Storia di Parma

Quando la Parma inondò l'Oltretorrente

Quando la Parma inondò l'Oltretorrente

Alluvione del 1868

Ricevi gratis le news
0

La recente, disastrosa alluvione del torrente Baganza che ha allagato l'intero quartiere Montanara, giungendo addirittura a lambire la parte storica della città, ha richiamato alla memoria un altro evento analogo (ma ancora più drammatico e doloroso per la perdita di numerose vite umane) che Parma dovette registrare nell'ormai lontano 1868.
La sera del 21 settembre di quell'anno, infatti, come ricorda una lapide ancora oggi visibile sulla casa di via Bixio che fa angolo con via della Costituente, il torrente Parma si gonfiò a dismisura per le abbondanti piogge, straripando in tre punti lungo il tratto cittadino e inondando gran parte dell'Oltretorrente (allora chiamata con il nomignolo di “Parma Vécia”).
La furia delle acque, che in alcune strade raggiunse l'altezza di due metri e mezzo, travolse tutto e tutti: alla fine si dovettero contare, oltre ai danni materiali, venti morti per annegamento tra gli abitanti del popolare quartiere.
Anche allora, come in questi giorni, la città si mobilitò prima nell'opera di soccorso, poi con una gara di solidarietà a favore della popolazione colpita negli affetti più cari e negli averi. Alle vittime dell'inondazione giunsero aiuti persino dalle colonie italiane dell'Africa e della lontana America.
Come ricordano le cronache del 1868, quella che oggi chiamiamo impropriamente “bomba d'acqua”, abbattè prima parte dei parapetti del ponte Caprazucca, poi distrusse un muro con tre casette cui faceva capo il vicolo Santa Caterina e in fine sorpassò il ponte di Mezzo. Tutte le strade e i borghi attigui alle due arterie principali dell'Oltretorrente, quella di San Francesco (l'attuale via Bixio) e quella di Santa Croce (l'odierna via D'Azeglio) finirono sott'acqua. 
Nel suo impetuoso cammino il torrente straripò, abbattendo tutto quanto poteva fare da ostacolo. Pianterreni delle povere case dei borghi di “Parma Vécia”, cantine, botteghe, magazzini di merci varie furono invasi dalle acque e dalla melma, in alcune case crollarono i primi piani, muri storici come quelli dell'orto dei Cappuccini o delle così dette “zitelle di San Giuseppe” vennero sbriciolati. Il cadavere di una delle vittime dell'alluvione che abitava in strada San Francesco, venne recuperato dai soccorritori fuori porta Santa Croce, il punto più lontano dove arrivarono le acque limacciose.
Un cronista della “Gazzetta” inviato sul posto parlerà nei suoi resoconti di un quartiere reso irriconoscibile dalla furia delle acque, con strade disselciate e ricoperte di fango, di mattoni strappati dalle case e di ogni sorta di detriti.
E racconterà ancora, tradendo una sincera commozione, delle disperate invocazioni di aiuto di chi stava per annegare o delle grida strazianti di chi aveva perso un familiare o di quanti erano alla ricerca dei propri congiunti.
In aiuto alla popolazione colpita dall'alluvione arrivarono anche due compagnie di fanteria che furono subito impiegate nella chiusura delle falle aperte dall'acqua nelle mura del torrente. Una terza venne invece destinata a presidiare le strade allagate per scoraggiare eventuali “sciacalli”.
Dalla tragica alluvione del 21 settembre 1868 ci ha lasciato una eccezionale fotocronaca il pittore Guido Carmignani (1838-1909), figlio del famoso paesaggista parmigiano dell'800 Giulio Carmignani, che ha fissato in otto tavolette alcuni dei momenti più drammatici di quella notte. Il pittore, nei giorni seguenti l'inondazione, aveva scattato con la macchina fotografica numerose istantanee dalle quali, cinque anni dopo, ricaverà la serie dei dipinti. In queste tavolette, i chiaroscuri, le forme degli alberi, le case distrutte, le tavole usate per le passerelle, i corpi degli annegati distesi per terra sotto i portici dell'Ospedale Vecchio, sono riprodotti esattamente come appaiono nelle istantanee, con crudo realismo. Di particolare effetto per l'atmosfera che la caratterizza è l'immagine notturna della “Strada Maestra S.ta Croce” completamente allagata, con l'acqua che trascina con sé detriti di ogni genere, riempie i portici dell'Ospedale Vecchio e riflette le luci fioche dei lamponi stradali, mentre il cielo viene illuminato dalla luna nascosta dietro le torri dei Paolotti.
Le otto tavolette di Guido Carmignani furono esposte dal 18 novembre 1995 al 15 aprile dell'anno successivo in una mostra intitolata “La città latente/II. Aspetti iconografici della città nella pittura parmense dell'800 e oltre” che fu allestita nei Voltoni del Guazzatoio in Pilotta a cura della Soprintendenza per i beni artistici e storici di Parma e Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Jurassic world

CINEMA

In missione per salvare i dinosauri: ecco il nuovo Jurassic World Video

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

1commento

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

protagonista

Colorno, il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

Ieri mattina la storia a lieto fine nella frazione di Copermio

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

bassa

Reggia devastata dall'acqua: studenti Alma e volontari al lavoro Video

Sospesa l'attività didattica della scuola di cucina italiana

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

Tre giorni per ripristinare l'argine dell'Enza. Boretto: revocato l'ordine di evacuazione di Santa Croce

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

7commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

5commenti

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita la Rugby Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle