15°

29°

parma centro

Quei due leoni che ruggiscono nel degrado

Le statue, antichissime, dimenticate in un angolo della Pilotta

Uno dei leoni di pietra sotto i voltoni della Pilotta

Uno dei leoni di pietra sotto i voltoni della Pilotta

Ricevi gratis le news
0

 

Margherita Portelli
Adesso se ne stanno lì, dietro un paio di cancelli, quei  simboli di fierezza per antonomasia relegati oltre le sbarre, a guardia di un angolo di Parma preso di mira dall’inciviltà. Eppure, i due leoni quasi nascosti sotto i voltoni della Pilotta che portano in Ghiaia sono sculture antichissime: di epoca romana  (pare che risalgano al primo secolo avanti Cristo),   facevano parte di un monumento sepolcrale di età augustea e sono tra le più antiche testimonianze del passato della città.
 Le due statue in pietra di Vicenza furono ritrovate negli anni Sessanta durante alcuni  scavi in  via D’Azeglio,  e da allora trovano posto sotto le buie arcate della Pilotta. Entrambi i leoni sono piuttosto malridotti (già ai tempi del ritrovamento erano privi delle zampe) e visto il degrado attuale della zona viene da chiedersi se la collocazione scelta cinquant’anni fa per ospitare questi due reperti sia ancora quella ideale, o se la conservazione delle opere ne risenta.
 «Si tratta di statue concepite per stare all’aperto e tutto sommato sotto i voltoni sarebbero anche abbastanza protette dagli agenti atmosferici  - commenta  Manuela Catarsi, vice direttore del museo archeologico nazionale di Parma, cui appartengono i leoni -. Al tempo del ritrovamento di queste sculture si decise di collocarle sotto i voltoni,  perché fossero un richiamo per i passanti, parmigiani e turisti che, trovandosi di fronte a queste fiere, venissero incuriositi e magari invogliati a una visita al museo. Quella zona, in effetti, da qualche anno è teatro di diverse espressioni di inciviltà. C’è chi getta cartacce, chi lega le biciclette alle sbarre delle cancellate, chi addirittura orina sotto i voltoni. Come ormai tutti sanno, però, i fondi alla cultura sono stati tagliati e quindi anche le risorse destinate alle pulizie hanno subito un razionamento.  Si tende perciò a privilegiare la manutenzione degli spazi interni». 
Ma le stanze del museo archeologico, in Pilotta, non sono adeguate ad ospitare i leoni. «Si era presa in esame la possibilità di realizzare delle vetrate per proteggere le statue, ma poi si correrebbe il rischio di vederle distrutte - aggiunge la Catarsi -, senza contare che, come accennavo prima, i soldi sono pochi». 
In fondo,  le due fiere sono in «buona compagnia», basti pensare al triste stato di abbandono in cui da qualche anno versa il ponte romano, poche decine di metri più in là. Per il momento, quindi, il destino delle imponenti belve di pietra sembra quello di rimanersene lì dove sono, nella speranza che i comportamenti di chi transita da quelle parti siano un po’ meno «bestiali». 
Margherita Portelli
Adesso se ne stanno lì, dietro un paio di cancelli, quei  simboli di fierezza per antonomasia relegati oltre le sbarre, a guardia di un angolo di Parma preso di mira dall’inciviltà. Eppure, i due leoni quasi nascosti sotto i voltoni della Pilotta che portano in Ghiaia sono sculture antichissime: di epoca romana  (pare che risalgano al primo secolo avanti Cristo),   facevano parte di un monumento sepolcrale di età augustea e sono tra le più antiche testimonianze del passato della città. Le due statue in pietra di Vicenza furono ritrovate negli anni Sessanta durante alcuni  scavi in  via D’Azeglio,  e da allora trovano posto sotto le buie arcate della Pilotta. Entrambi i leoni sono piuttosto malridotti (già ai tempi del ritrovamento erano privi delle zampe) e visto il degrado attuale della zona viene da chiedersi se la collocazione scelta cinquant’anni fa per ospitare questi due reperti sia ancora quella ideale, o se la conservazione delle opere ne risenta. «Si tratta di statue concepite per stare all’aperto e tutto sommato sotto i voltoni sarebbero anche abbastanza protette dagli agenti atmosferici  - commenta  Manuela Catarsi, vice direttore del museo archeologico nazionale di Parma, cui appartengono i leoni -. Al tempo del ritrovamento di queste sculture si decise di collocarle sotto i voltoni,  perché fossero un richiamo per i passanti, parmigiani e turisti che, trovandosi di fronte a queste fiere, venissero incuriositi e magari invogliati a una visita al museo.
Quella zona, in effetti, da qualche anno è teatro di diverse espressioni di inciviltà. C’è chi getta cartacce, chi lega le biciclette alle sbarre delle cancellate, chi addirittura orina sotto i voltoni. Come ormai tutti sanno, però, i fondi alla cultura sono stati tagliati e quindi anche le risorse destinate alle pulizie hanno subito un razionamento.  Si tende perciò a privilegiare la manutenzione degli spazi interni». Ma le stanze del museo archeologico, in Pilotta, non sono adeguate ad ospitare i leoni. «Si era presa in esame la possibilità di realizzare delle vetrate per proteggere le statue, ma poi si correrebbe il rischio di vederle distrutte - aggiunge la Catarsi -, senza contare che, come accennavo prima, i soldi sono pochi». In fondo,  le due fiere sono in «buona compagnia», basti pensare al triste stato di abbandono in cui da qualche anno versa il ponte romano, poche decine di metri più in là. Per il momento, quindi, il destino delle imponenti belve di pietra sembra quello di rimanersene lì dove sono, nella speranza che i comportamenti di chi transita da quelle parti siano un po’ meno «bestiali». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti