-5°

Storia di Parma

Quando la Parma inondò l'Oltretorrente

Quando la Parma inondò l'Oltretorrente

Alluvione del 1868

0

La recente, disastrosa alluvione del torrente Baganza che ha allagato l'intero quartiere Montanara, giungendo addirittura a lambire la parte storica della città, ha richiamato alla memoria un altro evento analogo (ma ancora più drammatico e doloroso per la perdita di numerose vite umane) che Parma dovette registrare nell'ormai lontano 1868.
La sera del 21 settembre di quell'anno, infatti, come ricorda una lapide ancora oggi visibile sulla casa di via Bixio che fa angolo con via della Costituente, il torrente Parma si gonfiò a dismisura per le abbondanti piogge, straripando in tre punti lungo il tratto cittadino e inondando gran parte dell'Oltretorrente (allora chiamata con il nomignolo di “Parma Vécia”).
La furia delle acque, che in alcune strade raggiunse l'altezza di due metri e mezzo, travolse tutto e tutti: alla fine si dovettero contare, oltre ai danni materiali, venti morti per annegamento tra gli abitanti del popolare quartiere.
Anche allora, come in questi giorni, la città si mobilitò prima nell'opera di soccorso, poi con una gara di solidarietà a favore della popolazione colpita negli affetti più cari e negli averi. Alle vittime dell'inondazione giunsero aiuti persino dalle colonie italiane dell'Africa e della lontana America.
Come ricordano le cronache del 1868, quella che oggi chiamiamo impropriamente “bomba d'acqua”, abbattè prima parte dei parapetti del ponte Caprazucca, poi distrusse un muro con tre casette cui faceva capo il vicolo Santa Caterina e in fine sorpassò il ponte di Mezzo. Tutte le strade e i borghi attigui alle due arterie principali dell'Oltretorrente, quella di San Francesco (l'attuale via Bixio) e quella di Santa Croce (l'odierna via D'Azeglio) finirono sott'acqua. 
Nel suo impetuoso cammino il torrente straripò, abbattendo tutto quanto poteva fare da ostacolo. Pianterreni delle povere case dei borghi di “Parma Vécia”, cantine, botteghe, magazzini di merci varie furono invasi dalle acque e dalla melma, in alcune case crollarono i primi piani, muri storici come quelli dell'orto dei Cappuccini o delle così dette “zitelle di San Giuseppe” vennero sbriciolati. Il cadavere di una delle vittime dell'alluvione che abitava in strada San Francesco, venne recuperato dai soccorritori fuori porta Santa Croce, il punto più lontano dove arrivarono le acque limacciose.
Un cronista della “Gazzetta” inviato sul posto parlerà nei suoi resoconti di un quartiere reso irriconoscibile dalla furia delle acque, con strade disselciate e ricoperte di fango, di mattoni strappati dalle case e di ogni sorta di detriti.
E racconterà ancora, tradendo una sincera commozione, delle disperate invocazioni di aiuto di chi stava per annegare o delle grida strazianti di chi aveva perso un familiare o di quanti erano alla ricerca dei propri congiunti.
In aiuto alla popolazione colpita dall'alluvione arrivarono anche due compagnie di fanteria che furono subito impiegate nella chiusura delle falle aperte dall'acqua nelle mura del torrente. Una terza venne invece destinata a presidiare le strade allagate per scoraggiare eventuali “sciacalli”.
Dalla tragica alluvione del 21 settembre 1868 ci ha lasciato una eccezionale fotocronaca il pittore Guido Carmignani (1838-1909), figlio del famoso paesaggista parmigiano dell'800 Giulio Carmignani, che ha fissato in otto tavolette alcuni dei momenti più drammatici di quella notte. Il pittore, nei giorni seguenti l'inondazione, aveva scattato con la macchina fotografica numerose istantanee dalle quali, cinque anni dopo, ricaverà la serie dei dipinti. In queste tavolette, i chiaroscuri, le forme degli alberi, le case distrutte, le tavole usate per le passerelle, i corpi degli annegati distesi per terra sotto i portici dell'Ospedale Vecchio, sono riprodotti esattamente come appaiono nelle istantanee, con crudo realismo. Di particolare effetto per l'atmosfera che la caratterizza è l'immagine notturna della “Strada Maestra S.ta Croce” completamente allagata, con l'acqua che trascina con sé detriti di ogni genere, riempie i portici dell'Ospedale Vecchio e riflette le luci fioche dei lamponi stradali, mentre il cielo viene illuminato dalla luna nascosta dietro le torri dei Paolotti.
Le otto tavolette di Guido Carmignani furono esposte dal 18 novembre 1995 al 15 aprile dell'anno successivo in una mostra intitolata “La città latente/II. Aspetti iconografici della città nella pittura parmense dell'800 e oltre” che fu allestita nei Voltoni del Guazzatoio in Pilotta a cura della Soprintendenza per i beni artistici e storici di Parma e Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

9commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta