI di Craxi, che già a livello nazionale si è affrancato dai legami con il PCI  attraverso gli evidenti contrasti fra lo stesso Craxi e Berlinguer, che proprio in quel 1984 morirà per un ictus durante un comizio a Padova.

Nella primavera 1984 a  Parma il partito del garofano inizia un costante lavoro ai fianchi del socio di maggioranza con falce e martello (sono ancora i tempi del "bunker" di via Pellico) e già  uno dei primi interventi di Ferrarini, che trova spazio sulla Gazzetta, è significativamente intitolato "La primavera di Parma". Volta per volta, i socialisti  sembrano evidenziare e accentuare le smagliature che il Pci mostra nel suo pur monolitico apparato: le dimissioni di un dirigente come Franceschi, la "fallimentaregestione Tradardi dell'Usl", le dimenticanze nei confronti di Parma di una Regione ritenuta "Bolognocentrica" e guidata da Lanfranco Turci. Il tutto, condito da qualche occhiolino strizzato ai più aperti fra gli esponenti della Dc locale, come il maestro Ulisse Adorni, e da divergenze perfino sulla filosofia dei lavori pubblici, come nei lavori per l'allargamento di Ponte Italia.

All'inizio, sembrano soprattutto schermaglie per ricontrattare i rapporti interni, e per ottenere dal Pci maggiore considerazione e peso politico. Ma passo dopo passo, gli accenti posti sulle accuse al PCI parmigiano di "immobilismo" e di "subalternità" al Pci regionale a danno delle aspirazioni di Parma (aeroporto, bretella Autocisa-Autobrennero, Fiere, PRG ecc...) si fanno sempre più duri e convinti. E quando il risultato elettorale del maggio 1985 conforta e rafforza le anbizioni socialiste, la scelta fra le due maggioranze aritmeticamente possibili è quasi subito fatta, ed è appunto quella del pentapartito.

Certo, la strada successiva registrerà alti e bassi. La morte di Lauro Grossi (già in clima di forti contrasti interni e lotte di potere in casa PSI) segnerà la vera fine dell'esperienza di pentapartito, della quale i franchi tiratori nelle prime votazioni per eleggere Mara Colla saranno solo la conseguenza. Poi ci saranno una parentesi di centrosinistra, il tornado nazionale e locale di Tangentopoli (da cui proprio il PSI sarà travolto e ridimensionato) e la "restaurazione" della sinistra in Municipio, incarnata da Stefano Lavagetto fino al trionfo della prima elezione diretta nel 1994.

Ma nessuno si accorge, complici anche le successive vittorie rosse nelle consultazioni politiche nazionali o provinciali, che a Parma città qualcosa è cambiato per sempre. E se nel Paese si è nel frattempo avviata l'era berlusconiana (anche grazie allo "spauracchio" della sinistra comunista, che ancora pare funzionare almeno a livello nazionale), Parma la rossa tornerà presto e clamorosamente a sbiancarsi a sua volta, cone la doppia vittoria di Ubaldi, il successivo e più effimero regno di Vignali e poi con l'imprevedibile vittoria a cinque stelle di Pizzarotti sul leader del Pd parmense Bernazzoli. Tutto questo, sicuramente, in modi e tempi sicuramente diversissimi, da quelli raccontati da Ferrarini nel 1985. Eppure, a rileggere oggi quel lilbro, pare davvero che ci sia ancora qualcosa di sospeso e irrisolto (si pensi alla vicenda della Stazione mediopadana di cui si riparla tanto, oppure all'attuale dibattito sul futuro della Tep o degli aeroporti emiliani) nel dualismo fra la più rigida e allineata visoione di città della sinistra e le ambizioni, orogogliosamente autonome ma talvolta esagerate, dell'ex ducato che non si arrende a un ruolo da comprimaria.

Forse per chi da una parte o dall'altra sta già iniziando a pensare alla peossima sfida (2017), la strada per la conquista di Piazza Garibaldi potrebbe passare anche dalla rilettura, nei pro e nei contro, di quel libro e di quelle vicende di 30 anni fa.....

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione"

Hollywood

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione" Foto

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness

record

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness Video

Figlio di Madonna preso dal Benfica

calcio

Il figlio di Madonna preso dal Benfica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Si fa presto a dire Lambrusco

"ROSSO FRIZZANTE"

Si fa presto a dire Lambrusco. Lo speciale

di Chichibio

Lealtrenotizie

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti

SALA BAGANZA

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti Video

Salvata la fabbrica vicina. Dipendenti al lavoro nello stabilimento produttivo 

Gaione

Ladri in camera da letto, anziana finge di dormire

3commenti

via della salute

La banda degli scooter torna in azione. Ma stavolta è costretta a fuggire Foto

2commenti

tg parma

La città vissuta su una carrozzina: Scarpa e Pizzarotti in giro con Anmic Video

SPETTACOLI

Il «Sogno» inaugura l'Arena del Due

GIOVANI

Servizio civile, pochissime adesioni e il bando sta per scadere

2commenti

Paura

Fidenza: incendio in un appartamento, cinque intossicati

tragedia

Sorbolo: 40enne muore dopo una partita di calcetto Video

parma

Cercano di scipparla sul Ponte Italia: 20enne ferita

1commento

gazzareporter

I topi d'auto stavolta scelgono via Abruzzi

SONDAGGIO

Nel Parma in B preferireste rivedere Cassano o Gilardino? Votate

5commenti

I COMMENTI

Maturità, la prima prova? «Fattibile. Matematica e quizzone sono le bestie nere»

BEDONIA

Estate, risorgono i paesi disabitati

1commento

PARALIMPIADI

Ciclismo, la nuova sfida di Righetti

LIBRI

Leo Ortolani e l'arte di meravigliarsi ancora

calciomercato

Il 60% del Parma ai cinesi di Desports (a luglio): investiranno 15 milioni Video

Crespo sarà vicepresidente. L'annuncio di Marco Ferrari: "Lascio la vicepresidenza, spazio a nuove competenze"

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

di chichibio

ITALIA/MONDO

teramo

Dottoressa accoltellata a morte: il presunto killer si è ucciso

mafie

La Dna: 'Ndrangheta stabile in quasi tutte le Regioni.E in Emilia patto con altre organizzazioni criminali"

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

Moto

Max Biaggi resta in ospedale, altra operazione

Formula 1

F1, Sainz al posto di Alonso?

MOTORI

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia

TECNOLOGIA

L'auto? La proveremo sul divano. Parola di Ford