12°

22°

Strajè-Stranieri

Dall'Argentina arriva l'appello di Odilia: "Aiutatemi a trovare i miei parenti"

Dall'Argentina arriva l'appello di Odilia: "Aiutatemi a trovare i miei parenti"
Ricevi gratis le news
0

di Andrea Violi

«Scrivo dall'Argentina. Mi chiamo Odilia Strucchi e cerco i miei antenati materni e paterni per aggiungerli al mio albero genealogico. Sono tutti cognomi dell’Emilia-Romagna. I miei nonni arrivarono in Argentina nel '900 ma non posso trovare il ceppo di tutti quelli che restarono in Italia».
Comincia così il messaggio che Odilia Haydee Strucchi ha inviato a Gazzettadiparma.it per lanciare un appello: «Aiutatemi a trovare i miei lontani parenti». Come nel caso di Maryann Foley, «strajè» della California che cercava informazioni sui parenti di Medesano e Felegara, il nostro sito dà voce a una famiglia di persone nate in un altro continente, ma ben consapevoli che le loro radici rimandano alle nostre terre.
Odilia Haydee Strucchi parla un discreto italiano e vive a Salliquelló, una cittadina di 10mila abitanti a ovest di Buenos Aires, ma i suoi avi erano reggiani. Il punto di partenza? Nomi, date e luoghi di nascita di nonni e bisnonni. I cognomi dei suoi avi sono Strucchi, Montanari, Catellani e Paterlini: persone vissute fra '800 e '900 alcuni a Castelnovo Sotto, altri a Cavriago, altri a Guastalla e Novellara. E ora la signora Strucchi cerca l'aiuto della gente per trovare i discendenti e parenti.
Nel 1990 la signora Odilia ha ricevuto una lettera da una famiglia Strucchi di Novellara e ha deciso di ricostruire l'albero genealogico. «Devo farlo in onore ai miei genitori!», spiega a Gazzettadiparma.it.
L'impresa non è facile: in quasi due decenni le informazioni raccolte non sono molte: qualche foto d'epoca e un contatto con i discendenti di Onesto Strucchi, nato nel 1864 e fratello della bisnonna Luigia.

Ha pensato di rivolgersi a istituzioni o associazioni di emigranti? «Non ho avuto contatto con nessuna associazione di italiani perché non ho dati precisi. (In questi anni, ndr) è mancato il contatto con gli altri ceppi (della mia famiglia, ndr) che restarono in Italia. Ho inviato tantissime lettere a indirizzi che prendo da nternet ma le risposte sono state scarse»..

Come si chiamavano i suoi genitori? «Mio padre era argentino e si chiamava Angel Strucchi. Era figlio di Giovanni e Tersilina Montanari, nipote di Gaetano Strucchi ed Luigia Strucchi. Mia madre si chiamava Negressa Catellani: era argentina e i suoi genitori si chiamavano Narciso Eliseo Catellani e Dirce Paterlini».

Come si chiamavano i suoi avi? «Da parte di mia mamma i cognomi sono Catellani e Paterlini. So che mio nonno Narciso Eliseo Catellani, figlio di Giacomo Catellani e Francesca Parmeggiani, è nato a Cavriago il 15 aprile 1870. Nel 1896 si è trasferito con tutta la famiglia a Reggio Emilia e si è sposato con Dirce Paterlini a Castelnovo di Sotto (S. Savino) nel 1903. Dirce Paterlini è nata a Castelnovo Sotto il 05 agosto 1876: era figlia di Ferdinando Paterlini e Regina Salsi.
Da parte di mio padre i cognomi sono Strucchi e Montanari. So che il mio bisnonno Gaetano Strucchi è nato nel 1858 e si è sposato con Luigia Strucchi (aveva lo stesso cognome). Suo figlio Giovanni, mio nonno, è nato a Guastalla nel 1879. I fratelli di Luigia che restarono in Italia sono Clementa (1854),   Luigi (1862), Onesto (1864), Carolina (1868) Sante (1865) e Alberto (1867)».

Sa quale mestiere facessero i suoi avi, in Italia e poi in Argentina? «Erano tutti contadini. La regione dove si sono sviluppate in Emilia-Romagna: Reggio Emilia, Cavriago, Novellara, Castelnovo di Sotto, Guastalla. Anche un po' in Liguria».

Può raccontarci qualcosa su di lei? «Sono una signora di 59 anni, nipote d'italiani, impiegata della banca e vivo in una piccola città, Salliqueló, (10mila abitanti) fondata nel 1903 in mezzo della grande pianura "pampeana", a ovest della provincia di Buenos Aires, nel centro del paese, una delle più ricche regione agricole-ganadere dell'Argentina, dove cresce il frumento, il granturco, il girasole. ecc. e dove mangia il bestiame. Ho una bellissima familia: mio marito Abel, (figlio d'italiano), e le mie tre figlie: Carolina, Lía Anahí e Marina. È una abitudine tra noi dire "gringo" ai discendenti d'italiani: allora il sopranome di mio marito  è "gringo" e non manca chi dica "gringa" alle mie figlie!! Veramente la collettività italiana è la pìù grande in Argentina e dobbiamo riconoscere che ancora, dopo tanti anni delle grande immigrazioni, si conservano tantissimi abitudini, come il piacere di mangiare la pasta, del lavoro, l'onestità e, come nel mio caso, imparare un po' la lingua o ballare qualche tarantella!».

Se qualcuno avesse informazioni può contattare l'e-mail sito@gazzettadiparma.net.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro  Foto

MODA

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

Stranieri

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

43commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

l'agenda

Funghi e non solo: una domenica di sagre e tesori segreti da scoprire

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

soccorso alpino

Andar per funghi in sicurezza: il vademecum

CONCERTO

Nada incanta al Colombofili

NEVIANO

Palestra rinnovata, scolari in festa

PARCO DUCALE

Nella serra piccola del Giardino il «posto delle viole»

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

7commenti

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

2commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

1commento

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'omaggio a Verdi: un dovere e un piacere

di Francesco Monaco

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Terracina

Caccia italiano precipita in mare: trovato il corpo del pilota Video

concerto a Lucca

Polemiche: Stones leggendari per molti. Ma non per tutti Video

SPORT

Il caso

Sport e popstar Usa in ginocchio contro Trump. Lui ai tifosi: "Boicottateli"

Ciclismo

Sagan, leggendario tris mondiale con dedica a Scarponi

1commento

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

il caso

Arabia Saudita, la prima volta delle donne allo stadio

3commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery