10°

22°

Strajè-Stranieri

La comunità islamica: Parma ci aiuti

La comunità islamica: Parma ci aiuti
2

Luca Molinari

«Chiediamo un gesto di solidarietà alla città di Parma».
Farid Mansouri, presidente della comunità islamica, lancia il proprio appello ai parmigiani per acquistare il materiale ignifugo necessario per la moschea di via Campanini (quartiere artigianale di via Venezia).
Dopo che nei giorni scorsi il luogo di culto era stato chiuso e quindi  «denudato» di qualsiasi materiale od oggetto a rischio d’incendio (compresi i libri per le lezioni di arabo dei bambini), ieri Mansouri ha chiesto aiuto alla cittadinanza.
«Abbiamo offerto questi spazi alla città - ha dichiarato - ci piacerebbe che ora qualcuno ci venisse incontro».
Centro culturale non moschea
 Il capannone di via Campanini infatti è un centro culturale islamico e non un luogo di culto. Le regole di sicurezza a cui è sottoposto sono quindi più stringenti rispetto a quelle previste per una moschea o una chiesa. «Ci hanno detto che questo spazio - spiega Mansouri - è sottoposto alle stesse norme di una discoteca o di un luogo pubblico, ben più stringenti rispetto a quello dei luoghi di culto».
Ora per terra, al posto dei tappeti, ci sono dei pannelli di polistirene (materiale utilizzato per l’isolamento termico) , ma la comunità attualmente non può permettersi ulteriori spese.
L'appello
 «Non abbiamo 20-30 mila euro per i tappeti - confessa Mansouri - e altri soldi per le attrezzature. Bisogna portare pazienza. Nessuno ci aiuta e dobbiamo contare sulle nostre forze come abbiamo sempre fatto. Stiamo facendo i salti mortali per pagare le rate del capannone e ora dobbiamo trovare i fondi per questi nuovi bisogni. I fedeli hanno stipendi che in media si aggirano sui novecento-mille euro al mese e faticano a coprire le loro spese personali. Un aiuto da parte dei parmigiani sarebbe graditissimo. Stiamo comunque cercando il necessario in offerta e, magari pagando a rate, acquisteremo il nuovo materiale che rispetti le rigide norme antincendio».
I mobili per gli uffici e le altre attrezzature dovranno infatti essere certificati, come prevedono le leggi in materia. «Dobbiamo andare avanti senza farci prendere dallo sconforto - prosegue Mansouri - bisogna avere pazienza». Di recente la comunità aveva aperto una scuola di arabo per i bambini. «Si svolgeva la domenica mattina - ricorda il presidente della comunità - ma senza banchi e libri non possiamo riprendere le lezioni.  Tra qualche mese vorremo aprire anche la scuola di Italiano e di arabo per adulti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • andrea

    17 Febbraio @ 18.09

    vogliono 20000 euro? AHAHAHAHHA, non c'è che dire, questi islamici son proprio simpatici! Ma....è una battuta, vero?

    Rispondi

  • giuliana

    04 Febbraio @ 09.11

    Il problema non esiste. Se la moschea è solo eccezionalmente ANCHE luogo di culto, ognuno può portare il proprio tappetino come succede quando vengono occupate abusivamente strade e piazze. Nessun centro culturale italiano avrebbe mai negato la partecipazione attiva degli stranieri anche a costo zero Il fatto è che sono interessati alla nostra cultura solo nei limiti in cui possono servirsene per mantenere e rafforzare la loro. Perché devono fare lezioni di arabo quando a carico della nostra società si fanno corsi di italiano esclusivamente per stranieri? Comincino loro a contribuire alle nostre spese.\r\nHanno diritto all\'aiuto nella stessa misura in cui nei paesi arabi contribuiscono al sorgere di centri culturali o di culto non islamici. Mi pare che Parma abbia già dato più che a sufficienza.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'abbraccio di Samuele Bersani

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

Anno 2016

Emilia-Romagna, distretti industriali in crescita. I salumi di Parma tra i migliori

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

3commenti

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

3commenti

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

2commenti

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

cinema

Morto Jonathan Demme, il regista del "Silenzio degli Innocenti"

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

TECNOLOGIA

Smartphone, i giovani italiani sono meno "dipendenti" in Europa

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport