13°

31°

Strajè-Stranieri

"Ho insegnato ai belgi ad andare in bicicletta"

"Ho insegnato ai belgi ad andare in bicicletta"
0

«Il lavoro non ammazza. Che fa morire è la tristezza». Rogello Rioli, pochi mesi e sono 90 anni. La vita, il Novecento, lui li vede così.
Da ragazzo povero di montagna, vessato dai fascisti e costretto a emigrare per vivere. Ma pure da piccolo imprenditore nel settore delle automobili: traguardo figlio di anni di fame e sacrifici. «Ho avuto un’infanzia triste», attacca senza mezzi termini, accogliendo nella sua casetta fuori paese, lungo una stradicciola in un pendio verso Casa Mercanton. Più o meno, succede questo: il padre rimane vedovo a 50 anni, si trova con sette figli, Rogello e sei sorelle; lui lavora come un cane per dodici ore, con la schiena china sui sassi, per una lira al giorno, una miseria: il padre arriva fino a 3 o 4 lire, il triplo di una miseria, sufficiente appena per sopravvivere, ma non per pagare gli studi. La tessera del Fascio gliela paga la maestra, dopo esser stato espulso da scuola per non avervi aderito. Passano i mesi. Viene la guerra e  dopo quattro anni, l’8 settembre, il soldato Rogello si ritrova a casa. Da Udine ad Albareto, un po' in bicicletta, un po' a piedi. Racconta: «I tedeschi mi cercavano. Nessuno di noi ci teneva ad essere sotto Mussolini. Però abbiamo giurato al Re. Quello che ci si diceva, infine, era “si salvi chi può”. Tornato in montagna mi sono integrato nei partigiani. Poi ho visto che rubavano. Non mi piaceva. Prendevano roba per poi rivenderla. Ne approfittavano, della fame. Ho fatto tre mesi nella tana, nascosto. Mi portavano da mangiare; non sempre. Le sorelle hanno bruciato tutto in casa. Avevano paura che i tedeschi trovassero i panni».
Finisce la guerra, trova lavoro a Parma, sulla linea ferroviaria per Salsomaggiore. Lo accusano di esser stato fascista, in tribunale dimostra il contrario, sta di fatto che lui e altri sei perdono il lavoro. Si trova a casa, all’alba del dopoguerra italiano. Gli propongono la miniera. Accetta. E finisce a Liegi, in Belgio, con un contratto di cinque anni. «Ero meccanico, non minatore; sorvegliavo le pompe ad acqua. Le riparavo, quando serviva, per non lasciare gli altri con i piedi a mollo». Trascorso un lustro - non sottoterra fortunatamente, ma con altre incombenze - con i risparmi apre un negozio di biciclette. Curiosità: «Lì pochissimi la usavano. Erano tutti in giro a piedi, con gli zoccoli. Di bici, quasi niente. Oltre a venderle, dovevo anche spiegare come salirci, come si usavano». Vende il negozio, e comincia a commerciare in motorini: Lambrette, Trotter (Moto Guzzi), tutti i miti del boom nel Belpaese. Anche lì va tutto bene, ma dura poco: per 22 anni Rogello Rioli sarà infatti l’uomo di fiducia della Fiat in quella zona, vendendo prodotti (ormai storici) come le Seicento, le Ottocentocinquanta e le inimitabili Cinquecento. Tutte automobili appena arrivate da Mirafiori.
Intanto, si prende il brevetto di saldatore all’Università di Liegi. Abita nella mansarda di un bar, con altri tre italiani. Gli seguono tre figli, che ora vivono in Belgio, con una bella aziendina da gestire. Dietro il cammino dell’Europa, ci sono anche storie così. Dell’oggi, Rioli non è contento del tutto, anzi. Non rimpiange certo il bel tempo andato, perché la fame la ricorda bene. Però dice, «i vecchi venivano assistiti, allora, si stava tutti in famiglia. Si vegliavano gli ammalati. E non c'erano le serrature alle porte di casa. Peccato che siamo arrivati a un’epoca così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

11commenti

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

1commento

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

8commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

Carabinieri

Spaccio a domicilio: arrestato 30enne a Sorbolo

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover