14°

Strajè-Stranieri

Avis, porte aperte ai donatori stranieri

Avis, porte aperte ai donatori stranieri
0

Alessia Ferri
«Sono stata colpita da una grave malattia, durante la quale non sapevo quale sarebbe stamto il mio futuro. In quel periodo, promisi a me stessa che, se fossi sopravvissuta, avrei fatto qualcosa per aiutare gli altri».
 A pronunciare queste parole, con gli occhi lucidi e la voce rotta dall’emozione, è Rebecca, tunisina di nascita ma parmigiana d’adozione, oggi perfettamente guarita. Lei, a distanza di tempo, quella promessa l’ha mantenuta, e ha cominciato, insieme al marito Benjedou Belgacem, presidente dell’associazione degli immigrati tunisini a Parma, a divulgare tra i propri connazionali, la cultura della donazione di sangue. «Nel nostro Paese, i donatori sono tanti -  spiegano i coniugi - qui, purtroppo, non è così perché, per colpa di arcaismi culturali difficili da sradicare, molti tunisini, concepiscono mal volentieri l’idea di donare a qualcuno che non appartenga al proprio Paese».


Anche grazie all’aiuto dell’Avis provinciale, tuttavia, le cose stanno, lentamente, cominciando a migliorare. «Da alcuni anni  portiamo avanti una campagna informativa rivolta a tutti gli immigrati presenti sul territorio  per invitarli a donare il sangue che, per noi, è tutto uguale», sottolineano il presidente dell’Avis provinciale, Riccardo Bertoli,  e Fiorella Scognamiglio, responsabile dell’Unità di raccolta sangue dell’Avis provinciale. Tanti i frutti del loro impegno, tra i quali, una bella iniziativa realizzata ieri, in collaborazione con la Provincia, proprio su proposta dell’associazione degli immigrati tunisini. In occasione della festa della donna, infatti, la sede dell’Avis provinciale  ha aperto le proprie porte  per un’azione di sensibilizzazione  rivolta in particolar modo alle donne straniere.


«Un’iniziativa importante per noi e per loro, oltre che un significativo passo in avanti verso la vera e concreta integrazione», continua Riccardo Bertoli. Ventisette le donne che hanno accettato l’invito, sottoponendosi agli esami di idoneità necessari per poter diventare donatore a tutti gli effetti. A loro, si sono aggiunti 34 uomini  di origine tunisina, albanese e camerunense. Numeri significativi, a coronare una giornata di festa, alla quale era presente anche l’assessore provinciale Gabriele Ferrari.
Unire il sangue è la forma di integrazione più alta che possa esistere perché rappresenta l’essenza stessa degli uomini e della donne», precisa. «Si può vivere facendo a meno di molte cose, ma non di quello. L’associazione degli immigrati tunisini l’ha capito e, per questo, ha deciso di intraprendere una percorso importante ma complicato, che ha l’obiettivo ambizioso di contribuire ad aumentare il numero di donatori tunisini, ma non solo». Una missione difficile,  che tuttavia  Rebecca non giudica impossibile perché, dice, «è soprattutto una questione di amore».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noe': "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

9commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

SALA BAGANZA

Addio ad Anna, pilastro del volontariato

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

2commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

calciomercato

Amauri nuovo giocatore dei New York Cosmos

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv